Alla scoperta di Tizen, il sistema operativo dei televisori QLED di Samsung

Samsung ha scelto un sistema operativo proprietario per i suoi televisori QLED, Tizen, un OS rapido e ricco di opzioni.

speciale Alla scoperta di Tizen, il sistema operativo dei televisori QLED di Samsung
Articolo a cura di

La gamma di televisori QLED di Samsung utilizza il sistema operativo Tizen. Un nome ricorrente nella casa coreana, dapprima associato agli smartphone ma che ha trovato la sua naturale collocazione in ambito TV. In questi anni Samsung ha sviluppato Tizen fino a renderlo quello che è oggi, aumentandone le funzioni e siglando importanti partnership con i fornitori di contenuti.
A prescindere dalla funzioni offerte, un sistema operativo pensato per un televisore deve per prima cosa offrire tutte le piattaforme di streaming più popolari e questo Tizen lo fa in modo eccellente, con una ricca selezione di app. Se a questo aggiungiamo un'ottima velocità di esecuzione, la presenza funzionalità esclusive e l'integrazione con gli smartphone della casa coreana, allora otteniamo uno dei sistemi operativi più interessanti oggi disponibili su TV. Lo abbiamo provato sul televisore top di gamma Q90R, di cui potete leggere la nostra recensione a questo link.

Un'interfaccia all'insegna della continuità

Samsung ha pensato Tizen per offrire un'esperienza d'uso continua e senza interruzioni. Se prendiamo ad esempio i televisori Sony, che usano Android TV, o Panasonic, con il sistema My Home Screen, si assiste ad una separazione tra la parte smart e le impostazioni del televisore. Dai menù di Android TV non si può accedere ai settaggi video ad esempio, bisogna premere un pulsante specifico sul telecomando per entrare in un'interfaccia dedicata, diversa graficamente e formalmente separata dal resto dell'OS.
Con Tizen questo non succede, la continuità grafica e di utilizzo ne trae quindi giovamento, semplificando la navigazione nei menù. Basta dare uno sguardo al telecomando per capire quanto questo modifichi l'esperienza d'uso: non serve un tasto dedicato ai menù di sistema perchè Tizen e il televisore lavorano all'unisono, il controllo avviene tutto tramite il pulsante circolare al centro del telecomando e con pochi tasti funzione.

Altra particolarità di Tizen è quella di dare sempre la priorità al contenuto. Alla pressione del tasto Home sul telecomando non si apre un'interfaccia a schermo intero, le funzioni più utili e quelle richiamate più di frequente vengono mostrate nella parte bassa, coprendo solo in parte il contenuto.
Questo menù funziona come un vero e proprio hub per tutte le sorgenti collegate al televisore, sia quelle fisiche, come un lettore Blu-Ray, sia quelle virtuali, come i servizi di streaming attivi sul televisore. La loro integrazione all'interno di Tizen è totale e permette di tagliare i tempi di utilizzo grazie ai suggerimenti contestuali.

Nella parte bassa dell'interfaccia vengono mostrate le applicazioni, appena sopra invece i contenuti consigliati. Esempio perfetto per capire come funziona l'interfaccia arriva da Netflix. Una volta premuto il tasto Home basta spostarsi sulla sua icona per riprendere subito la visione dell'ultimo contenuto interrotto, senza nemmeno il bisogno di aprire prima l'applicazione.
Oppure si può scegliere un film o una serie TV suggerita, sfruttando gli algoritmi di Netflix. Questo vale anche per gli altri servizi di streaming, compreso Apple TV+, arrivato da poco in Italia ma già disponibile. L'ordine delle applicazioni non è fisso e può essere deciso dallo spettatore, che può così scegliere a quali app dare la priorità, un pizzico di personalizzazione che non guasta mai.

Integrazione con lo smartphone e non solo

Scorrendo il menù principale troviamo tre voci interessanti, SmartThings, Gallery e Internet. SmartThings meriterebbe da solo un approfondimento a parte visto l'influenza che può avere in una casa connessa con i telefoni e gli elettrodomestici di Samsung. Si tratta di un centro di controllo per la domotica, che mette in connessione vari dispositivi e permette di automatizzare diverse delle loro funzioni.
Le possibilità sono infinite, ad esempio si possono abbassare o spegnere le luci direttamente dal televisore, oppure dare una sbirciata all'interno di un frigorifero Samsung provvisto di una videocamera interna. L'ecosistema di prodotti della casa coreana è immenso e averlo a portata di telecomando non è cosa da poco.

Se non si hanno elettrodomestici compatibili, SmartThings si può usare per connettere il proprio telefono Samsung accedendo così a una serie di funzioni utili, prima fra tutte la possibilità di utilizzare la tastiera dello smartphone come periferica input. Scrivere dal telecomando è scomodo, non c'è dubbio su questo, poter inserire le proprie credenziali di accesso ad Amazon Prime Video o a DAZN con una tastiera touch è decisamente meglio.

Abbiamo provato a connettere un Galaxy Note 10+ (recensione a questo link) tramite SmartThings, la procedura è molto semplice e ci ha permesso di sfruttare al meglio le funzioni Gallery e Internet. Gallery permette di vedere sul televisore le immagini salvate sul proprio telefono Samsung; per funzionare richiede l'inserimento di un PIN apposito, così che nessuno oltre al possessore dello smartphone possa accedere senza permesso.
Internet invece da accesso alla rete attraverso un browser ottimizzato per il grande schermo. Ci si potrebbe chidere a cosa serve un browser web su un televisore, soprattutto ora che lo smartphone è diventato il mezzo più comodo per navigare, tuttavia i televisori non vengono utilizzati solo nei salotti, trovano spazio anche negli uffici.
Poter mostrare in un attimo un sito web su grande schermo può tornare utile, sfruttando lo smartphone per scrivere l'utilizzo del browser non è così difficoltoso come da telecomando.

Applicazioni

Il problema più grande dei sistemi operativi proprietari sono le applicazioni. É difficile portare sulla propria piattaforma tutte le applicazioni più importanti, non è però questo il caso di Samsung, che è riuscita nel corso del tempo a stringere importanti partnership con i servizi di streaming ma non solo. Netflix, Apple TV (arrivato da poco insieme al supporto per AirPlay) Amazon Video, YouTube e YouTube Kids, TIMVISION, DAZN, Now TV, Infinity, Rakuten TV, Chili, RaiPlay, Dplay e Google Play Film, tra gli altri, offrono un'ampia gamma di contenuti a cui attingere, ma Tizen non è solo streaming.
Troviamo infatti anche l'applicazione ufficiale di Plex, media server molto diffuso e apprezzato, e una piccola chicca che non sempre è disponibile su TV, ovvero Steam Link. L'applicazione di Steam è utile per streammare i giochi dal proprio PC direttamente al televisore: una volta collegato il pad non serve più un computer nelle vicinanze per giocare.

Ricca anche l'offerta sul fronte musicale, con Spotify, Tidal, Amazon Music, Deezer e TuneIn, per ascoltare radio da tutto il mondo. Sul fronte applicazioni non manca nulla a Tizen, senza contare che di anno in anno ne vengono aggiunte di nuove, come avvenuto recentemente con Apple TV.

La fruizione dei contenuti avviene anche attraverso la Universal Guide e Samsung TV Plus. Universal Guide basa il suo funzionamento sui contenuti di Chili e di Apple TV, oltre a quelli trasmessi via cavo, mettendo insieme in un'unica schermata l'offerta di tutte le piattaforme. La scelta dei film inseriti in questa sezione non è casuale ma basata sulle abitudini di visione dello spettatore, che può così risparmiare tempo nella ricerca.
Samsung TV Plus invece utilizza il catalogo di Rakuten TV, mettendolo a disposizione sia in un'interfaccia dedicata, sia su quattro canali virtuali, posizionati dal 4000 al 4003, in cui vengono mostrati i trailer dei film disponibili, che possono essere così noleggiati senza ulteriori passaggi.

Ambient Mode

La Ambient Mode è stata pensata per chi vuole utilizzare il televisore come elemento di arredamento e di design anche quando è spento. Una volta attivata il TV utilizza il sensore di luminosità per adattare l'intensità della retroilluminazione all'ambiente, favorendo così una visualizzazione più armoniosa e piacevole.
Ma cosa mostra la Ambient Mode? Si va delle informazioni meteo alle notizie, fino alle immagini. Le possibilità sono molte, nella sezione Edizione Speciale si trovano immagini, alcune anche animate, create da interior designer, come la bellissima Light Grid, di sicuro effetto. Non manca una funzione per mostrare le proprie foto, sfruttando SmartThings, oppure scatti artistici già inclusi nella libreria del televisore. Disponibili anche alcuni temi pensati per mimetizzare il televisore con il muro dietro di esso, ma se l'effetto che si vuole ottenere è questo allora meglio puntare su SmartThings.

Tramite l'applicazione per smartphone è possibile scattare un'immagine del televisore insieme al muro dietro di esso, in questo modo viene creato un tema personalizzato per fondere al meglio i due elementi. Se avete un muro con una tinta uniforme il risultato non sarà dei migliori, ma se il contrasto con il televisore è elevato, ad esempio con dei mattoni a vista, allora si può ottenere un effetto piacevole e spettacolare da vedere, nonché tarato a puntino per il proprio salotto.