vivo V21 5G Recensione: un buon cameraphone, ma il prezzo è giusto?

vivo V21 5G è uno smartphone che punta a offrire ottime prestazioni fotografiche: lo abbiamo testato nel corso delle ultime settimane.

vivo V21 5G Recensione: un buon cameraphone, ma il prezzo è giusto?
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Svelato a fine giugno 2021, vivo V21 5G è quel dispositivo che a prima vista può passare un po' in sordina. Processore MediaTek Dimensity 800U e focus sul reparto fotografico possono infatti potenzialmente mantenere alla larga un certo tipo di utente che punta invece alle mere prestazioni.
Inoltre, il prezzo di 449 euro e il fatto che vivo sia sbarcata solamente da poco in Europa sembrerebbero chiudere il cerchio, ma in realtà sappiamo bene quanto in campo smartphone non bisogna mai lasciarsi prendere dai pregiudizi.

Abbiamo messo alla prova il vivo V21 5G nel corso delle ultime settimane, scoprendo un dispositivo interessante che può fare gola a coloro che amano le fotografie. Certo, non aspettatevi miracoli dal punto di vista prestazionale, ma il suo utilizzo quotidiano ci ha fatto comprendere il motivo dietro ad alcune scelte effettuate dal produttore.

Un design che si fa riconoscere

vivo è un colosso in Cina ma è arrivato solamente da poco in Europa e ha dunque molta strada da fare per guadagnarsi la fiducia degli utenti. Il primo passo è già stato fatto con la sponsorizzazione di UEFA EURO 2020 e l'ottimo vivo X60 Pro, ma è chiaro che ci sia ancora bisogno di tempo. Bisogna infatti, ad esempio, andare a esplorare altre fasce di prezzo e puntare su dispositivi unici, che siano in grado di spiccare all'interno del mercato.

Arriva proprio in questo contesto vivo V21 5G, che si presenta come uno smartphone originale sin dal primo sguardo. Basta dare un'occhiata alla sua backcover per capirlo. Un'imponente comparto fotografico sovrasta la scocca, in questo caso nella colorazione Sunset Dazzle in grado di dare spettacolo se esposta alla luce.
Esiste anche la variante Dusk Blue e forse la colorazione Sunset Dazzle non strizza l'occhio a un pubblico come quello dei videogiocatori, ma indubbiamente il lavoro svolto da vivo è ottimo e l'attenzione ai dettagli c'è eccome.

La plastica è presente, ma quasi non si nota. Siamo sicuri che i meno attenti faticheranno a comprendere di quale materiale si tratta. Questo aspetto conferisce allo smartphone un look Premium, che sicuramente verrà apprezzato da molti.
Tuttavia, gli utenti più esigenti noteranno questo dettaglio, che può essere visto come una pecca da qualcuno, considerata anche la fascia di prezzo.

Già da qui si può comprendere la natura del dispositivo. Il vivo V21 5G non è uno smartphone per tutti, ma ha sicuramente il suo pubblico. Infatti, le dimensioni dello smartphone sono pari a 159,68 x 73,9 x 7,39 mm nella colorazione Sunset Dazzle mentre la variante Dusk Blue ha spessore di 7,29 mm, per un peso di, rispettivamente, 177 e 176 grammi.
Nonostante non si tratti di un dispositivo compatto, lo smartphone ha una maneggevolezza migliore rispetto a molti altri modelli presenti sul mercato. Peccato solamente per la sporgenza delle fotocamere, che fa un po' muovere il dispositivo se poggiato su una superficie piana.

Anteriormente fa capolino uno schermo AMOLED con notch a goccia per la camera anteriore e sensore di impronte digitali integrato. Proprio per quanto riguarda lo sblocco biometrico, non abbiamo mai avuto problemi né con l'impronta né con il riconoscimento facciale.

Sul lato destro troviamo il pulsante d'accensione e il bilanciere del volume, mentre in alto prende posto uno dei microfoni. In basso ci sono invece un altro microfono, l'altoparlante, la porta USB Type-C e lo slot ibrido per la SIM, che permette l'inserimento di due nanoSIM o una nanoSIM con espansione microSD.
Per quel che riguarda, invece, la confezione di vendita, troviamo un caricabatterie da 33W, un cavo USB Type-C/USB Type-A, una comoda cover trasparente, la manualistica, una spilla per l'estrazione del vano SIM, un adattatore da USB Type-C a jack audio da 3,5 mm e delle discrete cuffie con cavo jack. Insomma, la dotazione è completa.

Prestazioni non al top, ma ottimo comparto fotografico

Il primo vero aspetto che ci ha fatto storcere un po' il naso è la presenza di un processore MediaTek Dimensity 800U, affiancato in questo caso da 8GB di RAM LPDDR4X e 128GB di memoria interna UFS 2.2 (espandibile tramite microSD).

Si tratta di un SoC che conosciamo bene, dato che lo abbiamo già visto in azione nella prima metà dell'anno su smartphone come l'OPPO A94 5G, con un prezzo di partenza di 369,99 Euro. Come potrete ben immaginare, i benchmark sono molto simili: vivo v21 5G ha raggiunto 378.215 punti su AnTuTu v9, mentre su GeekBench le prestazioni si attestano su 556 punti in single-core e 1695 punti in multi-core. Le performance sono più che sufficienti per l'utilizzo quotidiano e si riesce anche a svolgere qualche operazione più avanzata, ma ricordiamo che nella fascia di prezzo attorno ai 500 euro ormai ci sono anche smartphone da gaming. Insomma, le prestazioni non sono al top, anche se vanno più che bene per un certo tipo di utenza.

Per quel che riguarda l'autonomia, si riesce essenzialmente sempre ad arrivare a fine giornata, ma in alcuni contesti la carica residua non sarà molta. In ogni caso i risultati sono più che buoni, soprattutto per un tradizionale uso ufficio, e non manca la ricarica rapida a 33W, ma ci saremmo aspettati di più da un dispositivo di questo tipo e dalla sua batteria da 4.000 mAh. Il vivo V21 5G non è quindi un battery phone, cosa che lo avrebbe reso sicuramente più appetibile da parte del target a cui si rivolge.

Pochi dubbi invece relativamente al display AMOLED da 6,44 pollici con risoluzione Full HD+ da 2404 x 1080 pixel con frequenza di aggiornamento fino a 90 Hz, touch sampling rate di 180 Hz e supporto all'HDR10+. I colori sono ben tarati, non manca la modalità Always On, sono presenti i DRM Widevine L1 per i contenuti ad alta definizione delle principali piattaforme di streaming e la luminosità non è niente male.

Si tratta di un pannello ottimo per l'utilizzo multimediale e risulta adatto anche per guardare film e serie TV su piattaforme come Netflix o Amazon Prime Video. Nella media invece il reparto audio mono, che non spicca né in termini di qualità generale né per volume massimo. In ogni caso, molti utenti si troveranno bene con vivo V21 5G per la visione di contenuti multimediali.

Arrivando al principale punto di forza del dispositivo, ovvero il comparto fotografico, troviamo una tripla fotocamera posteriore con sensore principale da 64MP e apertura f/1.79, completo di Autofocus e OIS, accompagnato da un modulo ultra-wide a 120 gradi da 8MP con apertura f/2.2 e da una camera macro da 2MP con apertura f/2.4.

Anteriormente fa capolino un sensore per i selfie da ben 44MP con apertura f/2.0, anch'esso dotato di AutoFocus e stabilizzatore OIS. I video si possono registrare fino a 4K/30fps e risultano ben stabilizzati. Inoltre, nel caso si vogliano raggiungere ulteriori vette da questo punto vista, si può attivare la modalità Super anti-vibrazioni, che però fa scendere la risoluzione a 1080p. A sorprendere però sono soprattutto le foto, con scatti davvero molto gradevoli di giorno.

Il sapiente utilizzo dell'intelligenza artificiale riesce a migliorare ulteriormente il risultato e difficilmente qualcuno rimarrà deluso, vista anche la fascia di prezzo. Sorprendente anche la modalità notturna, in grado di sistemare a dovere gli scatti in contesti di luce difficili. Non male inoltre le foto grandangolari, mentre le macro hanno sempre il solito problema, ovvero una risoluzione ancora troppo contenuta per i nostri gusti. I selfie sono ottimi grazie anche all'utilizzo di un doppio flash frontale per gli scatti notturni. Possiamo definire vivo V21 5G un cameraphone sotto i 500 euro a tutti gli effetti. Tenete solamente bene a mente il fatto che lo zoom è limitato, con un ingrandimento massimo a modificatore 10x in digitale. Se volete approfondire la questione, potete dare un'occhiata a qualche foto non compressa nella nostra cartella Drive dedicata a vivo V21 5G.

Non c'è nulla da lamentarsi anche in termini di comparto connettività: lo smartphone dispone del supporto a 5G, Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.1, NFC e Dual SIM (slot ibrido). Insomma, si tratta di un dispositivo pronto per il più recente standard in termini di connettività.

La RAM "aumenta" grazie al software

vivo prosegue dritta per la sua strada livello software, puntando su Android 11 con personalizzazione Funtouch OS 11. Al momento in cui scriviamo, le patch di sicurezza sono quelle di luglio 2021. Abbiamo già imparato a conoscere le funzionalità disponibili con altri modelli, come ad esempio con il vivo X60 Pro, ma si tratta di una personalizzazione pulita e priva di bloatware.

Non mancano alcune feature aggiuntive intriganti, come la possibilità di "incrementare" la RAM via software tramite l'utilizzo dello spazio di archiviazione. Attivando questa funzionalità aggiuntiva, si potranno aggiungere 3GB agli 8GB già disponibili. La reale utilità della funzionalità RAM estesa è certamente limitata, ma in alcuni contesti può sempre tornare utile.

Fra le altre possibilità offerte dal software Funtouch OS 11, troviamo la modalità ultra-gioco. Quest'ultima consente principalmente di ridurre le distrazioni in fase di gioco, anche tramite la funzione Esports, che offre migliorie anche in termini di effettivi visivi e gestione delle temperature. La modalità ultra-gioco consente inoltre di aprire applicazioni come WhatsApp in modalità Picture in Picture.

Tuttavia, il software non è dei più curati per quel che riguarda le traduzioni. Nell'uso quotidiano troveremo scritte in spagnolo come "Captura de pantalla" e qualche frase non troppo chiara. Elementi che fanno un po' storcere il naso, ma che non rappresentano un reale problema durante l'utilizzo del dispositivo.
La sensazione è tuttavia che lo sforzo riposto nella realizzazione della modalità gaming sia un po' sprecato per questo specifico dispositivo. Infatti, Fortnite non risulta nemmeno compatibile mentre Call of Duty Mobile gira bene solamente con dettagli su Medio e FPS su Alto. ARK Survival Evolved, invece, risulta giocabile discretamente con preset Medio. Insomma, se si vuole giocare, si dovrà necessariamente scendere a compressi.

vivo V21 5G vivo V21 5G è uno smartphone solido che strizza l'occhio agli amanti delle fotografie. Il suo principale punto di forza è proprio il comparto fotografico, in grado di realizzare ottimi scatti in tutti i contesti. Un aspetto interessante, soprattutto considerato il prezzo di 449 euro. Tuttavia, si scende a compromessi in altri comparti, dalle prestazioni sufficienti per un uso quotidiano ma non esattamente al top, alla buona autonomia che tuttavia non è propriamente da battery phone. C'è inoltre un software non dei più curati e potrebbe far storcere il naso anche l'utilizzo della plastica. Nonostante questo, peso e dimensioni sono inferiori rispetto a molti altri dispositivi, il comparto connettività è completo di 5G e NFC, c'è un buon display AMOLED con refresh rate di 90 Hz e il design è interessante. Il prezzo di lancio lo posiziona in una fascia agguerrita, ma il dispositivo si rivolge a un target specifico e quindi troverà sicuramente il suo collocamento sul mercato. Se avete un budget di questo tipo e siete interessati alle foto, sapete dove volgere lo sguardo.

8