TCL 20 5G Recensione: connettività e schermo HDR sotto i 300 euro

Il TCL 20 5G è uno smartphone che punta principalmente sul comparto multimediale e sul 5G, il tutto a un prezzo competitivo.

recensione TCL 20 5G Recensione: connettività e schermo HDR sotto i 300 euro
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il CES (Consumer Electronics Show) si è concluso anche in questo 2021. La kermesse ha visto la presentazione di diversi smartphone interessanti, tra cui troviamo le nuove proposte di TCL. Il modello che spicca è sicuramente TCL 20 5G, dispositivo che entra a piè pari nella nuova era della connettività. Il prezzo? 299,90 euro tramite TIM (il prodotto è anche nel listino di Vodafone). Si tratta, dunque, di una cifra interessante, dato che lo scorso anno la "battaglia per la democratizzazione del 5G" è avvenuta attorno ai 400 euro.
Visti anche gli intriganti dispositivi lanciati precedentemente da TCL, brand che sta cercando da qualche anno di insidiare la concorrenza anche in questo mercato oltre che in quello dei televisori, la collocazione del TCL 20 5G è interessante. Sarà riuscita la multinazionale cinese a realizzare un prodotto convincente?

Confezione di vendita e design

All'interno del pack di vendita fanno capolino una comoda cover trasparente, la spilla per l'estrazione del vano SIM, un cavo di ricarica USB Type-C/USB Type-A e un caricabatterie da 10W. TCL offre insomma una dotazione completa all'utente, anche se l'alimentatore fa storcere il naso, dato che ci saremmo aspettati quantomeno un 18W in questa fascia di prezzo. Tratteremo la questione nel dettaglio più avanti nel corso della recensione.

Passando al design di TCL 20 5G, le scelte stilistiche effettuate dal brand cinese ci hanno convinto. La colorazione Mist Gray che abbiamo avuto modo di provare riesce infatti a mettere in risalto come si deve il design "a semaforo" del modulo fotocamere posteriore, dando vita anche a interessanti "giochi di luce". La colorazione che attirerà maggiormente chi cerca qualcosa di più vivace è invece quella Placid Blue. Da notare in ogni caso il tocco di classe rappresentato dalla sottile linea che suddivide la scocca posteriore, presentando due diverse tonalità dello stesso colore e mettendo in evidenza il logo TCL. La backcover riesce a nascondere bene le impronte lasciate dalle mani, segno di un buon trattamento oleofobico. Un buon lavoro è stato fatto anche a livello di sporgenza della fotocamera, dato che quest'ultima è talmente sottile da risultare quasi inesistente.

Sbagliereste tuttavia a identificare TCL 20 5G come uno smartphone compatto, visto che le sue dimensioni sono pari a 166,2 x 76,8 x 9,1 mm, per un peso di 206 grammi. Siamo insomma su valori non dei più contenuti, che si fanno sentire dispositivo alla mano ma che ormai rientrano nella norma. Provando parecchi modelli ci siamo imbattuti spesso in questa sensazione e non è mai risultato un reale problema, ma è bene farvi sapere che se arrivate da smartphone più "compatti" inizialmente potreste dovervi abituare.
In termini di qualità costruttiva il principale materiale utilizzato è la plastica, che garantisce in ogni caso una buona sensazione generale.

Sul lato sinistro troviamo il pulsante per l'assistente Google, mentre sulla destra fanno capolino il bilanciere per il volume e il pulsante d'accensione con sensore per le impronte digitali integrato. I metodi di sblocco offerti da TCL 20 5G, riconoscimento facciale compreso, si sono sempre rivelati rapidi durante la nostra prova. Per il resto, nella parte superiore dello smartphone c'è un elemento che farà sicuramente piacere a un certo tipo di utente. Infatti, a fianco del microfono troviamo il jack audio da 3,5 mm per le cuffie. Completano il cerchio gli altoparlanti e la porta USB Type-C 2.0 posizionati nella parte inferiore. L'OTG c'è, ma scordatevi l'uscita video tramite Type-C. Tirando le somme, i termini che più si adattano al design di TCL 20 5G sono elegante e completo. Peccato solamente per peso e dimensioni.

Scheda tecnica di TCL 20 5G

L'epoca in cui esisteva solamente un processore 5G per questa fascia di prezzo è ormai finita e infatti lo smartphone dispone di un SoC octa-core Qualcomm Snapdragon 690, con due core operanti a 2,0 GHz e sei core operanti a 1,7 GHz. A fianco del processore troviamo una GPU Adreno 619L, 6GB di RAM LPDDR4X e 128GB di memoria interna UFS 2.1 (espandibile tramite microSD fino a 256GB). Insomma, la configurazione non è la più prestante sul mercato, ma è tarata per dare vita a uno smartphone low cost con supporto al 5G. Le prestazioni non competono dunque con altri dispositivi di questa fascia di prezzo, ma nell'ambito quotidiano si riescono a svolgere tutte le classiche operazioni senza troppi problemi.

TCL è un brand che ha molta esperienza nel mondo dei televisori. La multinazionale cinese ha trasposto la sua visione in campo smartphone dando vita a un display difficile da trovare sotto i 300 euro. TCL 20 5G monta uno schermo IPS da 6,67 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel), screen-to-body ratio del 91%, aspect ratio 20:9 e foro per la fotocamera posto in posizione centrale. Gli elementi caratteristici del pannello risiedono però nella presenza della tecnologia NXTVISION e nel supporto all'HDR10.

NXTVISION l'abbiamo già conosciuta con altri smartphone di TCL ed è in grado di migliorare nitidezza, contrasto e colore, rendendo ad esempio più vivida l'immagine (si possono modificare colore e temperatura). L'HDR10 va invece ad abbinarsi ai DRM Widevine L1, che garantiscono una visione in Full HD dei contenuti dei servizi di streaming come Netflix e Amazon Prime Video. Il comparto multimediale è poi coadiuvato dagli altoparlanti con certificazione Hi-Res Audio, in grado di garantire una qualità sonora e un volume massimo superiori rispetto a molti altri smartphone di questa fascia di prezzo.

I colori del display risultano ben tarati e la luminosità del pannello è buona per la fascia di prezzo. Lato software ci sono varie funzionalità interessanti, dall'Ambient Display alla possibilità di impostare la frequenza di aggiornamento in modo intelligente per risparmiare batteria. Non fraintendeteci: il refresh rate dello schermo è pari a 60 Hz, purtroppo non si va oltre, ma per incrementare l'autonomia si può scegliere di affidarsi a un'opzione smart che regola automaticamente la frequenza.
In linea generale, TCL ha fatto un ottimo lavoro in termini di display. Lo smartphone arriva con una pellicola, che nel nostro caso non era applicata nel migliore dei modi e abbiamo dunque deciso di rimuovere.

Arrivando al comparto fotografico, troviamo una tripla fotocamera posteriore, affiancata da un flash LED. Il sensore principale è da 48MP con apertura f/1.8, mentre a supporto troviamo una grandangolare da 8MP (f/2.2, 118 gradi) e una terza lente da 2MP (f/2.4) per le macro. Anteriormente fa invece capolino un sensore da 8MP con apertura f/2.0. Le fotocamere posteriori registrano video fino alla risoluzione 4K/30 fps, mentre il sensore frontale arriva a 1080p/30 fps. I video risultano ben stabilizzati a quest'ultima risoluzione, che è anche quella impostata di default, anche se la qualità in notturna lascia a desiderare.
L'applicazione Fotocamera è quella che abbiamo imparato a conoscere con TCL: le funzionalità vanno da Pro a Super notte, passando per Ritratto, Panorama, Interrompi movimento, Lunga esposizione, Super macro, Rallentatore e Pixel elevati.
Non manca anche Google Lens, accessibile mediante l'apposito pulsante presente sulla sinistra rispetto a quello di scatto. Le macro escono tutto sommato bene, anche se la risoluzione risulta sempre un po' troppo bassa per i nostri gusti. La lente grandangolare scatta invece foto nella media, che risultano però tranquillamente utilizzabili lato social. Tutto sommato buoni i selfie, che convinceranno l'utente medio se effettuati nei classici contesti.

TCL 20 5G si difende bene nei contesti con buona luce, i veri limiti del comparto fotografico vengono a galla di notte, dove anche utilizzando la modalità notturna non si riescono a ottenere scatti soddisfacenti. In ogni caso, il massimo zoom raggiungibile in digitale è il 10x, anche se per pubblicare le foto sui social network non andremmo oltre al 2x.
Insomma, il reparto fotografico dello smartphone è senza infamia né lode: riesce ad accontentare l'utente medio, ma non arriva a quanto abbiamo visto con altri dispositivi. Se volete approfondire l'argomento, potete trovare delle foto non compresse nella nostra cartella Drive dedicata a TCL 20 5G.

Per molti utenti un aspetto particolarmente importante è l'autonomia. Il dispositivo monta una batteria da 4500 mAh, che consente di arrivare a sera senza troppi problemi. Sfruttando l'opzione del refresh rate smart, si riesce anche a rimanere con una buona carica residua. Peccato per il caricabatterie da 10W in confezione, che porta a termine una carica completa in diverse ore. Per fortuna, TCL 20 5G supporta di per sé la ricarica a 18W, quindi è possibile utilizzare un altro alimentatore per ottenere risultati più vicini a quelli offerti da altri dispositivi. Sul fronte connettività non mancano 5G, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.1 e NFC. Lo slot per la SIM è ibrido: due nanoSIM oppure una nanoSIM e una scheda microSD.

Software e "brandizzazione" TIM

Ricarica inversaUno smartphone è un dispositivo complesso, che implementa miriadi di possibilità che non vengono messe in primo piano e che quindi gli utenti meno attenti rischiano di perdersi. In questo caso, TCL 20 5G supporta la ricarica inversa. In parole povere, utilizzando un apposito adattatore, è possibile sfruttare il dispositivo per ricaricare, ad esempio, un altro smartphone.

Il sistema operativo è Android 10 con personalizzazione TCL UI v.2.0.1A.1.Z. Al momento in cui scriviamo, le patch di sicurezza sono quelle del 5 ottobre 2020. Le funzionalità implementate dal brand sono principalmente quelle che abbiamo già imparato a conoscere in passato, da NXTVISION a Smart Manager, passando per la funzionalità di refresh rate smart. In generale, la UI di TCL risulta comoda da utilizzare e, a nostro modo di vedere, introduce funzionalità apprezzabili. Per il resto, il nostro sample di prova dispone di una "brandizzazione" TIM. Questo significa che all'accensione e allo spegnimento c'è una breve animazione legata al noto operatore telefonico. Inoltre, lo sfondo di default mostra in bella vista proprio il logo di TIM. Ci sono poi alcune applicazioni dell'operatore preinstallate, ovvero TIMMUSIC, TIMVISION, TIMpersonal, MyTIM e TIM Smart Kid. La personalizzazione effettuata dall'operatore è in ogni caso leggera: si possono disinstallare tutte le app citate e si può cambiare lo sfondo.
Per i meno esperti, dovete sapere che è consentito utilizzare senza problemi anche SIM di altri operatori. Insomma, l'unico aspetto che rimane è l'animazione all'accensione e allo spegnimento: la "brandizzazione" risulta essenzialmente trascurabile nel caso di TIM.

Prestazioni, benchmark ed esperienza d'uso durante la recensione

TCL 20 5G è uno smartphone che per sua natura non punta alla forza bruta, bensì a garantire all'utente delle prestazioni che consentono di utilizzare il dispositivo senza troppi problemi durante il contesto quotidiano. Le scelte effettuate dal brand sembrano infatti vertere principalmente su multimedialità, autonomia e connettività.
La sensazione che abbiamo avuto smartphone alla mano viene confermata anche dai benchmark, che hanno fatto segnare 287202 punti su AnTuTu e 608 punti in single-core e 1830 punti in multi-core su GeekBench. Si tratta di buoni numeri, che non riescono però a competere con altre soluzioni presenti in questa fascia di prezzo.
Il principale pensiero va al recente Redmi Note 9T, che su AnTuTu arriva quasi a 350000 punti. Tuttavia, non siamo nemmeno dinanzi a un risultato da scartare, dato che, ad esempio, Motorola Moto G 5G Plus ha fatto registrare 273469 punti su AnTuTu durante la nostra recensione. Insomma, le prestazioni non deluderanno l'utente medio, ma non siamo al top del mercato. Peccato per l'assenza di un refresh rate aumentato, che avrebbe garantito quel tocco di fluidità in più, anche se avrebbe potuto impattare sull'autonomia.

Gaming

Nonostante le prestazioni non siano esattamente il punto forte di TCL 20 5G, lo smartphone in realtà può essere utilizzato anche per un po' di casual gaming. Call of Duty Mobile, infatti, gira bene con qualità grafica e FPS impostati su "Molto Alto". Si possono anche impostare gli FPS a "Max", scendendo però ad "Alto" in termini di dettagli. Il merito è, oltre che dell'ottimizzazione del titolo, dell'opzione "Gioco Turbo", attivabile dalle impostazioni e abbinabile a funzionalità della modalità gaming come il blocco delle notifiche e la luminosità costante. Non aspettatevi una modalità gioco avanzata come quella offerta da altri dispositivi, ma qualche funzionalità di base c'è.

Passando ad altri titoli più esosi in termini di risorse, invece, emergono i limiti del comparto hardware dello smartphone. Ad esempio, ARK: Survival Evolved fatica a mostrarsi fluido già dal menu principale e anche impostando il preset a "Basso" si riscontrano dei cali di framerate non di poco conto. Per quel che concerne Dead by Daylight Mobile, quest'ultimo gira come si deve solamente con preset "Medio". Insomma, TCL 20 5G non è il dispositivo migliore per il gaming, ma riesce comunque a garantire qualche buona soddisfazione agli utenti meno esigenti.

TCL 20 5G TCL 20 5G è uno smartphone economico che riesce nel suo intento. La soluzione della multinazionale cinese non fa miracoli, ma rappresenta un dispositivo solido che difficilmente può deludere l'utente medio. Certo, non è lo smartphone più potente sul mercato, non c'è un refresh aumentato, il comparto fotografico è solamente nella media e il caricabatterie da 10W fa un po' storcere il naso, ma i punti di forza fanno dimenticare senza troppi problemi queste pecche. Troviamo infatti un ottimo display, un buon reparto audio, prestazioni discrete, diverse chicche lato software, una buona autonomia e soprattutto un comparto connettività che include 5G, jack audio per le cuffie e NFC. Insomma, se contestualizzato nella fascia sotto i 300 euro, TCL 20 5G può sicuramente dire la sua, affermandosi come una valida scelta per chi cerca un dispositivo economico dotato del supporto al 5G e di un buon comparto multimediale. C'è da dire che il mercato si muove a ritmi particolarmente rapidi e stiamo già vedendo l'arrivo di validi competitor. In ogni caso, il brand TCL sta sicuramente andando nella direzione giusta.

8