Rubrica TechnoloGeek - Vol 3

Nuovo appuntamento con le news tecnologiche più calde della settimana. Edizione del 12 Luglio 2010

rubrica TechnoloGeek - Vol 3
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

TechnoloGeek Vol.3: come districarsi in mezzo a tutte le novità, le news i prodotti che giornalmente appaiono su internet e nei negozi? Everyeye vi viene in aiuto con questa nuova rubrica settimanale in cui raccoglieremo per voi tutto lo scibile tech oriented apparso in Rete (ma anche nel mediaworld sotto casa) negli ultimi sette giorni!.

Per tutte le immagini ringraziamo Gizmodo ed Engadget

Larry Page: “[Il racconto di Jobs] è una riscrittura della storia”
Sembra proprio che la storia d’amore fra Google ed Apple sia ormai arrivata alla fine. Sono lontani i tempi in cui Eric Shmidt (CEO di Google) sedeva nel consiglio d’amministrazione dell’Azienda di Cupertino e il top management delle due firm più invidiate dell’IT si scambiava effusioni ad ogni intervista. Dopo il famoso memorandum interno in cui Steve diceva, testualmente, di voler “fottere” Google perché “hanno invaso il nostro business”, l’aria è decisamente tesa. Prima i rumor sulla possibile sostituzione di Google con Bing (Microsoft, l’ex grande nemico!) come motore di ricerca di default su Safari, poi una brutta storia di brevetti, con cui Apple ha trascinato in tribunale i vecchi “amici” di Mountain View con l’accusa di aver copiato almeno venti feature di iPhone e, ora il commento del fondatore di Google che, tramite il suo blog, accusa Jobs di raccontare i fatti a suo piacimento, dimenticando (o fingendo di farlo) che la grande G lavora su progetto Android da almeno sei anni. Sarà vero? Non lo sarà? Sta di fatto che i primissimi prototipi di cellulari Google Powered erano molto simili ai vecchi Blackberry più che all’interfaccia multitouch di iPhone. Aspettiamoci a breve una nuova puntata di questa telenovela. Magari tra poco voleranno anche i piatti.

Nel frattempo vi lasciamo con una serie di citazioni che mostrano come le relazioni fra Apple e Google si siano “evolute” nel corso degli anni:

”We think Eric [Schmidt]’s insights and experience will be very valuable in helping to guide Apple in the years ahead.” - “Pensiamo che le conoscenze di Eric e la sua esperienza saranno molto importanti per aiutarci a governare apple nei prossimi anni."
Steve Jobs, Agosto 2006

”It’s bullshit.” - “E’ M...a.”
Steve Jobs, Gennaio 2010 parlando dello slogan “non essere cattivo” di Google

”Tell me the difference between a large phone and a tablet.” - “Spiegatemi la differenza fra un telefono grande e un tablet.”
Eric Shmidt, Febbraio 2010 commentando iPad



Un misterioso Touch Screen da 1,2 pollici fa sognare gli Applefan
Mentre Google e Apple si lanciano i coltelli, arriva dall’estremo oriente un’immagine decisamente interessante: un microschermo molto, molto, simile a quello di iPhone, grande solo un pollice e due, con due connettori marchiati Apple che escono dal lato destro e inferiore dello schermo. Secondo l’informatissimo blog taiwanese Apple.pro si tratterebbe delle prove tecniche di un futuro iPod Shuffle, ma naturalmente la notizia va presa con le pinze dato che, quasi contemporaneamente, sono usciti alcuni rumor riguardanti i prossimi iPod Touch che dovrebbero finalmente integrare la stessa fotocamera presente nell’attuale iPhone 3GS. Probabilmente dopo l’estate avremo qualche conferma, per ora godetevi (si fa per dire) le immagini.



iPhone 4, niente jailbreak..almeno per ora
Geohot, l’hacker che per primo “bucò” le protezioni di iPhone, aprendo la strada al jailbreaking ha dichiarato, tramite uno striminzito post sul suo blog che, per il momento, non ha intenzione di dedicarsi all’esplorazione dell’ultimo device Apple perché “non è più divertente”. Nel frattempo il resto del Dev Team pare stia facendo alcuni passi avanti, ma la strada pare decisamente lunga.

Steve Jobs e Jony Ive premiati da Fortune

Fortune, la Bibbia dei manager americani, nonché rivista di culto negli ambienti Business, ha nominato Jobs ed Ive, rispettivamente Ceo “più intelligente” e Designer “più intelligente”. Secondo il magazine, Jobs “dopo essere tornato in Apple l’ha trasformata nella compagnia tecnologica più potente del mondo e [...] dominare un settore può essere fortuna, ma quattro? Questa è intelligenza!”. Ive invece “è un perfezionista che lavora quasi in isolamento ed ha trasformato il grigio, utilitaristico, computer in una dichiarazione di stile [...]inoltre è stato capace di trasferire il suo genio in un design che è amato dalle masse e dal suo incontentabile capo. Molto intelligente.”

Altri Mondi

YouTube si prepara per il futuro
Dopo aver introdotto i video in HD e il mitico pulsante Vuvuzela, Youtube è ora in grado di gestire anche l‘alta definizione pura, i mit(ologi)ci video a 4K, con risoluzione di 4096x3072. Per avere un’idea delle dimensioni di questi filmati, vi basti pensare che i proiettori IMAX sono a 2K, ovvero la metà esatta! Calcolando che una cinepresa 4K costa quasi quanto un’auto di Formula 1, mentre i proiettori sono ancora in fase di pre - produzione, è innegabile che YouTube a questo giro si stia attrezzando per il futuro più remoto. Per la gioia di James Cameron che, ci scommettiamo, si sarà già comprato almeno un paio di questi giocattolini. Nel frattempo tutti noi possiamo tentare di far girare uno di questi video sul nostro computer ma, come avverte il Blog ufficiale del sito, sarà necessaria una connessione “abbastanza” veloce nonché un processore in grado di codificare il flusso video a velocità dignitose. Fateci sapere come va!



Playstation 3, l’update per i Blu Ray 3D arriverà a Settembre, insieme ad altre novità
Sony sta facendo sul serio con i televisori 3D e, se ce n’eravamo accorti già durante la Press Conference dell’E3, con questa news il gigante di Tokyo è pronto a lanciare la sua offensiva verso la concorrenza. Da Settembre, a patto di avere un televisore adeguato, potremo gustarci l’alta definizione tridimensionale (qualcuno ha detto Avatar?) grazie a un upgrade gratuito del firmware, mentre nei mesi a seguire saranno resi disponibili gli aggiornamenti per le fotografie, il PSNetwork e YouTube. In attesa di Killzone 3, che promette di rivoluzionare il mondo dei videogiochi come Cameron fece qualche mese fa nel cinema, potremo dunque guardarci Will it Blend in 4K 3D. Evviva il progresso.

Flash va verso il 3D
Segnatevi questa data: 27 Ottobre 2010. Quel giorno, secondo il product manager di Adobe Thibaut Imbert, “dovrete dimenticare tutto quello che avete visto finora, sarà qualcosa di assolutamente nuovo”. Parole pesanti, che forse nascondono la tanto attesa, e auspicata, totale riscrittura del noto programma di Adobe che soprattutto negli ultimi tempi, dopo le bordate di Apple e la crescita di HTML 5, sta combattendo per la sua sopravvivenza. Adobe, tuttavia non sembra intenzionata a lasciar solo il suo figlio più famoso (e remunerativo). Purtroppo per noi non avremo altre news fino al prossimo Ottobre. Maledette Vacanze!

Ed egli scese dal Monte con due Tavole

La guerra dei Tablet si sta preparando per la prossima Holyday season e, finalmente, anche Blackberry sta per entrare nell’arena. Secondo un’indiscrezione pubblicata da CNET e poi ripresa da Gizmodo ed Engadget, il futuro device della Mora avrà uno schermo touch da sette pollici e un processore dal almeno 1 Ghz. Leggermente più piccolo, dunque di iPad e di tutti gli altri Tablet usciti, o in uscita, sul mercato. Secondo alcuni analisti, in ogni caso, non vedremo questo misterioso prototipo sugli scaffali almeno fino alla fine dell’anno.

Su PC

Lenovo mostra il suo All in One economico

Lenovo, il produttore cinese che qualche anno fa ha ritirato l’agonizzante divisione Personal Computer di IBM, sta per lanciare sul mercato il suo B305, un All in One poco costoso dedicato a tutti coloro che desiderano un PC elegante, compatto e performante. Il modello di base, per soli 699€ propone un monitor da 21 pollici multouch, con processore AMD Athlon II X2 a 2.7 Ghz, 2 GB di Memoria RAM e un disco fisso da 320 GB. Il computer monta di serie anche un masterizzatore DVD e l’ovvia scheda WiFi. Naturalmente sono disponibili anche altre configurazioni con prezzi a salire, fino a un massimo di mille euro circa.

I cellulari di oggi? Troppo complicati!
Martin Cooper è un nome che non dirà niente ai più, ma questo barbuto ingegnere ormai in pensione, circa trent’anni fa lavorava in Motorola e sviluppò il primo prototipo funzionante di telefono cellulare. Il nonno degli smartphone attuali. Durante una lunga intervista rilasciata alla CNN, Cooper s’è scagliato contro iPhone e soci dicendo che “i telefoni sono diventati talmente complicati, così difficili da usare, che mi chiedo se siano stati progettati per la gente comune o per gli ingegneri”. Il dott. Cooper forse è troppo duro ma è innegabile che la crescente complessità dei telefoni rischia di complicare decisamente la vita a tantissime persone che già ai tempi erano spaventate dai Nokia 3310. Che l’industry debba cominciare a guardare un po’ fuori dal suo ombelico di supergeek e appassionati?