Samsung Galaxy Book S Recensione: Windows su Snapdragon al suo apice

Samsung Galaxy Book S è un portatile che fa da apripista al programma Windows on Snapdragon. La base è solida, la tecnologia è giovane.

recensione Samsung Galaxy Book S Recensione: Windows su Snapdragon al suo apice
Articolo a cura di

Samsung è tornata solo di recente a vendere notebook in Italia, dopo un lungo periodo di assenza. In questo momento, in cui lo smart working sta tornando prepotentemente alla ribalta, la domanda di portatili è in salita, è giunto quindi il momento di tornare a puntare su questo tipo di prodotti, come il portatile Galaxy Book S, che strizza l'occhio a coloro che cercano un dispositivo da utilizzare in mobilità.
Il prezzo è fissato a 1099 euro su Amazon Italia (Snapdragon, LTE, 256GB). Nelle ultime settimane abbiamo avuto modo di testare a dovere il dispositivo, che si rivolge a un utente ben preciso, in cerca della massima autonomia e di un form factor ridotto.

Design, unboxing e connettività

La confezione di vendita include al suo interno un cavo USB Type-C/USB Type-C dalla lunghezza di 1,7 metri circa, un caricabatterie da 25W, manualistica varia e un adattatore da USB Type-C a USB Type-A. Insomma, la dotazione comprende esattamente ciò di cui l'utente ha bisogno. Non appena si estrae il notebook dalla confezione di vendita si nota subito una qualità costruttiva di elevata caratura, nonché un'attenzione al design che Samsung ha sempre dimostrato di avere nel corso degli anni. Se il look è "premium" sin dal primo contatto e inneggia al trasporto di un libro ("Book"), quello che stupisce ancora di più è il peso del portatile: 961 grammi.

Il dispositivo si può tranquillamente tenere con una singola mano ed è una delle soluzioni più leggere che abbiamo provato in generale. Molto contenuto anche lo spessore: 6,2 - 11,8 mm, ma le dimensioni in generale sono compatte (305,2 x 203,2 x 6,2 - 11,8 mm). Insomma, si tratta proprio di un portatile perfetto per la mobilità.

La scocca in metallo conferisce al prodotto una certa solidità costruttiva, rendendolo adatto a qualsiasi tipo di situazione, dai mezzi pubblici all'ufficio, passando per la comodità di casa, da un uso lavorativo a uno ricreativo. L'unica colorazione in vendita in Italia è quella Maple Gold, in grado di "generare" buoni giochi di luce ed esaltare ulteriormente il design scelto da Samsung. Una volta aperto il coperchio, si nota una rifinitura in lega di magnesio, particolarmente piacevole al tatto, che circonda la zona di tastiera e touchpad.
Questa scelta ci ha fatto molto piacere e garantisce quel tocco di classe in più che dimostra l'attenzione al design da parte di Samsung. Qui si viene a contatto anche con lo schermo touchscreen, che dispone di bordi visibili ma contenuti rispetto a molte altre soluzioni.

I più attenti al design noteranno inoltre un rivestimento diverso nel pulsante d'accensione, messo in evidenza in alto a destra. Questo funziona anche da sensore di impronte digitali tramite Windows Hello e si è sempre rivelato reattivo durante la nostra prova. In alto, appena sopra alla tastiera, sono presenti due microfoni. Per quanto riguarda il touchpad, che è "allungato" in orizzontale, l'area è ampia, i clic sono udibili e l'utilizzo si rivela preciso.

Passando alla tastiera, i pulsanti restituiscono un ottimo feedback, perfetto per chi scrive molto. In ogni caso, la corsa è particolarmente breve. Potrebbe non trattarsi, dunque, di una soluzione adatta a tutti, ma è la scelta più ovvia da fare per un portatile con questo spessore e, in ogni caso, una volta fatta l'abitudine, si riesce ad apprezzare tutto molto di più. Non manca inoltre la retroilluminazione dei tasti, ma quest'ultima non ha la stessa intensità di altre soluzioni. Ci saremmo, dunque, aspettati un po' di più in termini di tastiera da un prodotto di questo tipo, ma tutto sommato, contestualizzando Galaxy Book S in un contesto di mobilità, ci può stare.
Sul lato destro sono presenti unicamente una porta USB Type-C 3.1 e il LED di stato, mentre sulla sinistra fanno capolino un'altra porta USB Type-C 3.1 e il jack audio da 3,5 mm. Qualcuno di voi si starà chiedendo come collegare una classica chiavetta o un accessorio USB Type-A: la risposta è mediante l'adattatore da USB Type-C a USB Type-A presente in confezione. Si collega l'adattatore a una delle porte USB Type-C e si passa per quest'ultimo per accedere alla chiavetta o utilizzare gli altri accessori. In basso ci sono i classici piedini per sostenere il portatile e lo slot per l'inserimento della SIM e della microSD.

Tirando le fila del discorso, il design di Samsung Galaxy Book S strizza l'occhio a portabilità e leggerezza, due aspetti che coloro che si muovono molto da un contesto all'altro saranno felici di trovare. Lo avevamo accennato già in apertura: Galaxy Book S è un prodotto che si rivolge a uno specifico tipo di utente.

Caratteristiche tecniche

La scheda tecnica di Galaxy Book S ha attirato la nostra attenzione sin dalla presentazione. Infatti, in questa versione non troviamo un comparto hardware "standard", vista la presenza di un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 8cx con processo produttivo a 7nm, SoC basato su architettura ARM e operante alla frequenza massima di 2,84 GHz, e un modem 4G LTE. Fate attenzione a non confondervi con il recentemente annunciato Snapdragon 8cx Gen 2, che supporta il 5G. In ogni caso, la scelta di Samsung è molto interessante in termini di autonomia, come vedremo in precedenza, e non va a inficiare troppo le prestazioni nel quotidiano, ma comporta anche alcuni limiti.

Approfondiremo l'argomento più avanti nel corso della recensione. In ogni caso, al fianco della CPU troviamo una GPU Adreno 680 e 8GB di RAM LPDDR4X, nonché 256GB di memoria interna, che è espandibile tramite microSD fino a 1TB.

Lo schermo è da 13,3 pollici con risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel) prodotto da BOE. Qui non c'è veramente nulla da criticare: la luminosità è buona, gli angoli di visione sono ampi, i colori sono perfettamente bilanciati e la presenza del touchscreen rende l'utilizzo del portatile ancora più comodo, specialmente in contesti in cui utilizzare la tastiera potrebbe non essere poi così facile. Portando Galaxy Book S all'esterno, i riflessi si fanno sicuramente notare.
Nonostante questo, siamo su livelli normali, ma visto che si tratta di un prodotto che strizza particolarmente l'occhio alla mobilità è giusto dirlo. Per il resto, il pannello è veramente ottimo e consente anche di tenere i consumi a livelli non troppo elevati, senza esagerare con la risoluzione. Davvero un buon lavoro. Da notare il fatto che, appena sopra al display, è presente una webcam 720p dalle dimensioni particolarmente ridotte. C'è anche un piccolo LED che indica se essa è attivata o meno.

Arrivando al comparto connettività, quest'ultimo include Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac e Bluetooth 5.0, nonché il supporto al 4G LTE mediante la scheda SIM da inserire nell'apposito slot. La batteria è da 42 Wh: qui Samsung ha fatto un lavoro impeccabile. Le scelte che abbiamo citato in precedenza consentono un'autonomia eccezionale, che riesce a protrarsi anche per due giornate intere con un utilizzo da ufficio sotto Wi-Fi. In ogni caso, anche facendone un uso sotto rete 4G e stressandolo un po', ovviamente sempre con un uso consono al prodotto, siamo sempre riusciti a portare a casa la classica giornata lavorativa.
Buona ma non eccezionale la ricarica a 25W, che impiega circa due ore per portare la batteria al 100%. Poco da dire sulle temperature: non abbiamo mai avuto problemi in tal senso. Il sistema operativo è Windows 10 nella sua versione Home a 64-bit. Ci sono alcune applicazioni di Samsung preinstallate, come DeX, Glow e Notes. Il comparto audio stereo realizzato in collaborazione con AKG è ottimo, grazie anche a dei bassi ben presenti nella scena sonora.

Esperienza d'uso

Samsung Galaxy Book S è un portatile che si rivolge a chi lavora in mobilità. Non è un caso che ci sia il supporto al 4G LTE tramite nanoSIM, che permette di rimanere sempre connessi. Per un utilizzo di quel tipo, la proposta dell'azienda sudcoreana è ottima e dispone di tutto ciò che serve a quel tipo di persona. Le prestazioni sono più che sufficienti per il classico utilizzo da ufficio, c'è la comodità del touch screen, l'autonomia è eccezionale e il peso piuttosto contenuto è una manna dal cielo quando si vuole trasportare il dispositivo.

Tuttavia, la scelta di adottare un processore Qualcomm Snapdragon 8cx ha i suoi limiti. Infatti, Galaxy Book S non è compatibile con tutti i software come un comune portatile, vista l'architettura. Questo non è un problema per coloro che sono soliti utilizzare i classici programmi da ufficio, magari scaricandoli dal Windows Store. Tuttavia, bisogna basarsi sulle versioni a 32-bit dei programmi e questo può essere un limite importante.

Per farvi un esempio concreto, non è possibile installare alcuni software della suite Adobe, se non mediante "vecchie" versioni, per non parlare dell'utilizzo lato gaming. Abbiamo installato i client di Steam ed Epic Games Store giusto per vedere la situazione e, come potete immaginare, siamo ancora lontani da una buona compatibilità. L'esempio più lampante è quello dell'Epic Games Store, in cui nessuno dei titoli nella nostra libreria risulta installabile.

La situazione cambia leggermente su Steam, da cui si possono scaricare vari titoli, ma è tutto molto confuso e l'utente deve verificare gioco per gioco. Ad esempio, siamo riusciti a scaricare titoli come The Elder Scrolls V: Skyrim e Tomb Raider (2013), ma molti altri non risultano nemmeno installabili. Tra questi, Spyro Reignited Trilogy, PUBG, Monster Hunter World, eFootball PES 2020, La Terra di Mezzo: L'Ombra della guerra e The Awesome Adventures of Captain Spirit. Insomma, sono precluse di base molte possibilità e non si tratta palesemente del dispositivo più adatto al gaming, così come non è consigliabile puntarci per l'editing video.
Nonostante questo, per pura curiosità, non siamo riuscirci a trattenerci dall'effettuare qualche test con Skyrim: mantenendosi sul preset "Basso", l'utente meno esigente può riuscire a giocare discretamente, magari collegando un mouse/pad. Sarà invece molto più interessante vedere in futuro cosa si potrà fare con il 5G (qui si arriva al 4G LTE) a livello di servizi di gaming in streaming come Google Stadia, che potrebbero di fatto sistemare una delle poche pecche di questi dispositivi.

Samsung Galaxy Book S Samsung Galaxy Book S è un portatile interessante. Si tratta di uno degli apripista della concezione Windows on Snapdragon, che mira a portare l'autonomia, la connettività e la comodità dell'ambiente smartphone nel mondo dei computer portatili. I primi risultati interessanti si vedono già con questo prodotto: prestazioni più che sufficienti per l'uso da ufficio, autonomia eccezionale, possibilità di utilizzare la connettività 4G LTE ovunque (slot nanoSIM integrato), peso di soli 961 grammi e spessore particolarmente ridotto. A questo vanno aggiunti la solita qualità costruttiva di Samsung, un ottimo schermo e un buon comparto audio. Come per tutti quei prodotti che cercano di innovare, però, ci sono alcune sbavature dovute soprattutto alla gioventù di questa tecnologia. Infatti, al netto di una tastiera non perfetta, l'unico reale "grattacapo" di Galaxy Book S è la compatibilità delle app. Sebbene ci siano molti software compatibili, anche passando per negozi come il Windows Store, l'impossibilità di utilizzare alcuni specifici programmi può far storcere il naso, soprattutto per un dispositivo venduto a 1099 euro. Sia chiaro, non si tratta di nulla di trascendentale per coloro che fanno un uso da ufficio, ma chi è solito andare oltre, dall'editing video al gaming, troverà dei limiti importanti. In ogni caso, Galaxy Book S è un apripista interessante, che consigliamo senza remore a coloro che sono soliti muoversi spesso e cercano comodità e connettività prima di tutto. Per gli altri, la base di partenza è ottima: in futuro potrebbero esserci novità importanti.

7.7