CES 2015

Speciale CES 2015: le novità di Asus

Asus porta a Las Vegas i nuovi ZenFone 2 e ZenFone 2 Zoom, insieme alla linea di notebook Transformer Book Chi.

speciale CES 2015: le novità di Asus
Articolo a cura di

Asus sarà impegnata su più fronti al CES 2015 di Las Vegas. La compagnia asiatica è una delle potenze mondiali per quel che riguarda l’innovazione tecnologica nei settori PC desktop e computer portatili ma è da diversi anni che si diletta anche nel campo mobile, con smartphone di fascia medio-alta a prezzi spesso molto competitivi. L’evento statunitense di questi giorni ha confermato questo tipo di impegno da parte dei taiwanesi, facendo emergere interessanti soluzioni nel segmento appena citato.

Asus ZenFone 2 e ZenFone Zoom

E’ passato esattamente un anno da quando Asus ha svelato la linea di smartphone ZenFone, caratterizzata da buone specifiche tecniche e software ad un prezzo estremamente competitivo. Il risultato di questo tipo di strategia è stato più buono, considerando il poco appeal del brand Asus in questo specifico mercato, con 8 milioni di unità vendute in tutto il mondo. A quanto pare ciò è bastato al CEO Jonney Shih per avallare la continuazione del progetto e annunciare lo ZenFone 2, dispositivo non solo più attraente esteticamente rispetto ai modelli di prima generazione, ma che fa spiccare Asus nel segmento dei mid range. Le dimensioni, a dire il vero, sono quelle di un phablet, visto il display IPS da 5.5 pollici 1080p protetto da Gorilla Glass 3. Asus decide di differenziarsi dai competitor per quel che riguarda l’anima hardware del suo gioiellino, il processore, e sceglie un Intel quad-core a 64-bit invece dei “soliti” Qualcomm Snapdragon.
Tuttavia i taiwanesi hanno preferito mettere a disposizione degli utenti due versioni dello ZenFone 2, che variano in base alla potenza del chip, allo storage interno e alla memoria RAM disponibile: il modello base utilizza 16GB di memoria interna, processore Intel Z3560 da 1.8GHz e 2GB di RAM. La soluzione top dispone invece di 64GB di memoria interna e sfrutta il processore Intel Z3580 da 2.3GHz con ben 4GB di RAM. Si tratta del primo smartphone al mondo ad utilizzare un quantitativo simile di RAM e rimane da verificare se si tratta di hardware sprecato o di un fattore in grado di fare la differenza. Le performance fotografiche dei dispositivi Asus rilasciati fino ad oggi non sono mai state di qualità, ma questa volta gli ingegneri asiatici hanno deciso di rompere con il passato e di proporre qualcosa di più decente, almeno sulla carta. La fotocamera posteriore è dotata di sensore da 13 megapixel f/2.0 con flash “Real Tone” dual-color, mentre nella parte anteriore ne troviamo uno da 5 megapixel f/2.0.

A livello software l’Asus ZenFone 2 propone le modalità di scatto Low Light (già vista sul PadFone Infinity), Beautification e Manuale. Per quel che riguarda la registrazione video, la fotocamera principale offre riprese a 1080p con stabilizzazione dell'immagine. Entrambe le versioni del ZenFone 2 saranno alimentate da una batteria da 3000 mAh con supporto della tecnologia di ricarica veloce (da 0 a 60 per cento in soli 39 minuti). Inoltre, come tutti i dispositivi LG disponibili sul mercato da un paio di anni a questa parte, lo smartphone Asus propone i tasti volume sul retro, di poco sotto la fotocamera. Una soluzione che sta piacendo molto agli utenti LG e che potrebbe prendere piede in molti altri smartphone della concorrenza, assicurando migliori risultati in termini di design e di ottimizzazione degli spazi hardware interni.
Completano il quadro la connettività LTE, il WiFi 802.11ac, lo slot microSD e la modalità dual-Sim. Il sistema operativo installato sullo ZenFone 2 è Android 5.0 Lollipop modificato con una nuova ZenUI. Asus ha aggiunto nuove feature all’interfaccia utente proprietaria, a partire dalla modalità single-hand, che permetterà agli utenti di utilizzare lo smartphone con una sola mano. Interessanti anche l’integrazione della suite Trend Micro Security nel browser e le gesture Zen Motion touch. Lo ZenFone 2 sarà disponibile (presumibilmente nel Q2 2015) in varie colorazioni, tutte caratterizzate da una gradevole rifinitura in finto metallo satinato: Osmium Black, Sheer Gold, Glacier Gray, Glamor Red e Ceramic White. Il prezzo di partenza, 199 dollari, lo rende un’alternativa di prim’ordine ai grandi nomi del mercato.

Lo ZenFone 2 non è il solo dispositivo mobile ad essere stato presentato da Asus. Il CEO della società taiwanese ha mostrato al pubblico anche un camera phone, lo ZenFone Zoom. Realizzato con un display da 5.5 pollici e una fotocamera da 13 megapixel simile a quella dello ZenFone 2, questo ibrido offre ai patiti delle foto uno zoom ottico 3x con la medesima tecnologia (ottica) di stabilizzazione. Anche il resto delle specifiche ricalca quanto già visto nello smartphone appena analizzato, mentre lo spessore di 11.95 millimetri ne fa “il dispositivo mobile con zoom ottico 3x più sottile al mondo” (il Samsung Galaxy K Zoom è spesso 16.6 millimetri). Le differenze, minime, con la sua controparte telefonica sono la presenza del laser focus (ripreso dall’LG G3) e l’apertura focale variabile da f/2.7 a f/4.8. L’Asus ZenFone Zoom sarà disponibile a partire dal Q2 2015 a 399 dollari nelle colorazioni Meteorite Black e Glacier White.

Transformer Book Chi

Ad Asus piace il numero 4. Il nuovo smartphone top di gamma presenta, per la prima volta al mondo, 4GB di RAM, e i dispositivi della linea ibrida laptop/tablet con sistema operativo Windows, i Transformer Book Chi, annunciati durante la conferenza di ieri, sono in totale 4. Le nuove macchine Asus, previo distacco magnetico della tastiera, si trasformano facilmente da laptop a tablet, entrando in competizione con la linea Surface Pro di Microsoft. Le misure sviluppate da Asus per questa linea di prodotti sono tre: 8.9 pollici, 10.1 pollici e 12.5 pollici e sono tutti realizzati in alluminio.
Il Transformer Book Chi più grande, il T300, sarà disponibile in due varianti: una con display IPS a 1080p, processore Intel Core M 5Y70 e 4GB di RAM, dal costo di 699 dollari, e una con display IPS Quad HD, processore Intel Core M 5Y71, 8GB di RAM e prezzo fissato a 799 dollari. Entrambi i modelli, come sottolineato da Asus, sono più sottili dei MacBook Air di Apple, sebbene, includendo la tastiera, il peso risulti non proprio un punto di forza: 1.445 grammi. L’offerta di medie dimensioni, il T100, è equipaggiato con display da 10.1 pollici 1900x1200 pixel ed è alimentato da un processore Intel Atom Z3775. Arriverà sul mercato a 399 dollari. Infine il laptop con display da 8.9 pollici, il T90, con risoluzione da 1280x800 pixel, proposto a 299 dollari. I quattro dispositivi Transformer Book Chi saranno disponibili a partire dal mese di febbraio.