Speciale Browser War

Un'interessante panoramica sui Browser web più utilizzati!

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Introduzione

Nessuno di noi può fare a meno di navigare il web: anche per le esigenze più piccole abbiamo bisogno di aprire un browser ed esplorare un determinato sito. Di seguito si analizzeranno i vari browser presenti in rete, esaminandone le caratteristiche principali ed i vantaggi/svantaggi che hanno rispetto ai concorrenti. Si inizia con Firefox, l'ormai incandescente volpe di fuoco che vuole abbattere il lungo monopolio di Internet Explorer, browser di casa Microsoft che con la versione 7.0 si difende molto bene.

Mozilla Firefox...si comincia...

“Volpe di fuoco” amata da molti navigatori della rete, Firefox è un Browser che pian piano sta prendendo terreno rispetto a Internet Explorer di casa Microsoft.
Il vantaggio di partenza di Firefox è sicuramente il fatto che è un browser gratuito e opensource, caratteristiche che ci permettono di sfruttarlo gratuitamente, e che permettono alla vastissima comunità che lo affianca di fornirci assistenza immediata per eventuali bug o problemi. Ora passeremo ad un'analisi più dettagliata di Firefox, così da attenzionare il confronto con i browser “avversari”.

Tabbed Browsing:
Quante volte andiamo in tilt per il numero eccessivo di finestre aperte contemporanemente? Con Firefox il problema è presto risolto, grazie alla navigazione a tabelle, che ci permette di aprire più pagine web in una stessa finestra del browser, evitandoci così la confusione che si crea solitamente. Le schede dei vari siti si raccolgono dietro la scheda che stiamo visualizzando al momento, e ci basterà cliccare sul titolo della pagina web desiderata per visualizzarla. In questo modo la navigazione è decisamente più veloce e semplice.

Blocco Pop-up
Le finestrelle che pubblicizzano svariati casinò on line et similia possono rappresentare un grosso fastidio per chi vuole navigare in tranquillità. Firefox blocca automaticamente le finestre pop-up, e gestisce la loro visualizzazione in modo semplice (una lista con le finestre bloccate, dalla quale l'utente può decidere di sbloccare qualche finestra che interessa).

Aggiornamenti Automatici
Firefox ci offre un'altra comodità: gli aggiornamenti automatici. Il browser ci informerà della presenza di nuovi aggiornamenti e ci chiederà se vogliamo installarli. Gli aggiornamenti automatici riguardano anche le estensioni (vedi sotto).

Personalizzazzione

Uno dei maggiori punti di forza di Firefox è la possibilità di personalizzarlo secondo i gusti di chi lo usa. La prima cosa che generalmente si tende a personalizzare è l'aspetto grafico del programma in questione, e in questo Firefox non si tira indietro, vista l'ampia raccolta di temi disponibili. L'installazione dei temi si esegue in pochi click, e la Gestione è soddisfacente, in quanto ci permette di visualizzare l'anteprima di un tema e quindi rende la scelta più facile e veloce. Per quanto riguarda la modifica della barra degli strumenti, l'aspetto grafico è gestito dal tema in uso, inoltre Firefox dà piena libertà di aggiungere/eliminare opzioni, sempre con lo scopo di rendere l'esplorazione di Internet facile, veloce e piacevole.

Estensioni:
Le estensioni sono dei piccoli plug-in che aggiungono nuove funzioni a Firefox. Le estensioni disponibili sono moltissime, di vari generi (download, gestione di immagini, ecc ecc..) e soddisfano tutti i bisogni dell'utente che usa Firefox.

Tre sono le azioni più eseguite nel Web...

... ed i programmatori di Firefox non le hanno assolutamente trascurati:

Gestione Download:
Per il Download di File la volpe infuocata ha integrato un programma abbastanza efficace, con un'interfaccia grafica gradevole e funzionale.

Motori di Ricerca:
Riguardo la ricerca dati attraverso Motori di Ricerca abbiamo a disposizione un'utilissimo modulo con una casella di ricerca (accessibile col comando Ctrl+k o disponibile nella parte destra destra nelle barra degli strumenti) che sfrutta i risultati dei più famosi motori di ricerca del web.

Lista dei siti “Preferiti”:
Per favorire il passaggio da un qualsiasi browser a Firefox, quest’ultimo offre la possibilità di esportare, dal browser usato in precedenza o da un altro profilo dello stesso, la lista dei “Preferiti” (al primo avvio ci viene chiesto automaticamente attraverso un tool grafico) per quindi ritrovarli nella lista intergrata in Firefox

Non c'è dubbio: se Internet Explorer 7 non porterà grossissime innovazioni (quelle promesse), di questo passo Firefox conquisterà il monopolio del browser, affermandosi come "la volpe" più usata nel mondo del web.

Internet Explorer: Microsoft non molla

Browser che da sempre ha il monopolio della navigazione Web, Explorer è il più usato al mondo. Nell’ormai lontano Marzo 2003, Microsoft annunciò la fine dei lavori riguardo la progettazione di nuove versioni di IE, molto probabilmente perché ormai il monopolio era scontato e con un netto vantaggio. Tutto cambiò con il rilascio di Firefox, un browser che con un’interfaccia semplice ed elegante raccoglieva molte più funzioni dell’avversario di casa Microsoft, oltre a correggere moltissimi bug di quest’ultimo. I programmatori di Redmond non potevano rischiare di perdere il monopolio, quindi si sono cimentati nel progetto di Internet Explorer 7. Abbiamo modo di analizzare la Beta 2 della versione 7, che porta grandissimi cambiamenti, ovviamente, in positivo.

Prime Novità

Le prime novità, molto importanti, si notano non appena aperto il browser:

Interfaccia Semplice e Funzionale:
Prima di tutto è d’obbligo far notare all’utente come l’interfaccia sia stata migliorata non solo dal punto di vista grafico, ma anche dal punto di vista tecnico: dalla barra degli strumenti possiamo facilmente aggiungere pagine web tra i nostri siti “Preferiti”, cercare dati grazie al motore di ricerca integrato, esplorare e gestire la cronologia e accedere alle funzioni più usate; tutto questo in uno spazio ridotto, parametro sicuramente positivo. Se vogliamo una visuale un po’ più ampia dei nostri preferiti, attraverso un piccolo bottone possiamo accedere ad un’elegantissima colonna che si inserisce sulla sinistra della pagina e ci illustra l’elenco, la cronologia delle pagine visitate e l’elenco degli RSS.

Tabbed Browsing:
Una delle innovazioni che notiamo a prima vista è rappresentata dal Tabbed Browsing, che da tempo la Microsoft invidiava ai browser concorrenti, specialmente a Firefox, che fa del Tabbed Browsing un punto di forza ora non più inedito per l'Open Source. In questo modo possiamo aprire più pagine web usufruendo di una sola finestra, quindi velocizzando la navigazione. Per creare una nuova tabella sulla quale aprire una pagina web basta cliccare sul piccolo rettangolo accanto all’etichetta della pagina web in uso; la stessa facilità sta nel chiudere una pagina web, e nel gestire un eventuale alto numero di tabelle, grazie ad un’opzione che ci permette di aprire una tabella, in mezzo a tante, della quale ci sfugge la vista in quel momento.

Ricerca di Dati:
Il motore di ricerca, appena installato Internet Explorer, è accessibile tramite la composizione di tasti ALT+INVIO. Ha come fonte di dati solo Msn Search, ma si possono comunque aggiungere provider esterni a Microsoft in pochi click.

I Particolari

Approfondendo l'analisi della Beta 2 di Internet Explorer 7 si notano grosse innovazioni riguardo gli RSS e grosse correzioni, rispetto la versione 6.0 del browser, riguardo la sicurezza:

RSS:
In Internet Explorer non poteva mancare una categoria riguardo il "commercio" di dati. Infatti, a questo scopo vengono sfruttati gli RSS: un sistema che gestisce la distribuzione di news, elenchi di link o, generalizzando, di contenuti del Web. Se l’icona degli RSS in Internet Explorer si illumina, vuol dire che ci sono nuove informazioni nel vostro archivio RSS, che potete sfruttare, per esempio, aggiungendo i siti proposti tra i vostri preferiti, se ovviamente sono di vostro gradimento e/o a voi utili.


Sicurezza:
Se le novità elencate fino ad ora vi sembrano allettanti, il modo in cui Microsoft ha curato la gestione della nostra sicurezza in Internet Explorer 7 rende questo browser quasi perfetto.
Spesso capita, magari per un errore di trascrizione di un url, di venir indirizzati in siti che non era nostra intenzione visitare, e magari contenenti spyware, trojan e altre “sorprese” che sicuramente sono nocive al nostro pc, o in siti che sono pubblicati con lo scopo di rubare i nostri dati personali (password, informazioni ecc ecc.). Per questi tipi di problemi, Microsoft ha introdotto il filtro anti-pishing. Il filtro, una volta constatato il problema, avvisa con un Pop-up l’utente, che deciderà se continuare con la navigazione di quella pagina web o interrompere la connessione al sito.
Inoltre Internet Explorer 7 consente, tramite un’apposita opzione che l’utente può anche scegliere di non usare, di interrompere le interazioni Browser-Registro per evitare alcuni dei noti problemi presenti nella versione 6.0.

I “ragazzi” di Redmond hanno intenzione di “spegnere” la volpe di fuoco, e, visti i moltissimi miglioramenti di Internet Explorer, chissà se un giorno tutti i “convertiti” a Firefox torneranno “a casa” Microsoft.

Opera Web Browser

E’ il quarto browser più usato nella rete. L’interfaccia grafica si presenta molto semplice, soprattutto rispetto alle versioni precedenti, questo con lo scopo di rendere l’esplorazione e l’uso delle varie opzioni più veloce e facile. Dal 20 Febbraio 2005 Opera è completamente gratuito: Opera Software si è vista costretta ad effettuare l’inaspettata distribuzione, in virtù del rilascio gratuito dei codici di sblocco che eliminavano fastidiosi banner pubblicitari che affliggevano la versione free. Questo ha aiutato notevolmente la diffusione del browser. Per la versione compatibile con i Mac, alcune voci di corridoio misero in giro la notizia che il progetto era stato abbandonato, ma la beta della versione 8 ha subito smentito tutto. Con l’entrata in gara di Firefox, Opera ha perso molto terreno, ma resta comunque un browser valido e soddisfacente. A partire dalla versione 7 utilizza il motore di rendering Presto, che ha rimpiazzato il vecchio Elektra, mentre dalla versione 7.50 ha integrato un lettore di feed RSS e un client IRC. L’ultima versione pubblicata è la 8.50.

Caratteristiche Generali di Opera

Una delle caratteristiche più rinomate di Opera è la apparente maggiore velocità di elaborazione delle pagine web, affiancata all’esigua percentuale di risorse occupate e alla dimensione del programma, che ha un setup di poco inferiore ai 4 mb, sicuramente di basso valore per un browser.

In Opera abbiamo moltissime caratteristiche in comune con Firefox, forse anche per questo, nonostante non sia il top dei browser, rimane un validissimo elemento per la lotta Anti-Microsoft.

Troviamo anche qui disponibile il Tabbed Browsing, cioè la possibilità di aprire in una sola finestra più pagine web, raggiungibili con un click sulla linguetta che mostra la parola-chiave della pagina che contiene. Riguardo la sicurezza, abbiamo, come in Firefox, un efficiente blocco dei Pop-up, i fastidiosi banner pubblicitari che disturbano in modo non superficiale la nostra navigazione.

Un’altra opzione molto utile e in comune con Firefox è il motore di ricerca integrato nella barra degli strumenti di Opera, che ci permette di usufruire dei motori di ricerca più usati nel web per realizzare le nostre ricerche.

Una caratteristica molto singolare di un browser che Opera possiede è il “Voice-system”, un sistema che prevede la navigazione del web attraverso comandi vocali (“Opera indietro” per tornare all’azione precedente, “Opera Prossimo Link” per proseguire nella lista nei link e così via).

Maxthon, non lo dimentichiamo

E’ un browser basato sul motore di Internet Explorer con l’aggiunta del Tabbed Browsing, già analizzato precedentemente, e moltissime altre funzioni. Nonostante le sue “Origini”, Maxthon offre la possibilità di utilizzare in navigazione il motore di Firefox: Gecko. La prima versione prendeva il nome di MyIE2, Maxthon è il nome della versione 1.0 ( e versioni successive).

Lista delle features:

Tabbed Browsing Interface
Mouse Gestures
Super Drag&Drop
Privacy Protection

AD Hunter
RSS Reader
IE Extensions Support
External Utility Bar
Skinning

Ciò che distingue Maxthon dagli altri browser è, soprattutto, il sistema di “Mouse Gestures”: Attribuendo un’azione ad un determinato movimento del mouse la navigazione si rende molto più veloce. Un’altra funzione molto utile è il “Super Drag&Drop”, utilissimo per la ricerca e utilizzabile attraverso un breve movimento del mouse (dopo aver evidenziato la parola che vogliamo ricercare). Come nei browser già elencati, Maxthon offre un’efficace protezione contro i pop-up e un ad-block, che ci permette di non far visualizzare al browser immagini, banner e qualunque altra cosa possa darci fastidio durante la navigazione.

Personalizzazione
Maxthon offre vari modi di personalizzazione. Un’utile opzione è quella che ci permette di aggiungere collegamenti ad applicazioni esterne al browser nella barra degli strumenti, così da poter interagire con altri programmi da Maxthon stesso, senza “switchare” finestre. Una customizzazione forse superiore ai browser avversari è quella che riguarda le skin: già appena installato, Maxthon ha al suo interno una vasta gamma di skin che modificano completamente l’aspetto del browser offrendoci aspetti molto gradevoli alla vista.

Sicuramente Maxthon non è tra i browser che compete per il monopolio della rete, ma resta un buon browser, forse più personalizzabile dei concorrenti. La navigazione sembra abbastanza veloce e il menù molto articolato rende piacevole l’esplorazione delle varie opzioni, quindi l’uso sempre più approfondito di Maxthon.

Avant, c'è anche lui.

E’, come Maxthon, basato su Internet Explorer, ma ha molte funzioni in più rispetto al browser di casa Microsoft. Prima di tutto è bene dire che Avant è completamente gratuito (sul sito ufficiale c’è il link per delle donazioni, ma questo non vuol dire che chi non fa donazioni non usufruisce pienamente delle funzioni di Avant). E’ disponibile in ben 41 lingue, per una più facile diffusione in tutto il mondo. Offre un’efficace protezione contro le animazioni Flash che, oltre ad occupare fino al 90% delle dimensioni della pagina che stiamo visitando, occupano parte della nostra banda rallentando la navigazione; a questa opzione è affiancata a possibilità di bloccare i pop-up, come nella maggior parte dei browser concorrenti. Un punto di forza dell’Avant è forse un lettore di RSS/ATOM.

Imitando Opera e Firefox, Avant permette il Tabbed Browsing per facilitare di molto la navigazione del web. Avant dispone oltre di una ben gestita modalità a tutto schermo, permettendoci di visualizzare la sola pagina web, senza barre degli strumenti, icone o altri oggetto che ci possono distrarre. Avant dispone, come altri browser, di un motore di ricerca integrato nella barra degli strumenti che ci permette di esplorare Google, Yahoo e altri motori per facilitare e velocizzare le nostre ricerche nel web. Come detto prima, Avant è basato su Internet Explorer, e di quest’ultimo conserva alcune caratteristiche: per esempio, quella di dare all’utente la possibilità di cancellare in pochi click tutte le informazioni riguardo la propria navigazione dal computer in uso. Questo browser include inoltre una “Recovery Mode”: se viene chiuso repentinamente (per un riavvio del pc, per esempio) al prossimo avvio di Avant sarete reindirizzati alle pagine web che stavate visitando prima della chiusura.

Un netto vantaggio di Avant riguarda sicuramente lo stile grafico del browser: terminata l’installazione abbiamo moltissime skins a disposizione, che modificano anche i più piccoli particolari grafici, cambiando radicalmente la struttura grafica del browser di volta in volta.

Sicuramente Avant non è un browser che può permettersi il confronto con browser di livelli più alti come Firefox e Internet Explorer, ma per un uso con non troppe pretese resta comunque uno strumento leggere e bello da vedere.

Browser I browser presenti nella rete sono molti e molto competitivi. Ovviamente ci sono quelli che riescono ad emergere dal gruppo e quelli che, pur non essendo in ottima vista si difendono. Mozilla Firefox è quello che più si è distinto negli ultimi tempi, tanto da "costringere" Microsoft a cominciare il lavoro su Internet Explorer 7.0. Nonostante questo, Internet Explorer 6.0 rimane il browser che ha il monopolio della navigazione del Web, risultando il più usato nel mondo. Opera sembra avere meno successo di qualche tempo fa, forse perchè ormai è stato raggiunto e superato dagli avversari. Maxthon e Avant, non essendo sicuramente in gara per il monopolio, sono 2 browser che sanno il fatto loro, e continuano ad essere usati. Che dire infine: "la guerra" dei browser sarà molto più articolata con l'uscita della definitiva versione 7.0 di Internet Explorer, vedremo se gli sviluppatori "della volpe" dimostreranno di essere più furbi della Microsoft.