Turtle Beach Stealth 300 Recensione: ottima resa a costo contenuto

Le Turtle Beach Stealth 300 strizzano l'occhio ai videogiocatori amanti dei titoli Battle Royale, offrendo una buona qualità d'ascolto.

recensione Turtle Beach Stealth 300 Recensione: ottima resa a costo contenuto
Articolo a cura di

Turtle Beach è uno dei brand più conosciuti nel mondo degli headset da gaming. I suoi prodotti sono apprezzati dai giocatori e riescono spesso a introdurre caratteristiche uniche. Per questo motivo, le aspettative degli utenti sono sempre molto alte, anche nel caso di prodotti entry-level come le Turtle Beach Stealth 300. Queste cuffie per console (PS4 Pro e PS4) vengono vendute a un prezzo di circa 80 euro su Amazon.it. Il target di riferimento è più chiaro che mai: gli appassionati che vogliono avvicinarsi agli eSport, principalmente con il genere Battle Royale.

Design e connettività

All'interno della confezione troviamo, oltre ovviamente all'headset, un cavo USB/microUSB per la ricarica, un adesivo con il logo di Turtle Beach e l'immancabile manualistica. Parlando del design delle Stealth 300, non possiamo non menzionare la nuova tecnologia ProSpecs, che rende confortevole l'headset anche a chi porta gli occhiali, grazie ai cuscinetti che ricoprono i padiglioni auricolari, al cui interno sono collocati dei driver da 50 mm. Il peso è di 287 grammi, con i padiglioni che offrono un buon comfort, senza andare a premere troppo sul capo.
Non mancano anche l'archetto imbottito sopra la testa e il microfono estraibile. Esso risulta particolarmente comodo, visto che non va ad occupare troppo spazio e disattiva le sue funzionalità semplicemente quando viene riportato alla posizione iniziale. Sul padiglione sinistro troviamo anche la porta microUSB per collegare le cuffie alla console e ricaricarle, le rotelle per regolare i volumi di microfono e audio in entrata, il pulsante d'accensione e quello per selezionare i vari preset EQ.

Presente anche il LED che segnala lo stato delle cuffie, che inizierà a lampeggiare di rosso quando l'headset è scarico. Dal padiglione sinistro parte anche il cavo jack, non rimovibile, per collegare l'headset al controller PS4. Per il resto, i padiglioni presentano un design che fa trasparire tutto l'animo gaming del prodotto, con linee taglienti e il logo Turtle Beach in blu, colore che ritorna anche all'interno degli auricolari e nell'imbottitura dell'archetto superiore. Insomma, un design che convince e che rende molto comodo l'uso dell'headset, in pieno stile Turtle Beach. Certo, il look si avvicina un po' a quello delle Stealth 600, ma lo porta in una fascia di prezzo inferiore.

Qualità audio ed esperienza d'uso

A livello di caratteristiche, le Stealth 300 sorprendono per essere delle entry-level. Infatti, esse dispongono di 4 diversi preset di equalizzazione: Signature Sound, Bass Boost, Bass + Treble Boost e Treble Boost. Questi sono attivabili tramite l'apposito tasto presente sul padiglione sinistro, con le cuffie che emetteranno un diverso numero di bip per farvi capire quale state attivando. In questo contesto, dobbiamo dire di essere pienamente soddisfatti da ogni singola modalità, che dispone di una qualità audio superiore rispetto alle altre cuffie con prezzo simile, arrivando a tratti a toccare quella di headset di fascia superiore per quanto riguarda i bassi. Anche la modalità audio "standard" tende a favorire le basse frequenze.
Abbiamo testato per settimane le Turtle Beach Stealth 300 su PS4 Pro soprattutto con Fortnite, riscontrando un'ottima posizione dei suoni nello spazio, che consentono di capire bene la loro provenienza. Il volume massimo dell'audio è particolarmente elevato, tanto che difficilmente ci si arriva. Per quanto riguarda l'audio in uscita dal microfono, esso è nella media della fascia di prezzo.

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, vista la presenza del tasto d'accensione, si tratta di cuffie che funzionano esclusivamente in modalità cablata, ma devono comunque essere ricaricate. Questo è l'unico vero punto debole del prodotto, che non può quindi essere sfruttato al meglio in altri contesti. Per farvi un esempio, se volete utilizzare questo headset per ascoltare musica con il vostro smartphone mentre viaggiate, dovrete ricordarvi di mantenere un po' di carica per poter poi giocare una volta tornati a casa: il problema è che non esiste un metodo per capire a che percentuale è la batteria.
L'unico segnale è il bip ad intervalli regolari che viene riprodotto quando le cuffie sono quasi scariche. Inoltre, l'headset non è in grado di alimentarsi né attraverso il controller PS4 né attraverso uno smartphone, ma unicamente tramite la porta USB della console. Un altro problema è costituito dalla lunghezza del cavo, che è di circa 65 centimetri, un limite non da poco.

Bisogna dire che l'autonomia è molto buona, grazie alla batteria da 900 mAh. Per farvi capire, nei nostri test siamo spesso arrivati a 8 ore di gioco senza problemi. Oltre a questo, le cuffie si possono lasciare in carica mentre non si gioca. La richiesta di energia da parte delle Stealth 300 è giustificata dal fatto che si tratta di un headset amplificato, con una qualità audio superiore che comporta anche maggiori consumi.

Turtle Beach Stealth 300 Le Turtle Beach Stealth 300 sono un prodotto particolarmente valido per gli utenti PS4 e per i fan dei battle royale: in questo caso, tutte le qualità e i miglioramenti messi in piedi dalla società californiana vengono a galla. In tal senso queste cuffie si dimostrano un prodotto solido e destinato ai gradini più alti del podio. Ci sono tuttavia alcune sbavature, come il fatto che non si possano usare in modalità cablata quando la batteria interna è scarica. Piccole imperfezioni che non vanno però assolutamente ad intaccare la qualità generale.

8