Speciale Antutu: gli smartphone più potenti del Q3 2015

Diamo uno sguardo alla classifica del noto benchmark mobile, che dall'inizio dell'anno ha visto l'ingresso di nuovi modelli e la perdita della prima posizione per Samsung, superata Meizu.

speciale Antutu: gli smartphone più potenti del Q3 2015
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il 2015 sta per terminare e il settore della tecnologia mobile si avvia a vivere uno dei periodi più importanti dal punto di vista delle vendite, quello natalizio. Tutti i produttori impegnati in questo mercato hanno ormai rivelato i propri assi nella manica per conquistare quanti più utenti possibili, in una lotta con la concorrenza fatta a suon di processori, display, memoria RAM, design e chi più ne ha più ne metta. Non sempre è facile destreggiarsi con le specifiche tecniche, ecco perchè i benchmark possono fornire un riscontro, anche se parziale, sulle prestazioni potenziali di un dispositivo. In questo ambito non si può non citare uno dei più noti strumenti di benchmarking utilizzato per valutare la bontà di un prodotto dal punto di vista hardware, AnTuTu. Anche in questo trimestre (Q3 2015), l'omonima società ha diffuso la top 10 dei migliori smartphone Android del mercato, almeno dal punto di vista prestazionale. AnTuTu infatti, tramite 5 semplici test, valuta i dispositivi Android che si collegano alla sua app e carica i risultati su un database condiviso online. Grazie a questi dati vengono effettuate, in maniera semplice e immediata, comparazioni tra modelli e classifiche. I 5 test di cui è composto il benchmark riguardano CPU e RAM, grafica 2D, grafica 3D, velocità di scrittura e velocità di lettura. Completano il quadro due test "minori", da lanciare a parte, che valutano stabilità del sistema e durata della batteria.
L'offerta 2015 dei produttori di smartphone Android è sicuramente da annoverare tra quelle da ricordare. Samsung ha lanciato ben quattro top di gamma, due phablet e due smartphone, LG due, Motorola e OnePlus uno a testa, Sony addirittura un'intera linea, senza dimenticare Xiaomi e Meizu, sempre più all'avanguardia nelle performance.

Samsung domina la scena ma perde la vetta

Prima di procedere all'analisi dei risultati diffusi da AnTuTu, ecco la classifica dei top di gamma Android di questo Q3 2015 con relativi punteggi:
1. Meizu Pro 5 - 76,852
2. Samsung Galaxy Note 5 - 72,156
3. Samsung Galaxy S6 - 70,548
4. Samsung Galaxy S6 Edge - 68,946
5. Samsung Galaxy S6 Edge+ - 67,653
6. LeTV One Pro - 62,520
7. LeTV One Max - 61,327
8. Sony Xperia Z5 - 60,946
9. Xiaomi Mi Note Pro - 57,163
10. OnePlus 2 - 57,119
Dal punto di vista dei SoC utilizzati notiamo che c'è poca varietà rispetto ai terminali presenti e uno di questi SoC, il Samsung Exynos 7420, un octa-core a 64-bit realizzato con processo produttivo a 14nm, è stato implementato su ben cinque smartphone, i primi cinque della lista. L'altra metà della classifica è dominata dal Qualcomm Snapdragon 810, che nonostante le critiche dovute a problemi di surriscaldamento è, allo stato attuale, uno dei migliori processori presenti sul mercato. Un plauso va comunque fatto a Samsung, che ha saputo realizzare una CPU davvero eccellente con l'Exynos 7420.
Analizzando i singoli smartphone invece, notiamo che il leader della classifica non appartiene al colosso coreano, ma a Meizu, che si sta ritagliando un posto importante anche nel mondo occidentale con il PRO 5. Questo è dotato, oltre al già citato SoC Exynos 7420, di un display da 5.7 pollici 1080p, 3GB di RAM, sensore fotografico da 21 megapixel e memoria interna da 32GB. Nei test AnTuTu il Meizu Pro 5 ha raggiunto quota 76852, staccando tutta la nuova linea Galaxy di Samsung di oltre 4000 punti, niente male per una compagnia che fino a pochi anni fa era sconosciuta al di fuori dei confini cinesi, anche se lo schermo Full HD gli ha dato una grossa mano nel far salire il punteggio.

Il primo posto tra gli smartphone su cui è stato implementato il SoC Qualcomm Snapdragon 810 è occupato da un altro terminale proveniente dal paese della grande muraglia, LeTV One Pro, seguito a ruota dal LeTV One Max. Il broadcaster asiatico LeTV è riuscito a creare al suo interno una divisione hardware in grado di sviluppare terminali di ottimo livello che coprono diverse fasce d'utenza. LeTV Le One Pro, ad esempio, è un concentrato di tecnologia di prim'ordine, con un display da 5.5 pollici QHD da 534ppi, SoC Snapdragon 810 e 4GB di RAM, venduto alla metà del prezzo di altri blasonati top di gamma (400-435 dollari). Segue la coppia LeTV il nuovo flagship phone di Sony (insieme allo Z5 Premium), l'Xperia Z5, splendido per design e materiali, ma ottimo, almeno stando alle prime recensioni, anche dal punto di vista della fluidità e del comparto multimediale, da sempre il vero fiore all'occhiello dei terminali del colosso giapponese.
Chiudono la top ten il Note Pro di Xiaomi e il tanto chiacchierato OnePlus 2, criticato per diversi aspetti e bollato come prodotto ancora acerbo e, forse, meno riuscito rispetto alla versione precedente.
In sintesi, vincono Meizu e Samsung tra i dispositivi mobili, mentre Exynos batte Snapdragon nella perenne sfida tra i processori di successo. Riuscirà Qualcomm a sovvertire la classifica con lo Snapdragon 820? Lo sapremo nel 2016, quando i primi dispositivi dotati di questo SoC inizieranno ad essere venduti su scala mondiale.