Sony WF-1000XM4 Recensione: auricolari wireless senza compromessi

Le nuove Sony WF-1000XM4 migliorano quanto fatto nel precedente modello, riducendo le dimensioni e incrementando l'intensità dell'ANC.

Sony WF-1000XM4 Recensione: auricolari wireless senza compromessi
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Quando si parla di cuffie true wireless di qualità il nome Sony è da tenere bene a mente. Per resa audio, intensità della cancellazione dei suoni e carico tecnologico la serie WF ha spiccato in questi anni, almeno dopo il primo modello, che aveva qualche difetto di troppo, tutti corretti però con la seconda versione, le WF-1000XM3.
Le nuove WF-1000XM4 rappresentano la chiusura del cerchio per Sony, un'evoluzione che ha portato alla creazione di un design completamente rinnovato e all'inserimento di tecnologie e materiali prima assenti. Un miglioramento su tutta la linea e per niente scontato, vista la qualità del precedente modello, che rimane ancora oggi una valida alternativa per chi è in cerca di un paio di auricolari true wireless di qualità.

Un design tutto nuovo

Le nuove WF-1000XM4 danno un taglio netto rispetto al passato. Lo si nota già a partire dal pack di vendita, realizzato interamente con carta riciclata. Non sarà il perfetto esempio di stile e design, la confezione non si richiude più una volta aperta ad esempio, ma anche Sony si è unita ad altre aziende nello sviluppo di confezioni ecologicamente sostenibili. All'interno si trova l'astuccio di ricarica con le cuffie inserite e due set di gommini, taglia S e L, oltre alla M già installata negli auricolari.

La scelta del gommino è fondamentale per avere da un lato il giusto comfort, dall'altro una cancellazione del rumore e un sound più efficace. Il modo migliore per capire se un gommino calza bene in un orecchio è provarli, nel nostro caso abbiamo utilizzato la taglia S.
All'interno dell'applicazione "Headphones" di Sony però è possibile eseguire un test per capire se si è scelto il gommino adatto, sfruttando i microfoni esterni presenti sulle cuffie. Gli stessi gommini hanno subito un rinnovamento completo nel materiale con cui sono realizzati, molto diverso dal classico silicone che troviamo abitualmente in questi prodotti. Il feedback è molto più morbido, l'obbiettivo di Sony era quello di realizzare un gommino che si adattasse alla forma dell'orecchio e possiamo dire che è stato raggiunto appieno.

I nuovi auricolari, dalla forma rinnovata e più piccoli, insieme ai gommini permettono un'aderenza pressoché perfetta delle cuffie all'interno dell'orecchio, riducendo inoltre la sensazione di pressione che si prova di solito con i prodotti di questo tipo.
Gli auricolari sono dotati di connettori per la ricarica all'interno dell'astuccio e di un sensore di prossimità che permette al sistema di comprendere quando sono indossati. Rispetto al modello precedente è stata inserita anche la certificazione IPX4, che consente un maggiore resistenza ai liquidi.

Quando non vengono utilizzati è facile riporli nella custodia e anche qui le novità ci sono e sono importanti. Le WF-1000XM4 avevano un astuccio di dimensioni generose, che poteva dare qualche problema se trasportato in tasca. Il nuovo modello invece offre dimensioni nettamente ridotte, il tutto senza sacrificare l'autonomia, che rimane di 24 ore, possibile sommando la carica presente nelle cuffie e la batteria dell'astuccio.
Sony ha eliminato la finitura lucida delle WF-1000XM4, che tendeva troppo a graffiarsi, in favore di un nero opaco che trasmette una maggiore sensazione di resistenza all'usura. La ricarica avviene tramite la porta USB Type C posteriore ma, ulteriore novità, quest'anno è disponibile anche la ricarica Wirelss con standard Qi.

Nuove dentro e fuori, ecco il chip V1

All'interno le WF-1000XM4 sono cambiate completamente, Sony non ha fatto un semplice upgrade ma ha riprogettato per intero questi auricolari. Tutta la componentistica interna è stata rivista, driver compresi, inoltre fa il suo debutto anche il chip V1, che si occupa della gestione delle cuffie a tutto tondo. Questo processore permette un'efficienza superiore rispetto al passato, tanto che l'autonomia degli auricolari è aumentata nonostante le dimensioni ridotte e le nuove tecnologie disponibili.

Tra queste segnaliamo una qualità superiore nelle conversazioni telefoniche, possibile grazie al nuovo sistema di riduzione dei fruscii causati dal vento e alla posizione dei microfoni esterni, che riescono a riconoscere la voce di chi sta usando le cuffie dandogli maggiore enfasi. In chiamata la qualità è cresciuta molto e il merito va anche a un'altra tecnologia prima assente, che utilizza un sensore a conduzione ossea per recepire al meglio la voce dell'utilizzatore.
Da un lato il posizionamento dei microfoni permette di riconoscere la direzione da cui provengono i suoni, dall'altro il sensore a conduzione ossea migliora ulteriormente le chiamate. Tutti questi sistemi hanno permesso inoltre di integrare la tecnologia speak to chat, che avevamo già visto nella recensione delle Sony WH-1000XM4: quando l'utilizzatore inizia a parlare le cuffie fermano all'istante la riproduzione musicale e spengono la cancellazione dei rumori esterni, in questo modo si può dialogare facilmente con chi ci sta intorno.

Ma le novità non sono finite, con l'introduzione dello standard LDAC è possibile trasmettere la musica con una qualità superiore rispetto al passato, a patto di avere una sorgente compatibile. Non mancano poi il DSEE Extreme, che migliora la qualità audio delle sorgenti compresse, e lo standard Reality Audio 360. Nella confezione sono inclusi 3 mesi di abbonamento per questo standard dedicato all'audio spaziale, in lotta con il Dolby Atmos per il dominio del mercato.

Insomma, il carico tecnologico è notevole, ma come si sentono? Iniziamo col dire che il noise cancelling è migliorato ulteriormente rispetto al passato, i nuovi gommini insieme al chip V1 fanno la differenza, seppur senza rivoluzioni rispetto agli ottimi livelli già raggiunti. La cancellazione elimina quasi del tutto i suoni ricorrenti bassi, anche le voci sono molto attenuate.
Durante l'ascolto musicale le WF-1000XM4 hanno dimostrato una flessibilità notevole, tutto dipende dall'equalizzazione. Se si vuole spingere sui bassi questi possono diventare potenti ma preponderanti, chi invece gradisce un sound più flat non rimarrà deluso, soprattutto se si considera la tipologia di prodotto, non certo indirizzato agli audiofili.

Sony WF-1000XM4 Sony non si è seduta sul successo del precedente modello, con le WF-1000XM4 ha piazzato un altro colpo vincente in un settore in cui era già indiscussa protagonista. Queste cuffie compiono tanti piccoli passi in avanti rispetto alla scorsa variante, che una volta sommate danno vita a un prodotto in tutto e per tutto nuovo, non un semplice aggiornamento. Vista la qualità delle WF-1000XM3 sembrava un’impresa impossibile ma la casa giapponese è riuscita a farcela. Certo il prezzo di listino di 280€ è elevato, ma siamo sicuramente di fronte a uno dei migliori auricolari true wireless disponibili sul mercato.

9