Bonus PC, POS, TV e bici: tutte le informazioni da sapere

Sono tante le misure messe in campo dal Governo Italiano per stimolare la ripresa economica: facciamo il punto su tutti i bonus in arrivo.

speciale Bonus PC, POS, TV e bici: tutte le informazioni da sapere
Articolo a cura di

Nell'ultimo anno il Governo ha messo sul piatto una serie di bonus e di agevolazioni per le famiglie italiane. Al Bonus TV si sono aggiunti voucher per internet e PC, ma anche per biciclette e monopattini elettrici, mentre dal 1 dicembre sarà la volta del Bonus POS, che mira ad agevolare l'utilizzo della moneta elettronica anche nel nostro paese.

Bonus PC ed internet da 500 Euro

In questa carrellata di sconti non potevamo non partire dal bonus pc ed internet da 500 Euro , pubblicato da poco sulla Gazzetta Ufficiale e destinato alle famiglie più povere, che non dispongono di una connessione internet a casa.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha osservato che la misura è divenuta necessaria durante le settimane del lockdown, quando molti studenti non sono riusciti a seguire le lezioni da casa in quanto sprovvisti dei dispositivi o delle connessioni necessarie.

Il voucher è rivolto alle famiglie con reddito ISEE fino a 20mila Euro all'anno e si configura come uno sconto sull'acquisto di un tablet o PC, e sull'attivazione di una connessione ad internet a banda ultra larga con velocità di almeno 30 Mb/s.
Le due cose sono strettamente legate in quanto gli utenti che rispettano il requisito dovranno richiedere il dispositivo e la connessione direttamente agli operatori telefonici, che dalle prossime settimane proporranno delle offerte con internet + tablet/PC. Il bonus ha la durata di un anno, dopo di che gli utenti diventeranno proprietari del dispositivo: caduto quindi il "comodato d'uso" di cui si era a lungo parlato nelle settimane precedenti.

Bonus POS (il cashback di Stato)

Il secondo bonus in arrivo dal Governo è il così detto "cashback di Stato" che, come suggerisce il nome, riprenderà il funzionamento dei cashback corrisposti da vari istituti di credito sugli acquisti. Obiettivo di questa misura è incentivare l'utilizzo della moneta elettronica, per combattere l'evasione fiscale ed evitare la circolazione di denaro contante.
Il Bonus POS, a giudicare dalle ultime indiscrezioni, dovrebbe essere un rimborso semestrale del 10% sul totale delle operazioni effettuate con i pagamenti elettronici presso tutti i negozi. Nelle ultime settimane però è emerso che per accedere al programma sarà necessario raggiungere un tetto minimo di operazioni a semestre, 50 a quanto pare.

Il rimborso semestrale potrà essere di massimo 1.500 Euro (quindi 3.000 Euro all'anno a fronte di una spesa complessiva di 30.000 Euro). Non è invece previsto un importo minimo: si potrà pagare anche il caffè al POS, dal momento che sono anche state eliminate le commissioni per gli esercenti per i pagamenti inferiori ai 5 Euro.

A questa misura, che sarà in vigore dal 1 Dicembre 2020, si aggiungerà anche il supercashback per i pagamenti digitali, che sarà corrisposto ai primi 100mila cittadini italiani che utilizzeranno maggiormente carte per i pagamenti. Il supercashback prevede un rimborso di 3.000 Euro all'anno, anch'esso diviso in due tranche da 1.500 Euro.

Sostanzialmente, quindi, per 100mila cittadini è previsto un rimborso di 6.000 Euro in un anno.

Bonus Bici

Il 3 Novembre 2020 invece scatterà il click day per il bonus bici e monopattino. Contrariamente a quanto avvenuto per i due bonus di cui abbiamo parlato poco prima, in questo caso la misura è già in vigore dallo scorso 4 Maggio 2020, quando molti cittadini hanno iniziato ad acquistare bici e monopattini con la speranza di recuperare il 60% della spesa, per un tetto massimo di 500 Euro.

Durante il click day si dovranno presentare le fatture e gli scontrini così detti "parlanti" da caricare attraverso la piattaforma del Ministero, utilizzando le proprie credenziali SPID.
Complessivamente il Governo ha messo sul piatto 210 milioni di Euro, e la misura sarà valida fino al 31 Dicembre 2020, salvo esaurimento dei fondi.

Bonus TV

Sebbene non sia stato inserito nei decreti entrati in vigore quest'anno, è ancora disponibile il bonus TV da 50 Euro che è stato predisposto dall'Esecutivo in vista dello switch off al DVB-T2, che partirà il prossimo 1 Settembre.

Il funzionamento è molto più immediato dal momento che bisognerà presentare una certificazione, accompagnata da carta d'identità e codice fiscale, al rivenditore al momento dell'acquisto di un decoder o un televisore.
La misura è rivolta alle fasce di reddito ISEE I e II, con reddito annuo non superiore ai 20mila Euro. Ovviamente, ogni nucleo familiare può accedere una sola volta al bonus.