I voli spaziali più importanti di novembre: c'è anche Crew-1 di SpaceX

Novembre sarà un mese pieno di lanci e di missioni spaziali: abbiamo stilato per voi questo "calendario" in modo da non perdervi neanche un evento.

rubrica I voli spaziali più importanti di novembre: c'è anche Crew-1 di SpaceX
Articolo a cura di

Continuano senza sosta i lanci e le missioni spaziali - a opera di agenzie governative e private - per portare in orbita i propri preziosi carichi. Come abbiamo visto negli ultimi anni ormai, chiunque può "affittare" un razzo, pagare per un passaggio e lasciare che la proprio strumentazione venga rilasciata nell'aerospazio. Mentre per il mese di ottobre ci siamo focalizzati sulle missioni volta per volta, già a settembre abbiamo notato come l'affollamento di "liftoff" richiedesse un calendario apposito.
Stessa sorte ora capita all'appena iniziato novembre, un mese davvero interessante e pieno di lanci importantissimi. Vi ricordiamo che tutte le date e gli orari riportati sono stati convertiti già nel fuso orario italiano.

3 novembre

È il turno dell'intramontabile razzo Atlas V della United Launch Alliance, fin ad ora il lanciatore con la più alta percentuale di successi (99%), considerando anche la mole considerevole di missioni al quale ha partecipato (85 da quando è stato lanciato la prima volta nel lontano 2002). Il 3 novembre sarà incaricato di lanciare un carico "classificato" e confidenziale, in quanto è un satellite appartenente al National Reconnaissance Office, ovvero una branca del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d'America che costruisce e gestisce i satelliti spia. La missione, NROL-101, decollerà da Cape Canaveral, Florida, alle 23:58 del fuso orario italiano.

6 novembre

Lancio doppio per il 6 novembre. Ben due decolli nell'arco delle ventiquattro ore (salvo imprevisti): prima protagonista della giornata è SpaceX, con il suo Falcon 9 che lancerà il quarto satellite GPS di terza generazione dell'Aeronautica americana, designato "GPS III SV04". Decollerà da Cape Canaveral in una finestra di lancio di circa quindici minuti che si aprirà alle ore 00:24. Una finestra, va detto, piuttosto incerta e che potrebbe far slittare o rinviare questo volo ad un'altra data.
Seconda protagonista invece sarà la Cina, che metterà in orbita una decina di satelliti di imaging terrestre nominati "NuSat" per conto della Satellogic, società produttrice di satelliti e di telerilevamento di nazionalità argentina.
Partirà dal centro spaziale di Taiyuan nella provincia cinese dello Shanxi e verrà adoperato il razzo "Lunga Marcia 6": razzo a propellente liquido costituito da tre stadi e che ha volato fin a d'ora solo tre volte in cinque anni.

7 novembre

Neanche il tempo di riprenderci dalla doppietta citata poco fa che subito abbiamo un nuovo lancio programmato per il 7 novembre alle ore 10:32. Questa volta è coinvolta l'India, con il suo "Polar Satellite Launch Vehicle", conosciuto più comunemente come "PSLV" (un razzo indiano sviluppato alla fine degli anni '90 e che nel 2017 ha stabilito un record mondiale portando in orbita ben 104 satelliti in un unico lancio di successo).

Il PSLV questa volta trasporterà un satellite di imaging RISAT 2BR2, per conto della "Indian Space Research Organisation", l'agenzia nazionale Indiana per la ricerca spaziale. Il decollo è previsto dal Satish Dhawan Space Center di Sriharikota, in India.

10 novembre

Torna, come era lecito aspettarsi da una delle compagnie più in voga del decennio, la SpaceX per un nuovo lancio. Ancora un Falcon 9 Block 5 come protagonista, e il carico in questione è il satellite Sentine-6A. La missione Sentinel-6, nota anche come missione Jason Continuity of Service (Jason-CS), si pone l'obiettivo di portare in orbita il futuro altimetro satellitare sviluppato congiuntamente da NASA, ESA, EUMETSAT e NOAA. Sentinel-6 in realtà includerà due satelliti identici, quello che verrà lanciato il 10 novembre e Sentinel-6B, che non prenderà il volo prima del 2025.
Gli strumenti di cui sono dotati permetteranno di continuare le misurazioni del cambiamento del livello del mare dallo spazio, una pratica che avviene ininterrottamente dal 1992 (e che ci ha permesso di guardare ancor più chiaramente la dura realtà dei cambiamenti climatici). Decollerà dalla base aerea di Vandenberg, in California, alle 20:45.

Notte tra il 14 e il 15 novembre, il grande giorno!

Il momento che quasi sicuramente tutti aspettiamo con più trepidante attesa: SpaceX (di nuovo lei!) è pronta ad avviare la prima, ufficiale missione operativa con equipaggio umano, la "missione Crew-1". Inizialmente programmato per il 31 ottobre come regalo di Halloween per gli abitanti della ISS, il viaggio degli astronauti americani Mike Hopkins, Victor Glover, Shannon Walker e del giapponese Soichi Noguchi (JAXA) è stato rinviato al 14 novembre, ma da noi sarà già la notte del giorno successivo.
Se non ci saranno ulteriori imprevisti o rinvii, il decollo avverrà alle ore 01:49 del 15 novembre 2020. Sarà un passo importante per l'esplorazione spaziale, in quanto rappresenterà la prima missione operativa con equipaggio umano presa in carico da un ente privato, ovvero la compagnia capitanata da Elon Musk. Verrà adoperata anche la nuovissima capsula Crew Dragon, denominata per l'occasione "Resilience".

Non dobbiamo dimenticarci però, che circa ventiquattro ore prima, alle ore 02:52 del 14 novembre il razzo Vega (costruito con la collaborazione dell'Agenzia Spaziale Italiana) lancerà il satellite di osservazione terrestre SEOSAT-Ingenio (qui vi abbiamo raccontato delle sue peculiarità), e il satellite di ricerca scientifica Taranis. Decollo previsto dalla base di lancio di Kourou, nella Guyana francese.

24 novembre

Nella serata del 24 novembre, più precisamente alle ore 01:00, è previsto il secondo lancio di prova del nuovo razzo russo Angara-5. La famiglia degli Angara è l'insieme della nuova flotta di lanciatori pesanti e super-pesanti che sta andando pian piano a sostituire i vecchi Proton nati nell'Unione Sovietica (e poi passati alla Russia di oggi).
Il modello 5, in particolare, è composto da tre stadi e quattro razzi ausiliari laterali, ed è in grado di trasportare circa 24'500 kg di carico utile ad una quota di 200km. Verrà immesso in un volo orbitale per testare il suo comportamento ad alta quota e partirà dal Cosmodromo di Plesetsk, Russia.

30 novembre

Per la fine del mese è previsto un ulteriore lancio di un razzo Falcon 9 della compagnia di Elon Musk. Il carico utile in questione è un satellite per comunicazioni turco, denominato "Turksat 5", per conto dell'operatore satellitare turco Turksat. Türksat 5A sarà inserito in un'orbita geostazionaria per fornire telecomunicazioni, segnale TV, servizi in streaming e OnDemand su una regione geografica fra l'ovest della Cina e l'est dell'Inghilterra, estendendosi sulla Turchia, Europa, Asia centrale, Medio Oriente e Africa.
Il satellite peserà circa 3500kg e si stima possa operare indisturbato per almeno una quindicina d'anni dal momento della sua attivazione. Come al solito, il lancio avverrà da Cape Canaveral ma l'orario non è ancora certo.

Avvertimenti e altri lanci da stimare

Sebbene possa sembrare che abbiamo elencato già una gran quantità di voli, in realtà vi abbiamo riportato quelli con la data più "certa" possibile: vi sono altre missioni che attendono una finestra di lancio e che hanno ricevuto - solo per il momento - la generica data del 30 novembre.
In realtà, potrebbero trovare spazio in questi giorni molto prima della suddetta data, ma non è da escludere che possano essere posticipate anche a dicembre o agli inizi del 2021.

Non c'è nemmeno la certezza totale che i lanci riportati in questo articolo avvengano nei tempi previsti: come più volte abbiamo potuto notare spesso avvengono ritardi o posticipi dell'ultimo momento (alcuni anche a pochi secondi alla fine del countdown) ed è impossibile prevedere cosa accadrà.
Ci è sembrato comunque giusto esporvi quanto meno il calendario di novembre e farvi notare quanto il traffico aerospaziale sia ormai a tutti gli effetti un business rodato e in forte crescita. Ovviamente non mancheremo di aggiornarvi volta per volta qualora ci saranno novità sui lanci programmati.