Recensione Sony KDL-55W805C con Android TV

L'Android TV di Sony si presenta con un look curato e con un pannello Full HD dai neri profondi, in grado di regalare immagini di qualità, strizzando l'occhio agli aspetti multimediali, grazie alle peculiarità del sistema operativo.

recensione Sony KDL-55W805C con Android TV
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

L'evoluzione dei moderni sistemi operativi sta toccando i dispositivi più disparati. Basta guardare a Windows 10, appena approdato su milioni di PC, che si appresta in futuro ad arrivare su smartphone, tablet e addirittura caschi per la realtà aumentata come Hololens. Tra gli OS più adattabili, già oggi, troviamo anche Android, poco a suo agio su computer e portatili ma estremamente diffuso in ambito mobile. Google però non intende fermarsi qui, ecco perché il robottino verde è stato avvistato anche sulle auto e sulle Smart TV, pur essendo solo all'inizio della sua diffusione in questi ambiti. In quello automobilistico Google Car sembra ancora indietro, mentre in quello TV il 2015 sarà ricordato come l'anno dell'arrivo di Android TV, una versione speciale di Android dedicata al grande schermo. Sony è stata tra le prime aziende a puntare tutto sull'OS di Google, al contrario di altri grandi nomi del settore, che hanno preferito scegliere strade diverse. Per provare l'esperienza pensata da Google in questo ambito, Sony ci ha fornito uno dei propri modelli di punta Android TV con pannello Full HD, ovvero la variante KDL-55W805C nella versione da 55", ideale per chi desidera uno schermo di grandi dimensioni e di buona qualità.

Design e connessioni

Abituati ad utilizzare quotidianamente un modello da 42", le dimensioni di questo TV colpiscono subito, a partire dalla confezione. Essa comprende tutto il necessario per utilizzare il TV, dal supporto da tavolo in acciaio al telecomando, un modello RMT-TX100D. Tornando alle dimensioni, una volta installato il televisore il design ha decisamente sorpreso, visto che ottimizza al meglio la superficie frontale. Merito delle cornici che circondano il pannello, davvero sottili e minimali, segno di un ottimo lavoro di progettazione, soprattutto per la fascia di prezzo in cui il KDL-55W805C è collocato. Le dimensioni sono di 123 x 71,5 x 6,1 cm, lo spessore però si riferisce al punto più largo, nella parte inferiore della TV; quella superiore invece è sottilissima, regalando un colpo d'occhio notevole.
Tutta la scocca che circonda lo schermo è realizzata in un policarbonato opaco nero, che conferisce all'insieme un look molto elegante. Anche il piccolo LED, posto appena al di sotto del marchio dell'azienda giapponese, fa il suo lavoro scenico: Sony si è dimostrata attenta ai dettagli, tanto che l'intensità del LED è gestita da un sensore di luminosità, risultando mai fastidiosa durante la visione. Il supporto da tavolo invece ha convinto meno, ma si tratta di gusti personali: quello presente nei modelli 2014, simile ma squadrato, aveva forse qualcosa in più dal punto di vista del design.
Sul fronte connessioni non possiamo lamentarci, ne sono presenti in abbondanza. Troviamo 4 HDMI, 3 porte USB, 1 ingresso component, 1 presa SCART e una ethernet, oltre alle uscite audio analogiche e digitali e allo slot per la Cam. Gli ingressi USB sono funzionali per vedere file video e immagini da un pennino o da un hard disk esterno, particolare utile se non si ha una rete domestica wireless in grado di gestire i flussi video, soprattutto quelli in alta definizione.
Nell'insieme, la TV appare davvero ben realizzata, ma soprattutto bella da vedere. Tutto è curato nei minimi dettagli, e quando si parla di un oggetto che sta al centro del salotto, anche questo aspetto non è da sottovalutare.

Caratteristiche tecniche

Il listino Sony per il 2015 non è ricchissimo in quanto a soluzioni Full HD, segno che il 4K diventerà sempre più uno standard affermato nel breve periodo. Per quanto riguarda il TV oggetto di questa recensione, ci troviamo di fronte a una variante che gode del meglio della tecnologia Sony per il Full HD. Troviamo il processore di immagini X-Reality Pro, in grado di comprendere la tipologia di sorgente e di applicare a video delle ottimizzazioni in grado di migliorare la qualità dell'immagini, riducendo il rumore video proveniente, ad esempio, da un DVD o da un Blu Ray, o anche da una foto. L'analisi delle immagini avviene in tempo reale, gestendo al meglio tutte quelle fonti video scarsamente dettagliate. Questo si dimostra particolarmente utile per sorgenti di bassa qualità, come DVD o DivX in standard SD, che spalmati sui 55" del TV risulterebbero altrimenti poco attraenti da vedere. Il TV è anche dotato della tecnologia Motionflow XR 1000 (100 Hz effettivi), che permette di rendere più fluide le immagini. Qui, i gusti personali entrano pesantemente in gioco. Noi preferiamo disattivare qualsivoglia effetto volto a rendere più fluide le immagini, soprattutto durante la visione di film o serie TV, evitando così il fastidioso effetto soap opera. Diverso il discorso per quanto riguarda gli eventi sportivi live, dove il maggior numero di frame sullo schermo, interpolati e inseriti nelle immagini dall'elettronica del TV, risulta certamente più utile. A proposito di sport, sul telecomando è presente un tasto dedicato alla modalità "Football", che attiva in automatico il Motionflow e applica una serie di accorgimenti, come l'aumento del contrasto, per migliorare la visione delle partite di calcio. Purtroppo, abbiamo riscontrato un piccolo bug: una volta disattivata questa modalità, le impostazioni non tornano quelle precedenti, ma bisogna selezionare a mano la modalità attiva in precedenza, che fortunatamente conserva tutte le impostazioni sul colore e gli altri parametri video inseriti in precedenza.
Ma passiamo all'illuminazione, uno dei fattori che influiscono maggiormente sul costo e sulle qualità di immagine dei moderni TV. Quella utilizzata nel Sony KDL-55W805C è di tipo Edge Lit LED, con gli stessi posizionati nella zona inferiore del pannello. Il lavoro svolto da Sony è davvero buono e non abbiamo notato anomalie: solo avvicinandosi molto allo schermo si nota che nella parte bassa l'illuminazione è leggermente più intensa, ma è normale visto il tipo di tecnologia utilizzata.
Il TV è in grado di riprodurre immagini tridimensionali, grazie al 3D attivo integrato. Visto che gli occhiali attivi non sono presenti nella confezione di vendita, non abbiamo potuto provare questa caratteristica, ma segnaliamo che la riproduzione non avviene in modalità Full HD.


Impressioni d'uso

Abbiamo provato il Sony KDL-55W805C in diversi contesti d'uso e, senza ombra di dubbio, ci troviamo di fronte a un ottimo TV. Il pannello, di tipo VA, restituisce degli ottimi neri, davvero sorprendenti se paragonati a quelli di altri prodotti nella stessa fascia di prezzo, a patto di non alzare troppo il contrasto o la luminosità. Nella visione delle scene più buie, le aree più scure perdono un pochino di dettaglio, ma si tratta di un difetto marginale. Anche i colori restituiscono una resa piuttosto fedele anche se leggermente satura, soprattutto nella modalità "Cinema Pro", decisamente la migliore da cui partire per personalizzare a piacimento l'esperienza visiva. Dal verde di campi di calcio all'azzurro dei cieli di Planes 2, è difficile rimanere delusi dalle palette cromatiche visualizzate da questa TV Sony. Tutto migliora ulteriormente con una sorgente di qualità superiore, in questo caso il Blu Ray di Humandroid, che ha mostrato un livello di dettaglio notevole e colori saturi ma non troppo, per una qualità video davvero eccellente. Utilizzando sorgenti SD la qualità scende ovviamente, ma anche qui lo scaler e il processore X-Reality Pro fanno il loro lavoro, regalando immagini di buon livello, anche se spalmate sull'ampio display da 55". Durante il gaming non abbiamo riscontrato criticità e muoversi per le strade di Gotham o nei paesaggi di GTA V è stato davvero esaltante con uno schermo di queste dimensioni.
Ovviamente, non siamo di fronte alla qualità data dal processore X1, installato sui modelli 4K del 2015, ma il risultato finale è davvero apprezzabile, anche partendo da sorgenti in bassa qualità. Peccato solo per la sezione audio, che non raggiunge i livello del resto dell'apparato. I bassi sono assenti, mentre la voce non sempre è chiara durante la visione di un film, soprattutto nelle scene più confuse. Stessa cosa durante le partite di calcio, con il TV impostato in modalità audio "Sport": anche qui, il commento si perde un po' nei suoni dello stadio.

Android TV

Uno dei punti deboli delle prime Smart TV è senza ombra di dubbio il software. Lenti, con poche funzioni e poco personalizzabili, gli OS delle Smart TV di un paio di anni fa non fanno certo venire la voglia di utilizzare il televisore per gli aspetti più multimediali. Il 2015 però sembra promettere bene sotto questo punto di vista e Android TV ne è la conferma, almeno a livello di fluidità e di velocità di esecuzione. Una volta premuto il tasto Home del telecomando si ha subito accesso all'interfaccia dell'OS, mentre sullo sfondo la sorgente video attiva in quel momento continua funzionare. I tempi di caricamento sono molto bassi, il tutto con un buona velocità e fluidità nella navigazione dei menù. Nell'angolo in alto a sinistra è presente un tasto di ricerca, che va a scovare quello che cerchiamo su You Tube o nello store di Google, che ancora non gode dello stesso numero di app presenti nella controparte per smartphone. La ricerca esegue anche una scansione all'interno del database di Google Play Music e Film, in modo da acquistare al volo i propri brani o film preferiti. A proposito della ricerca, essa funziona tramite input testuale, inserito attraverso il telecomando, o vocale. Per quest'ultimo, ideale è l'utilizzo del telecomando opzionale One Flick, che integra un touchpad e un microfono, incluso solo nei modelli 4K di fascia alta e in vendita a circa 60€ online. A proposito di periferiche di input, Sony ha deciso di non castrare per nulla le funzionalità di Android, fornendo così la piena compatibilità a tastiere e Joypad di vario tipo, sia via cavo che attraverso lo standard Bluetooth. Ad esempio, abbiamo collegato un controller di una Xbox 360, via cavo, che è stato immediatamente riconosciuto e utilizzato per fare un paio di gare ad Asphalt 8. La qualità del titolo è quella che è, anche dal punto vista visivo, ma siamo solo all'inizio e nello store è già disponibile qualche titolo interessante, come Valiant Hearts o Badland. Ad ogni modo, si hanno a disposizione 8 GB per installare le app, di cui circa 7 liberi. La navigazione internet è affidata a Opera TV Browser, ma non provate nemmeno a utilizzarlo senza l'ausilio di mouse e tastiera: il telecomando in questo contesto mostra tutti i segni del tempo, risultando scomodo e di fatto inutilizzabile per questo scopo.
Se siete in attesa di Netflix, sappiate che questo Smart TV Sony è pronto ad accoglierlo al meglio, visto che sul telecomando è presente un tasto di lancio rapido che rimanda all'applicazione dedicata preinstallata. Una volta premuto, si viene rimandati a una pagina, in Italiano, che annuncia l'arrivo del servizio nel nostro paese, ma è ormai questione di qualche settimana prima che si possa sfruttare appieno questa possibilità. Tutto questo è accessibile in modo piuttosto semplice dalla schermata Home di Android TV, che include link alle app installate e un pratico selettore degli ingressi video, per cambiare sorgente in pochi istanti.
Terminata la panoramica della schermata Home, vediamo anche cosa nasconde la sezione "Impostazioni", dedicata principalmente alla parte software, visto che per i settaggi del TV è più comodo utilizzare il tasto "Action menù" sul telecomando, che apre un OSD a parte. La schermata che si presenta è suddivisa in 4 riquadri. La parte "TV" include tutti i settaggi per la gestione del colore e delle immagini, degli ingressi e del suono, quest'ultima utile per mettere una pezza al comparto audio poco riuscito. Da qui si può intervenire anche sul LED frontale, sul risparmio energetico e si possono anche osservare le app attive in background, come su uno smartphone. La sezione "Rete e accessori" consente invece di impostare la connessione Wi-Fi e quella Bluetooth, nonché Google Cast, con cui il TV è pienamente compatibile, il telecomando One Flick e il controller DualShock 4 come periferica per il gioco. Passando invece alle "Preferenze di sistema", troviamo opzioni più standard, come data e ora, la lingua del menù, le impostazioni di ricerca online e poco altro. L'ultima sezione, chiamata semplicemente "Personali", permette di inserire il proprio account Google e di gestire i contenuti protetti per i minori. Pieno supporto è dato alla possibilità di inserire più account, in modo che ogni membro della famiglia possa godere di un'esperienza il più possibile personalizzata.

Sony KDL-55W805C Acquistare un TV oggi non è affatto semplice. Gli standard sul mercato sono diversi e quelli migliori, nello specifico il 4K, non possono essere sfruttati al meglio a causa della mancanza di contenuti idonei. Certo, con l’arrivo di Netflix qualche film in 4K potremmo anche vederlo, ma la qualità data da un supporto fisico è semplicemente impossibile da raggiungere. In questo contesto, si inserisce un TV come questo Sony KDL-55W805C, che offre uno schermo di dimensioni ragguardevoli e una qualità video indiscutibile, con neri profondi e colori saturi ma al punto giusto. Android TV inoltre potrebbe attrarre tutto coloro che vogliono unificare la propria User Exeperience, trasportando l’esperienza d’uso Android sul grande schermo. Comoda la possibilità di utilizzare periferiche di ogni tipo, come buona è apparsa la fluidità e la velocità di esecuzione del sistema. Certo, se l’obbiettivo è quello di fare del TV un oggetto universale, utile per navigare su internet o per giocare, l’obbiettivo è ancora lontano: i titoli sono pochi e poco ottimizzati per il grande schermo, basta guardare Asphalt 8, ottimo su smartphone ma con un comparto grafico orrendo se trasportato su un 55”. In questo momento, se si vuole apprezzare davvero Android TV, bisogna utilizzarlo come un centro multimediale dedicato al cinema e alla TV, magari con Plex per lo streaming domestico o con Netflix e gli altri servizi in streaming, di cui però non c’è traccia nello store. Da Sky a Mediaset, allo stato attuale mancano le app ufficiali delle principali piattaforme italiane, un situazione piuttosto deludente, almeno nel nostro paese. Nonostante questo, con un prezzo sul web di circa 1.100€, questa Sony KDL-55W805C è un’alternativa da tenere in seria considerazione: vuoi per il design o per la resa video, siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla proposta Sony. Android TV può attendere e verrà certamente arricchito di funzionalità nei prossimi mesi, ma il Sony KDL-55W805C è un ottimo TV già oggi.

8