AMD Navi: la GPU a 7 nm avrà 40 CU, potenza pari a Vega 56 ma costerà meno

Trapelano alcuni rumor sulla prima GPU Navi di AMD, che dovrebbe collocarsi nella fascia medio alta del mercato.

speciale AMD Navi: la GPU a 7 nm avrà 40 CU, potenza pari a Vega 56 ma costerà meno
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

AMD potrebbe lanciare nei prossimi giorni la nuova RX 590, ultima incarnazione dell'architettura Polaris e ultima GPU prima del passaggio al processo produttivo a 7 nm. Proprio l'avanzamento al nodo produttivo dei 7 nm, contro i 14 nm di Vega e i 12 nm della probabile RX 590, rappresenta un enorme passo avanti per AMD, che se dovesse riuscire nell'impresa si ritroverebbe, il prossimo anno, con delle GPU che possono rivaleggiare anche nella fascia alta con NVIDIA. La casa di Santa Clara è infatti ferma ai 12 nm con Turing, un'architettura sulla carta rivoluzionaria ma dalle potenzialità inespresse, visto il mancato supporto degli sviluppatori al Ray Tracing e al DLSS, le due tecnologie di punta di questa generazione. AMD, con Navi, potrebbe avere per le mani una vera gallina dalle uova d'oro, se riuscirà a sfruttare al massimo i 7 nanometri che caratterizzeranno queste GPU. La prima ad arrivare sul mercato potrebbe essere Navi 12, nome indicato dai rumor delle ultime ore, che ne hanno descritto anche alcune caratteristiche.

Sarà davvero così?

Prima di iniziare a descrivere quanto trapelato, è bene precisare che fare confronti diretti tra le specifiche delle attuali GPU e quelle di Navi potrebbe portare a errori di valutazione anche importanti. Navi è un'architettura completamente nuova, che trarrà molti vantaggi dal processo produttivo a 7 nm. Una Compute Unit Navi potrebbe quindi avere una potenza superiore a quella di una Compute Unit Polaris o Vega, e in effetti sembra proprio essere così. Secondo la fonte, le prestazioni di questo modello si collocano nella stessa fascia di Vega 56, ma saranno proposte a un costo inferiore. Navi 12 potrebbe quindi includere 40 Compute Unit e 2560 Stream Processor: a livello puramente numerico, sarebbero solo quattro Compute Unit in più di una RX 580, ma capaci di offrire prestazioni decisamente superiori.
Prima di volare troppo con la fantasia, meglio però prendere queste prime informazioni per quello che sono, ovvero dei rumor. Mancano poi molti tasselli per capire le potenzialità di Navi. Ad esempio, non ci sono indicazioni sul supporto hardware al rendering Ray Tracing, che ricordiamo non è una tecnologia proprietaria di NVIDIA, ma è integrata ormai in Windows 10 e nelle DirectX 12.
Non sappiamo nemmeno se AMD adotterà tecnologie simili al DLSS per aumentare le prestazioni, oppure se seguirà una strada tutta nuova e diversa da quella di NVIDIA, una scelta che potrebbe portare a risultati inattesi. AMD potrebbe infatti concentrarsi esclusivamente sulle prestazioni, portando sul mercato schede in grado di generare frame rate elevati a costi inferiori rispetto a quelli proposti da NVIDIA. Insomma, nel 2019 potrebbe davvero accadere di tutto, ma lo capiremo solo nei prossimi mesi, che si prospettano molto interessanti per AMD.