Samsung Galaxy S21 5G Recensione: la variante meno costosa del top di gamma

La "variante base" della gamma Samsung Galaxy S21 si presenta come uno smartphone più "compatto" del solito: ecco la nostra analisi.

Samsung Galaxy S21 5G Recensione: la variante meno costosa del top di gamma
Articolo a cura di

Il mondo degli smartphone attuale offre talmente tante soluzioni che spesso è difficile persino per gli addetti ai lavori districarsi tra la miriade di modelli usciti. In questo contesto, qualcuno potrebbe pensare che valga la pena puntare solamente sulle varianti top delle serie più blasonate. Ad esempio, in casa Samsung, la punta di diamante è rappresentata da Galaxy S21 Ultra, che abbiamo già analizzato su queste pagine.
Tuttavia, non bisogna dimenticarsi che la più recente gamma di flagship dell'azienda sudcoreana è composta anche da Galaxy S21 e Galaxy S21+, tra l'altro entrambi con supporto al 5G. Nelle ultime settimane abbiamo avuto modo di avere come fido compagno il "modello base" del top di gamma, ovvero Samsung Galaxy S21 5G. Quest'ultimo viene venduto a un prezzo di 879 euro sul portale ufficiale della società nel suo modello da 8/128GB, mentre la variante che abbiamo avuto modo di provare, ovvero quella da 8/256GB, costa 929 euro.

Design e unboxing

La prima informazione che abbiamo verificato una volta che Samsung Galaxy S21 è giunto nelle nostre mani è stata la protezione della backcover, che qui è in Glastic (policarbonato che cerca di "emulare" il retro in vetro dei modelli Plus e Ultra). Per quanto questo possa far storcere un po' il naso, in realtà Samsung ha lavorato bene ed è difficile notare differenze con le varianti più costose. Certo, utilizzando un po' lo smartphone si nota che la backcover trattiene un po' di più le impronte, ma la sensazione al tatto è ottima.
Qualcuno tra di voi si starà sicuramente chiedendo quanto "spietati" siamo per aprire la recensione di Samsung Galaxy S21 in questo modo. In realtà, questo preambolo era per dirvi che questo è essenzialmente l'unico elemento negativo del design del dispositivo. Infatti, affermare che il retro in Glastic sia una pecca è voler cercare l'ago in un pagliaio.

Il frame è in metallo e la qualità costruttiva è ottima, così come è particolarmente convincente il design del modulo fotografico presente sul retro. Il fatto che la scocca color oro vada a "congiungersi" con il lato sinistro del dispositivo è un tocco di classe non di poco conto e la colorazione Phantom Violet riesce sicuramente a farsi notare in un mercato dominato da ben altri colori.
In ogni caso, per completezza d'informazione, dovete sapere che il dispositivo è acquistabile anche nelle colorazioni Phantom Gray, Phantom White e Phantom Pink. Insomma, la possibilità di scelta non manca di certo.

A proposito del frame, sul lato destro troviamo il pulsante d'accensione e il bilanciere del volume, mentre in alto fanno capolino due microfoni. Il lato inferiore del dispositivo ospita invece il carrellino per la SIM (fino a due nanoSIM contemporaneamente), il terzo microfono, la porta USB Type-C e l'altoparlante. Nel caso ve lo stiate chiedendo, sì: non solo sono presenti OTG e uscita video, ma è anche possibile utilizzare la modalità desktop Samsung DeX. Per chi se lo fosse perso, la gamma Galaxy S21 supporta la possibilità di utilizzare questa funzionalità mediante wireless, sfruttando la stessa rete Wi-Fi.
Si possono inoltre trasferire rapidamente file dallo smartphone al computer e viceversa. In questo caso va installato un apposito programma. Insomma, Samsung sta continuando a puntare anche su questo tipo di funzionalità, che arricchiscono ulteriormente l'ecosistema software dell'azienda sudcoreana.

Un'ottima sorpresa arriva quando si prende lo smartphone in mano, dato che Samsung Galaxy S21 è più leggero dei suoi "fratelli maggiori". Il peso è infatti di appena 169 grammi, mentre le dimensioni sono pari a 151,7 x 71,2 x 7,9 mm. In un mercato in cui ormai si tende ad andare oltre ai 200 grammi di peso, nonché ai 9 mm di spessore, questo dispositivo può rappresentare una manna dal cielo per chi cerca un dispositivo più "piccolo" del solito. Certo, non si può esattamente scomodare il termine "compatto", ma sicuramente la maneggevolezza è migliore di molti altri dispositivi presenti sul mercato.
Presente inoltre la certificazione IP68, per la resistenza ad acqua e polvere. Per quanto riguarda la sporgenza del modulo fotocamere, in realtà, al contrario di quanto si potrebbe pensare a un primo fugace sguardo, lo smartphone non "balla" troppo se poggiato su una superficie piana (o perlomeno recentemente ci siamo abituati a molto di peggio). Passando ai sensori di sblocco, non manca il comodo sensore di impronte digitali a ultrasuoni posto sotto allo schermo, che risulta rapido. Se poi volete fare uso del riconoscimento facciale, non manca nemmeno quest'ultimo.

Si fa presto ad analizzare il contenuto della confezione di vendita, dato che quest'anno Samsung ha deciso di rimuovere caricabatterie e cuffie. Per intenderci, oltre allo smartphone, troviamo solamente la spilla per l'estrazione del vano SIM, manualistica varia e un cavo USB Type-C/USB Type-C. Quella della società sudcoreana è sicuramente una scelta divisiva, che non è stata esattamente accolta bene da tutti.
Tra risparmio, etica green e richieste dell'Unione Europea, dovremo probabilmente abituarci ad andare sempre più verso questa direzione. Non fraintendeteci: fa certamente un po' storcere il naso l'assenza di un caricabatterie in confezione, ma d'altro canto molti di noi in casa hanno un buon numero di "riserve" già in grado di caricare Galaxy S21 a 25W, quindi il problema si pone fino a un certo punto.

Scheda tecnica di Samsung Galaxy S21 5G

La versione nostrana del dispositivo presenta sotto alla scocca un processore octa-core Exynos 2100 con processo produttivo a 5nm, che dispone di un core operante a 2,9 GHz, tre core a 2,8 GHz e quattro core a 2,4 GHz. La GPU è una ARM Mali-G78 MP14. Per chi se lo stesse chiedendo, abbiamo già trattato nel dettaglio la questione delle differenze con la variante USA, che dispone invece di un SoC Snapdragon 888. In ogni caso, il nostro modello dispone inoltre di 8GB di RAM LPDDR5 e 256GB di memoria interna UFS 3.1 (non espandibile).
Siamo insomma dinanzi a una configurazione a cui si può dire ben poco in termini prestazionali, soprattutto in un anno in cui l'azienda sudcoreana è riuscita a ridurre il gap con il modello Snapdragon.

Anteriormente fa capolino uno schermo Dynamic AMOLED da 6,2 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel), refresh rate di 120 Hz, supporto all'HDR10+, protezione Corning Gorilla Glass Victus e foro per la fotocamera posto in alto al centro. Samsung ci sa fare in termini di display e anche in questo caso non ha deluso le aspettative. Quello di Galaxy S21 è infatti uno schermo particolarmente valido, dotato di ottima luminosità massima e colori ben tarati. Nessun problema anche sotto alla luce del sole. Guardare serie TV e film su questo pannello è una goduria per gli occhi e non mancano i DRM Widevine L1, per godersi i contenuti dei principali servizi di streaming in Full HD.

Immancabile la funzionalità Always On, nonché la possibilità di scegliere se utilizzare la modalità "Adattiva" (si va da 48 Hz a 120 Hz) o "Standard" (60 Hz) per quel che riguarda la frequenza di aggiornamento. Il foro per la fotocamera è di piccole dimensioni e non crea "grattacapi" durante la visione dei contenuti multimediali. Veramente difficile trovare una pecca allo schermo del dispositivo, che rappresenta sicuramente una delle migliori soluzioni in circolazione.
Piccola nota: i più attenti tra di voi si ricorderanno che il predecessore disponeva di uno schermo QHD+. Samsung quest'anno ha deciso di "tornare" al Full HD+: si tratta di una scelta saggia, dato che in realtà una risoluzione elevata come quella dello scorso anno viene sfruttata realmente da pochi e avrebbe influito in termini di autonomia. Completando l'analisi del comparto multimediale, l'audio stereo offerto dal dispositivo è buono sia in termini di qualità che di volume massimo.

Un altro reparto su cui si può dire veramente poco a Samsung Galaxy S21 è quello fotografico. Anteriormente troviamo una fotocamera da 10MP (f/2.2), mentre sul retro si fa notare una tripla fotocamera composta da una lente principale da 12MP (f/1.8), un sensore ultra-grandangolare da 12MP (f/2.2, 120 gradi) e un teleobiettivo da 64MP (f/2.0). In termini di video, si arriva a 8K/24 fps tramite la fotocamera posteriore. Tuttavia, per un buon compromesso tra qualità e stabilizzazione, è meglio scendere un po' con la risoluzione. In ogni caso, i video escono molto bene e, magari giocando anche un po' con le impostazioni, si riescono a ottenere ottime soddisfazioni. Il sensore anteriore arriva a 4K/60 fps.

Per quanto riguarda le foto, Galaxy S21, da buon top di gamma, scatta esattamente come vi immaginate: i risultati sono ottimi sia di giorno che di notte. C'è inoltre qualche passo in avanti rispetto alla generazione precedente, effettuato soprattutto in termini di modalità notturna. Infatti, quest'ultima è in grado di migliorare sensibilmente lo scatto finale e un apposito toggle, presente in basso a destra, permette di impostare una modalità "Max", in grado di spingersi oltre nei contesti più difficili. In ogni caso, il massimo zoom raggiungibile in digitale è il 30x, anche se per l'uso social probabilmente è bene fermarsi al 3x. Ottime le foto grandangolari, che non presentano quella distorsione che invece si fa notare con altri dispositivi. Non male la fotocamera per i selfie, che convincerà buona parte degli utenti, senza però sorprendere.
In parole povere, Galaxy S21 dispone di un comparto fotografico da flagship, in grado di farsi apprezzare da molti utenti, pur senza stupire coloro che hanno già usato un top di gamma Samsung nel recente passato. Se volete farvi un'idea più dettagliata, potete trovare alcune foto non compresse all'interno della nostra cartella Drive dedicata a Samsung Galaxy S21.

Samsung ha dotato Galaxy S21 di una batteria da 4000 mAh, ma quest'ultima fatica a raggiungere il termine della giornata quando si mette sotto stress il dispositivo. In ogni caso, nelle giornate più "tranquille" si riesce sempre ad arrivare a sera anche con refresh rate a 120 Hz, quindi probabilmente molte persone non avranno troppi problemi, ma può risultare difficile riuscirci con il nostro uso intenso. In parole povere, Galaxy S21 non è un campione in termini di autonomia e sul mercato ci sono dispositivi che fanno meglio.
In ogni caso, ricordiamo che il dispositivo può essere ricaricato a 25W tramite cavo, nonché a 15W in modalità wireless. Siamo dunque su buoni livelli in termini di velocità, anche se alcune aziende concorrenti sono già andate ben oltre. Insomma, qui c'è ancora del lavoro da fare per Samsung. Per il resto, è bene segnalare la presenza della ricarica inversa a 9W.

Tornando agli aspetti positivi della proposta della società sudcoreana, non si può dire nulla a quest'ultima a livello di reparto connettività. Galaxy S21 dispone infatti del supporto a 5G, Wi-Fi 6, Dual SIM (si può usare anche una eSIM in abbinata), Bluetooth 5.0 e NFC. Certo, potremmo stare qui a discutere in merito all'assenza del jack audio da 3,5 mm per le cuffie e sulla memoria interna non espandibile, ma capite bene che il primo sta ormai diventando obsoleto con il diffondersi delle cuffie wireless e che 256GB di storage sono più che sufficienti per tutte le tipologie di utenti.

Software

Il sistema operativo è Android 11 con personalizzazione One UI 3.1. Al momento in cui scriviamo, le patch di sicurezza risalgono al 1 marzo 2021. Samsung ha tutta l'intenzione di mantenere aggiornato il suo flagship, tanto che quest'ultimo rientra tra i dispositivi che riceveranno update per almeno quattro anni (tre anni di major release e quattro di patch di sicurezza). Dopo questo periodo, il dispositivo sarà aggiornato due volte all'anno. Insomma, i piani di Samsung in termini di supporto sono piuttosto chiari. Per quel che concerne il software, abbiamo già trattato la One UI a più riprese su queste pagine, tanto che potete trovare un approfondimento dedicato a questa personalizzazione software.
In ogni caso, giusto per citare alcune feature che probabilmente già conoscete, è finalmente arrivata la schermata Google Discover, accessibile con uno swipe da sinistra verso destra a partire dalla Home. Inoltre, non mancano Samsung Pay e la già citata Samsung DeX. L'interfaccia in sé è pulita e completa, nonché affiancata da un'ottima fluidità di sistema, che riesce ad accompagnare come si deve l'esperienza utente.

Prestazioni, benchmark ed esperienza d'uso durante la recensione

Trattandosi di un top di gamma, potete immaginarvi i risultati: la fluidità è ottima durante l'uso quotidiano, grazie anche al display con refresh rate di 120 Hz. Inoltre, lo smartphone si comporta molto bene anche nei contesti che richiedono un maggiore uso di risorse. Per intenderci, Samsung Galaxy S21 ha fatto registrare un totale di 595205 punti su AnTuTu Benchmark, nonché 817 punti in single-core e 3094 punti in multi-core su GeekBench. Si tratta di buoni risultati, che descrivono in modo ancora più dettagliato la sensazione che si ha utilizzando il dispositivo.
In ogni caso, come ben sanno coloro che cercano il massimo in termini di performance, non si tratta esattamente dello smartphone che punta di più sulla "forza bruta". Un esempio? ASUS ROG Phone 5 arriva a 740000 punti su AnTuTu. Questo serve solamente a darvi un'indicazione di massima, in quanto siamo su livelli particolarmente elevati, che si traducono all'atto pratico in prestazioni di alto profilo anche per Samsung Galaxy S21.

Gaming

Il gaming è sicuramente uno degli ambiti in cui il comparto hardware riesce a esprimere al meglio il suo potenziale. Abbiamo messo alla prova Galaxy S21 con vari titoli, tra cui Call of Duty Mobile, ARK: Survival Evolved e Fortnite (che ricordiamo non è presente sul Play Store, ma si può scaricare dal Galaxy Store). C'è in realtà poco da dire: i risultati sono ottimi in tutti i contesti.
COD Mobile gira come si deve con dettagli impostati su "Molto Alto" e FPS su "Max". Passando ad ARK: Survival Evolved, quest'ultimo si può godere tranquillamente con preset "Epico". Infine, Fortnite si gioca bene con dettagli su "Epico" a 30 fps. Il titolo permette in realtà di spingersi anche verso i 60 fps, ma in quel caso nelle situazioni più "concitate" si va a perdere un po' di fluidità.

Per il resto, non manca la classica modalità gaming, tra Game Booster e Game Launcher (presenti ottimizzazioni e statistiche). Va segnalato che, in seguito a particolari sessioni di gaming "stressanti", il calore nella parte alta della scocca del dispositivo si fa sentire. Nulla di trascendentale, sia chiaro, ma in generale la sensazione è quella che si tratti di un dispositivo che "scalda di più" rispetto a diversi altri modelli.

Samsung Galaxy S21 Samsung Galaxy S21 rappresenta un'ottima conferma. Non c'è infatti alcuna rivoluzione in questo smartphone, ma l'azienda sudcoreana ha affinato vari aspetti ed è riuscita a estrarre dal cilindro un dispositivo che ha una singola vera pecca: l'autonomia semplicemente nella media. La società sudcoreana deve infatti ancora lavorare per ottimizzare al meglio questo aspetto, soprattutto con refresh rate adattivo in azione, ma per il resto siamo dinanzi a un modello che rappresenta essenzialmente la perfezione a un prezzo di partenza di 879 euro. Le prestazioni sono di alta caratura, il display è eccellente, le performance fotografiche convinceranno buona parte degli utenti, c'è la certificazione IP68, la qualità costruttiva è ottima, il design è iconico, le dimensioni sono più "compatte" del solito e il software risulta completo e pulito. A questo si aggiunge un supporto in termini di aggiornamenti che sicuramente farà gola a molti, così come un reparto connettività completo di 5G, NFC, Dual SIM (anche con eSIM in abbinata), Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.0. Certo, potrebbe far storcere un po' il naso il retro in Glastic, l'impossibilità di espandere la memoria interna e l'assenza di caricabatterie e cuffie in confezione, ma in realtà saranno in pochi coloro che troveranno reali "problemi" all'atto pratico. Insomma, se non siete interessati alle caratteristiche esclusive dei "fratelli maggiori", Galaxy S21 può sicuramente rappresentare una scelta valida.

8.5