Teclast M89 Recensione: in prova un tablet Android low cost da 8 pollici

Da Teclast un tablet acquistabile per circa 160 euro con scocca in metallo e display dall'elevata risoluzione.

recensione Teclast M89 Recensione: in prova un tablet Android low cost da 8 pollici
Articolo a cura di

Dopo la prova del T8 torniamo a recensire un tablet di Teclast, azienda cinese specializzata in device economici che vanta nella sua gamma anche notebook di vario genere, dal sottile F7 al 2 in 1 TBook 10s con doppio sistema operativo Windows 10 e Android.
Oggi in particolare ci occupiamo dell'M89, un tablet low cost che vi avevamo già presentato qualche tempo fa e che si distingue oltre che per il prezzo ridotto anche per uno schermo da 8 pollici dall'elevata risoluzione. Scopriamo, quindi, tutte le caratteristiche del Teclast M89.

Teclast M89: costruzione curata e scocca in metallo

L'ultimo tablet di Teclast si presenta con una scocca realizzata in metallo, disponibile in un'unica appariscente colorazione color oro con frontale nero. Lato anteriore dove spiccano le vistose cornici sopra e sotto il display con i pulsanti Android a schermo.
Buona l'ergonomia grazie agli angoli arrotondati con dimensioni pari a 19,90 x 13,60 x 0,74 cm, per un un peso di 400 grammi.
Particolare la disposizione delle connessioni e degli speaker, tutti posizionati sul lato superiore dove sono stati inseriti una Micro HDMI, una porta USB Type-C ed un jack audio da 3,5mm.
Sul lato destro troviamo il pulsante di alimentazione e il bilanciere del volume, mentre a sinistra è stato inserito lo slot per la Micro SD. Ricordiamo, infine, il led di ricarica in alto, la piccola fascia in basso in plastica e l'assenza del sensore per il riconoscimento delle impronte digitali.

Caratteristiche tecniche e prezzo

Torniamo ad occuparci delle specifiche tecniche di questo tablet, che vi avevamo già presentato nello speciale di qualche tempo fa. L'M89 non riserva sorprese neanche da questo punto di vista e come moltissimi altri device di origine cinese utilizza un SoC Mediatek, l'MTK8176 a 6 core: 2 ARM Cortex-A72 e 4 core-A53 con una frequenza fino a 2.1GHz, affiancati da una GPU PowerVR GX6250.
Di buon livello il display, un IPS da 7,9 pollici con risoluzione di 2048 X 1530 pixel (326 ppi), in formato 4:3, con Gorilla Glass e protetto da una pellicola protettiva già preapplicata in fabbrica. Per quanto riguarda la dotazione di memoria, troviamo 3 GB di RAM e 32 GB di storage (660 MB occupati all'avvio), espandibile tramite lo slot per la Micro SD. Il comparto fotografico è formato da un sensore anteriore da 5 MP e uno posteriore da 8 megapixel, realizzato da Sony. Non dimentichiamo la connettività con il WiFi b/g/n/ac Dual Band e il Bluetooth 4.0. Concludiamo con la batteria da 4840 mAh ed il prezzo di circa 160 euro. Purtroppo l'M89 arriva con un alimentatore da 5V-2,4 A con presa cinese.

Analisi software

Occupiamoci ora del sistema operativo dell'M89, sicuramente uno dei punti deboli di questo tablet. Teclast ha infatti deciso di equipaggiare questo device con Android nella vecchia versione 7, con patch di sicurezza di aprile 2017.
Davvero limitate le personalizzazioni del sistema operativo, praticamente stock. Il produttore cinese ha infatti aggiunto un semplicissimo launcher proprietario, privo di app drawer, e inserito nel pannello delle impostazioni la nota utility Miravision dedicata al setting dello schermo.
Presenti diversi software in lingua cinese, tra cui un'utility per il blocco degli applicativi all'avvio del tablet. Tra le personalizzazioni non manca il filtro per la luce blu ed una modalità in bianco e nero (Reading Mode); funzionalità inserite nella barra delle notifiche che consentono di ridurre l'affaticamento visivo. Citiamo inoltre la modalità di risparmio energetico, sempre attiva all'avvio.
Purtroppo l'M89 arriva con la lingua cinese preimpostata, ma con un po' di pazienza è possibile abilitare l'italiano, con una traduzione completa di quasi tutto il software. Segnaliamo, infine, qualche problema con Netflix che non è visualizzato sul Play Store; è comunque possibile installare manualmente l'Apk ufficiale.

Esperienza d'uso

Il Teclast M89 offre un'esperienza d'uso fluida in ogni situazione, dalla navigazione Internet alle app più pesanti. Non deludono neanche le performance nel gaming, anche con i titoli più esigenti come PUBG Mobile.
Passando al display, si tratta di uno schermo dai colori naturali e dalla buona risoluzione, discreta la luminosità.
Non dimentichiamo gli speaker di qualità più che sufficiente, ma un po' troppo vicini fra loro, e i benchmark; questo tablet su AnTuTu totalizza 98973 punti, mentre su Geekbench fa registrare 1525 punti in single core e 3600 in multi core.
Per quanto riguarda il comparto fotografico, dalla camera posteriore si ottengono scatti dalla qualità solo sufficiente, con qualche problema nella gestione della luminosità e dei colori, a volte poco naturali e con un evidente rumore in condizioni di ridotta illuminazione. Analoga valutazione per i selfie e per i video con risoluzione di 1080p.
Sensori gestiti da un'interfaccia elementare che include tra le opzioni solo HDR, griglia e autoscatto.
Infine la batteria che consente circa 11 ore di funzionamento, accumulatore ricaricabile in poco meno di 3 ore.

Teclast M89 Da Teclast arriva un tablet low cost che vanta un display di qualità ed una costruzione curata. Positiva anche la valutazione per quanto riguarda l'ergonomia, grazie ai bordi arrotondati della scocca. Un prodotto però non esente da difetti, ricordiamo il comparto fotografico di qualità solo sufficiente, l'alimentatore cinese ed il sistema operativo ormai obsoleto, per un prodotto che necessità di un aggiornamento per diventare più appetibile.