AirPods Pro: in arrivo la tecnologia Spatial Audio, ecco cos'è

Nel corso del keynote tenuto alla WWDC, Apple ha annunciato un'interessante novità in arrivo su AirPods Pro: l'audio spaziale.

speciale AirPods Pro: in arrivo la tecnologia Spatial Audio, ecco cos'è
Articolo a cura di

Il keynote della WWDC tenuto da Apple ha segnato il debutto di una novità inattesa per i tanti utenti in possesso delle AirPods e delle AirPods Pro. Craig Federighi, quasi in sordina, ha annunciato due interessanti funzioni che arriveranno in concomitanza con iOS 14 sugli auricolari senza fili, che ormai sono diventati una vera e propria gallina dalle uova d'oro per la compagnia di Cupertino.
Di queste funzioni una è in comune a tutti i modelli di AirPods, mentre l'altra sarà disponibile esclusivamente sulla variante Pro lanciata lo scorso anno.

Lo Spatial Audio arriva su AirPods Pro

La novità più importante riguarda senza dubbio le AirPods Pro, che saranno in grado di offrire un'esperienza audio coinvolgente a 360° grazie allo Spatial Audio con head-tracking dinamico.
Con questa tecnologia, l'audio sarà compatibile con il Dolby 5.1, 7.1 e anche il Dolby Atmos. Particolarmente interessante è l'approccio che hanno adottato gli ingegneri Apple per ovviare alla mancanza di più altoparlanti, a differenza di quanto avviene in ambito home entertainment con le soundbar che già da qualche mese sono in grado di offrire un'esperienza cinematografica di questo tipo.

Apple, per fare ciò, si è avvalsa dell'accelerometro integrato nei singoli auricolari delle AirPods Pro. Lo Spatial Audio infatti fa in modo che il suono "resti fermo" indipendentemente dai movimenti della testa, per dare la sensazione di essere immersi a 360° nei contenuti audio o video in riproduzione dai propri dispositivi.
Utilizzando accelerometro e giroscopio, le AirPods saranno in grado di monitorare i movimenti della testa per rimappare di conseguenza i campi sonori. Immaginate quindi di utilizzare le AirPods mentre guardate un film o una serie tv: la voce dell'attore proverrà sempre, ad esempio, da destra anche se vi muovete. Un aspetto non di poco conto che merita menzione è che il supporto allo Spatial Audio sarà disponibile su tutti i dispositivi associati alle AirPods Pro.

L'attivazione dell'Audio Spaziale probabilmente sarà possibile attraverso le impostazioni delle cuffie, in maniera simile a quanto avviene con la cancellazione del rumore e la modalità trasparenza, e sicuramente nelle prossime settimane emergeranno altre informazioni a riguardo. Apple ne ha parlato solo marginalmente sul palco, ma si tratta di un aggiornamento che farà felici tantissimi utenti.

Switch automatico tra i dispositivi

Degno di menzione anche lo switch automatico tra i dispositivi associati. Apple, affidandosi ad iCloud, ha fatto in modo che gli auricolari effettuino in automatico il passaggio di connessione al device più adatto tra quelli in uso.
Durante la conferenza è stato posto l'esempio di un utente che ascolta la musica sul proprio iPhone e poi inizia a riprodurre un video sul suo MacBook: le AirPods effettueranno il passaggio istantaneo e nell'orecchio sarà riprodotto il feed audio del computer piuttosto che quello dello smartphone.
Lo stesso può avvenire anche al contrario: immaginate di vedere un film sul vostro iMac e di ricevere una chiamata sull'iPhone, la priorità sarà data a quest'ultimo per consentirvi di ascoltare il vostro interlocutore.
Nella documentazione ufficiale Apple ha precisato che questa novità sarà disponibile su AirPods Pro, AirPods di seconda generazione, Powerbeats, Powerbeats Pro e Beats Solo Pro.