Android 12 sta arrivando: tante nuove funzioni e una grafica tutta nuova

Android 12 sembra ormai essere imminente, perlomeno per quanto riguarda la Developer Preview. Facciamo il punto della situazione.

speciale Android 12 sta arrivando: tante nuove funzioni e una grafica tutta nuova
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

É già passato un anno dalla nostra prova della prima Developer Preview di Android 11. Quest'ultimo sta pian piano raggiungendo i vari dispositivi degli utenti, ma nel frattempo per gli addetti ai lavori è arrivato il momento di iniziare a parlare seriamente di Android 12.
La prima DP deve ancora arrivare, ma lo scorso anno è stata rilasciata a fine febbraio e dunque potrebbe mancare poco. In ogni caso, nonostante l'assenza della Developer Preview, sono già trapelate online parecchie informazioni relative alla prossima major release del robottino verde. Questo significa che possiamo dare un primo sguardo ravvicinato alla direzione che Google sembra voler intraprendere.

Android 12: cambio di design e modalità gaming?

La novità più evidente di Android 12 emersa nelle prime indiscrezioni è il cambio di rotta in termini di design. Infatti, a quanto pare la società di Mountain View avrebbe deciso di adottare lo stile Material Next, puntando su un tema chiamato "Silk". Quest'ultimo promette delle modifiche radicali all'interfaccia grafica del sistema operativo.
In questo caso le immagini descrivono lo stile grafico meglio di mille parole, ma dovete sapere che le novità più importanti sembrano risiedere nei widget delle conversazioni, che permettono di vedere e gestire rapidamente chiamate perse, messaggi e altro. Per il resto, si vocifera di una maggiore attenzione alla privacy, mediante notifiche e indicatori relativi all'utilizzo delle autorizzazioni da parte delle app. A quanto pare, si potranno anche disabilitare completamente microfono e fotocamera.
Non sembrano inoltre mancare una rinnovata tendina delle notifiche e altre modifiche generali relative al look dell'OS, dalle opzioni di personalizzazione dell'orologio fino alla possibilità di creare facilmente temi personalizzati. Ci sarebbe poi una funzionalità per lanciare insieme più app.

Per il resto, un'altra grande questione di cui si è discusso in questi giorni è la possibilità che BigG implementi una modalità gaming nativa realizzata come si deve. Non ci sono in realtà molti dettagli su questa funzionalità, se non il fatto che la società di Mountain View sarebbe intenzionata a "spingere l'acceleratore" su questo mondo, implementando anche una feature che avvisa il giocatore quando il suo controller Bluetooth ha poca carica residua. Si vocifera inoltre dell'arrivo di più livelli di vibrazione.

Non dovrebbe mancare anche un'opzione per ridurre la luminosità, pensata probabilmente per apportare miglioramenti in termini di accessibilità, nonché una rotazione dei contenuti a schermo più intelligente. Infatti, attualmente la funzionalità di rotazione automatica del display sfrutta diversi sensori, dal giroscopio all'accelerometro. Tuttavia, a volte potrebbe esserci qualche imprecisione: Android 12 sembra voler finalmente risolvere questo "problema", utilizzando anche i dati provenienti dalla fotocamera frontale.

Sarebbe inoltre in lavorazione una modalità nativa per utilizzare lo smartphone con una sola mano. A quanto pare quest'ultima riduce del 40% le dimensioni dei contenuti a schermo e possiamo immaginare che sarà una funzionalità simile a quanto già visto su altri lidi. Altre novità secondarie sarebbero rappresentate da un nuovo sistema di gesture per gestire le dimensioni della finestra del PiP (Picture in Picture), una funzionalità relativa agli screenshot estesi e alcuni miglioramenti pensati per rendere più godibile l'uso delle notifiche "a bolla".

Insomma, già da questo contatto "primordiale" con Android 12 sembra emergere la volontà di Google di limare il suo sistema operativo. Tuttavia, non si tratta solamente di migliorare quanto già fatto in passato. Infatti, tra design rinnovato, modalità gaming e molto altro, la prossima major release del robottino verde sembra voler puntare a un rinnovamento importante.
Per il resto, è trapelato anche il presunto nome in codice dell'OS: Snow Cone (potete vedere questa "granita" nell'immagine qui sotto).

Potrebbe inoltre fare un gradito "ritorno" Columbus, il sistema di gesture mediante doppio tap sul retro. Ricordiamo infine che Android 12 dovrebbe semplificare gli aggiornamenti di sistema. Va inoltre sottolineato il fatto che finora nemmeno gli sviluppatori hanno ancora avuto modo di mettere le mani sul sistema operativo e le informazioni derivano semplicemente da leak comparsi online, che potrebbero anche rivelarsi non del tutto veritieri. Sembra infatti che le schermate che hanno fatto il giro del mondo siano tratte da materiale utilizzato da Google per "anticipare" le novità di Android 12 a qualche produttore di smartphone.

Potrebbe dunque trattarsi di immagini "promozionali", che utilizzano uno stile diverso da quello che si vedrà poi effettivamente nella major release. Insomma, non vediamo l'ora di mettere le mani sulle Developer Preview di Android 12 "Snow Cone", in modo da poter iniziare a comprendere se effettivamente le informazioni emerse online possono avere un reale riscontro nella visione di Google. Nel 2020 la nottata in cui tutti gli addetti ai lavori e gli utenti più "smanettoni" hanno potuto installare la DP1 è stata quella del 19 febbraio. Mancano, dunque, poche ore al possibile "momento clou": staremo a vedere.