Black Friday: storia e origini di una tradizione americana

Il Black Friday, il gran giorno dello shopping americano, sta diventando una tradizione sempre più forte anche nel resto del mondo.

speciale Black Friday: storia e origini di una tradizione americana
Articolo a cura di

Entrato di prepotenza anche nel nostro Paese, il Black Friday è ormai diventato un appuntamento fisso per lo shopping, con grandi catene, siti di e-commerce e anche venditori più piccoli che si danno alla pazza gioia tra offerte a tempo, sconti mai visti e veri e propri regali per spingere i consumatori ad aumentare il loro volume di acquisti. Una "tradizione" spesso discussa, da molti criticata, come sempre importata dagli Stati Uniti, ma capace di vivere un seguito sempre maggiore, diventando anche da noi il primo vero giorno di shopping natalizio. Qui in Italia, come sempre, abbiamo fatto fatica ad accettarlo, ma le offerte sempre più forti e la digitalizzazione sempre più marcata lo stanno rendendo una tradizione irrinunciabile anche per noi.

Miti e Leggende

Le tradizioni hanno il pregio di tramandarsi generazione dopo generazione, di crescere e diventare di uso comune senza nemmeno accorgersene. Il Black Friday rappresenta senza dubbio una delle tradizioni moderne più discusse e controverse, diventato il vero manifesto della società occidentale consumistica e dedita allo shopping ma anche un'abitudine irrinunciabile per tantissime persone. Come spesso accade in questi casi le origini di questa tradizione sono difficili da cogliere, con bufale e leggende metropolitane a farla da padrone. Perché le tradizioni si impongono lentamente, senza una reale origine precisa, ma solo per un insieme di fattori e di abitudini che, con il passaparola, diventano di uso comune. Diventa così abbastanza chiaro che il termine non derivi dalla pratica degli schiavisti di vendere a prezzi scontati i lavoratori di colore per aiutare i gestori delle piantagioni il giorno dopo il Ringraziamento: una bufala coi fiocchi per una tradizione che, invece, è nata solo molti anni dopo la fine della schiavitù. A inaugurare la grande tradizione dello shopping il venerdì dopo il Ringraziamento fu invece la catena di grandi magazzini Macy's che, nel 1924, organizzò una grande parata per celebrare l'inizio dello shopping natalizio. Un punto di non ritorno per un appuntamento che, pian piano, ha coinvolto tante altre grandi catene di distribuzione, negozi e rivenditori.

Alle origini del nome

La prima trascrizione ufficiale del termine Black Friday risale al 1951. In un documento dell'epoca il termine veniva utilizzato per sottolineare la pratica di molti dipendenti di dichiararsi malati il giorno dopo il Ringraziamento con l'obiettivo di portarsi a casa ben quattro giorni consecutivi di ferie. Un weekend lungo che iniziava dall'ultimo giovedì di novembre per finire con la domenica successiva, una pacchia per tutti i lavoratori. Il termine è diventato di uso comune solo a partire dagli anni 60, di pari passo con l'aumento di questa usanza per il consumatore americano. Si dice che il nome potrebbe risalire al termine "black" che indica il colore, nero appunto, dei bilanci in attivo delle aziende. Lo shopping compulsivo del pubblico e i grandi sconti riportavano infatti i bilanci dal rosso, colore tipico delle perdite, al nero, quello che segnava l'inizio della ripresa e, ufficialmente, del periodo di maggior guadagno per tutti, quello natalizio. Una dolce e positiva leggenda, che però va a cozzare con quella che ad oggi rappresenta, probabilmente, la reale origine del termine, coniato per la prima volta negli anni 60' dalla polizia di Philadelphia per sottolineare il grande traffico che colpì la città durante la tradizionale partita di football tra Esercito e Marina, trasformando quel venerdì di festa in un reale e tormentato "venerdì nero".

L'esplosione

Quel termine ha poi iniziato ad avere risonanza a livello nazionale grazie a Joseph P. Barret, giornalista che riprese il termine della polizia anche nei suoi articoli, per un nome via via sempre più apprezzato e sempre più utilizzato da televisione e giornalisti e diventato con il tempo di uso comune, proprio per spiegare la sempre più forte abitudine degli americani di andare a far compere l'ultimo venerdì di novembre. Proprio negli anni 80' il fenomeno iniziò a coinvolgere tutti gli Stati Uniti, diventando di portata praticamente nazionale. In quegli anni i consumi erano alle stelle e proprio in quegli anni si iniziò ad assistere a scene entrate di diritto nella storia e che ancora oggi vediamo nella maggior parte dei negozi a stelle e strisce. Code chilometriche davanti alle porte dei negozi, corse sfrenate verso il grande acquisto, vere e proprie risse, persone presenti davanti alle porte dei negozi già molte ore prima dell'apertura. Già negli anni 90' queste abitudini hanno trasformato il Black Friday in una vera e propria festa nazionale, seppur non ufficialmente riconosciuta. Tantissimi lavoratori sono infatti lasciati liberi per dedicarsi totalmente allo shopping, mentre quelli del settore commercio sono costretti a pesantissimi straordinari per far fronte alla ressa di pubblico che per tante ore popola negozi, centri commerciali e grandi magazzini. La giornata è diventata in parte molto più importante rispetto a quelle che precedono il Natale: l'esito degli affari durante il Black Friday è indice dell'andamento del mercato durante il periodo delle feste e previsione quasi certa della propensione del consumatore all'acquisto nelle settimane successive.

Un fenomeno globale

Il successo negli Stati Uniti ha dato una grande spinta propulsiva anche ad altri Paesi, che hanno riproposto le medesime modalità e gli stessi sconti delle grandi catene americane, facendo diventare l'ultimo venerdì di novembre una giornata dedicata ai grandi sconti, nonostante, alla fine, non ci sia nessun giorno del Ringraziamento a far da traino. Paesi come Spagna, Brasile e Germania stanno costruendo una tradizione più che consolidata per il Black Friday, tra eventi a tema e sconti capaci di coinvolgere un numero sempre maggiore di persone. I numeri degli Stati Uniti rimangono ancora insuperabili: nel 2013, ad esempio, in un solo giorno 80 milioni di persone hanno speso 57,4 miliardi di dollari, come se l'intera popolazione della Germania fosse andata a fare shopping in una sola giornata. Le cifre degli ultimi anni si sono abbassate: nel 2016 sono stati spesi 3,34 miliardi di dollari, ma con un incremento del 21,6% rispetto al 2015. A spendere di più sono i giovani compresi tra i 25 e i 34 anni, che coprono il 56% dei negozi fisici e il 62% di quelli online. Oggi questa tradizione ha subito un nuovo aggiornamento, dovuto alla sempre più importante diffusione del commercio elettronico. Gli sconti hanno iniziato a spostarsi anche online, con grandi siti come Amazon al centro della scena. Tanti i consumatori che, pur di evitare le grandi file, hanno spostato i loro acquisti sulla rete. Ed è proprio grazie ad internet che il Black Friday ha iniziato a diffondersi anche in Italia. Da noi le grandi file non sono ancora arrivate, ma molti distributori e negozi, anche fisici, hanno iniziato a fare propria questa usanza. La tendenza è al rialzo, vedremo fino a dove arriverà.