Le news tech più importanti della settimana: 8-13 Gennaio

Dal CES di Las Vegas ad Apple, Meltdown e Spectre. Settimana molto ricca per il settore tech, con tante notizie interessanti che andiamo a riassumere

rubrica Le news tech più importanti della settimana: 8-13 Gennaio
Articolo a cura di

Settimana ricca di novità, quella che si è da poco conclusa. È stata infatti la settimana del CES 2018 di Las Vegas, da cui ci sono arrivati tanti annunci interessanti, soprattutto dal settore televisivo. Non sono mancate le polemiche su Meltdown e Spectre, le due falle di sicurezza scovate la scorsa settimana, relative soprattutto ai possibili rallentamenti alle prestazioni registrati da alcuni utenti che hanno avuto modo di installare i fix messi a disposizione dai vari produttori, alcuni dei quali sono stati addirittura costretti a bloccarne il rilascio a causa di problemi con i PC. Apple, nel frattempo, continua a essere al centro delle polemiche per la questione rallentamenti su iPhone, con cause multimilionarie che continuano a piovere sulla testa del gigante di Cupertino. Ma andiamo per ordine.

CES 2018: da The Wall alla nuova strategia di LG

È stata, soprattutto, la settimana del Consumer Electronic Show di Las Vegas, la prima fiera dell'anno, che ha aperto ufficialmente la nuova stagione di annunci. Il CES 2018 è stato incentrato principalmente sul futuro, con prodotti che probabilmente vedranno la luce a lungo termine.
Ad aprire le danze ci ha pensato Samsung con The Wall, il mastodontico televisore da 146 pollici 8K modulare che include una tecnologia d'intelligenza artificiale in grado di collegarsi a una banca dati presente sul cloud. Questa esaminerà i contenuti (immagini e soggetti) per trasformarli alla risoluzione di 8K senza alcuna perdita.
Novità per i monitor anche da LG, che ha mostrato il monitor da 34 pollici 5K Ultrawide, con tanto di ingresso Thunderbolt 3, che lo rende il compagno di viaggio ideale per per i Mac.
Ha risposto colpo su colpo anche Sony, che ha svelato il nuovo OLED AF8, che include al suo interno il processore X1 Extreme in quanto analizza le singole scene per correggere colori e contrasti e fornire agli utenti la migliore esperienza visiva possibile in 4K HDR.
Sempre da Sony è arrivato il nuovo proiettore focale 4K a basso raggio, che porta il nome in codice LPSX-A1 e include anche un impianto audio. Il costo? 30.000 Dollari.
Ha puntato su altro invece Panasonic, che sfruttando il momento d'oro che stanno vivendo i vinili e musicassette ha rinnovato al CES 2018 la gamma di giradischi Technics, presentando una nuova linea composta da un modello top di gamma (SP-10R) e una variante più accessibile (SL-1000R) e indirizzata a coloro che si stanno avvicinando da poco a questo mondo.
Molto interessante anche l'installazione particolare creata da LG al CES. Si chiama OLED Canyon ed è composta da 246 display OLED disposti su una piattaforma da 27 metri.
Novità, dal Nevada, anche a livello di sicurezza, perché la WiFi Alliance ha di fatto annunciato che entro fine anno arriverà il nuovo protocollo di sicurezza WPA3 per le reti senza fili, che garantirà una maggiore protezione generale e in particolare contro gli attacchi brute force.
Non solo settore televisivo, perché durante il CES abbiamo anche visto il primo prototipo di Vivo Phone, il primo cellulare a includere il nuovo sensore per le impronte digitali sotto lo schermo, targato Synaptics.
Sempre a livello di smartphone, LG ha confermato l'addio al ciclo di rilascio annuale per gli smartphone. Il vice presidente della compagnia, Cho Sung-jin, ha affermato: "Rilasceremo nuovi smartphone solo quando lo riterremo necessario. Non porteremo nuovi dispositivi sul mercato solo perché lo fanno i nostri rivali".

Meltdown e Spectre: l'impatto delle patch

Nonostante il CES di Las Vegas, si è comunque parlato tanto delle falle di sicurezza Meltdown e Spectre, di cui abbiamo a lungo discusso su queste pagine.
Le prime notizie della settimana però sono arrivate proprio dalla città del Nevada, dove l'amministratore delegato di Intel Brian Krzanich ha tenuto un keynote nel corso della fiera d'elettronica, nel corso del quale ha annunciato l'imminente rilascio di una patch che renderà sicuri il 90% dei dispositivi nel giro di sette giorni, con la restante parte che sarà coperta entro la fine di gennaio. A far discutere però è l'impatto che questi aggiornamenti potrebbero avere sulle prestazioni e proprio a tal proposito la compagnia di Santa Clara ha confermato il calo delle prestazioni, che potrebbe toccare addirittura il 10%. Nel frattempo, però, gli utenti che hanno installato l'aggiornamento di Intel hanno segnalato diversi riavvii sui PC. Problemi simili segnalati anche sulla piattaforma AMD, al punto che Microsoft è stata costretta a interromperne il rilascio.
Sempre nel corso del CES, Intel ha anche annunciato l'adozione di una nuova strategia nei confronti di falle come questa, che in futuro saranno trattate diversamente, anche per evitare le numerose critiche da parte degli utenti.
A livello di rallentamenti, alcuni benchmark effettuati su iPhone 6 hanno dimostrato che l'installazione di iOS 11.2.2, la versione dell'OS di Apple che ha tappato proprio le due falle, ha portato a un brusco calo delle prestazioni sul dispositivo della casa di Cupertino, che nel frattempo ha annunciato il rilascio di un altro pacchetto per proteggere gli utenti da Spectre.

Ancora novità dal fronte Apple

Apple che, nel frattempo, è stata ancora impegnata dal caso relativo ai rallentamenti degli iPhone in seguito al deterioramento della batteria. Mentre in Francia è stata aperta una nuova inchiesta per obsolescenza programmata, il gigante di Tim Cook ha dovuto far fronte alla 32esima querela da parte degli utenti, a cui proprio non è andato giù il sistema di protezione messo in atto.
Sono arrivate anche nuove informazioni sulla procedura di sostituzione della batteria, che potrà essere effettuata una sola volta. Si tratta di una clausola inserita da Apple per evitare che i "furbetti" ne approfittino.
Sempre sulla procedura di sostituzione, sono arrivate le prime stime sulla disponibilità delle batterie a causa dell'elevata richiesta.

Piovono bordate contro il Bitcoin, mentre Amazon investe in Italia

Altra settimana estremamente negativa per il Bitcoin, su cui sono piovute bordate da tutti i fronti. A dare il via alle danze ci ha pensato Visa, che per motivi legati alla sicurezza ha ordinato lo stop all'emissione di carte di credito che permettono di sfruttare la criptovaluta per i pagamenti. Dall'altra parte del mondo, la Corea del Sud ha annunciato di essere al lavoro su un ban che impedirà gli scambi di criptovalute, una notizia che ha fatto crollare nuovamente il prezzo del Bitcoin. Gli analisti e investitori continuano ad essere estremamente pessimisti: Warren Buffett ha affermato senza mezzi termini che il Bitcoin è destinato a fare una brutta fine.
Chiudiamo questo secondo numero del 2018 con tre notizie che ci giungono dal fronte italiano. Una sentenza pronunciata dal tribunale di Roma ha stabilito che la pubblicazione delle foto dei minori su Facebook da parte dei genitori potrebbe portare a una multa da 10 mila Euro. Nel frattempo, Amazon ha annunciato l'apertura di due nuovi centri di distribuzione in Italia, che porteranno all'assunzione di 1.600 dipendenti.