Come massimizzare e migliorare la durata della batteria dell'iPhone

La stagione estiva ormai è alle porte: vediamo come massimizzare la durata della batteria di iPhone durante le vacanze.

speciale Come massimizzare e migliorare la durata della batteria dell'iPhone
Articolo a cura di

É estate, è tempo di vacanza e di viaggiare. E quale compagno migliore se non lo smartphone, che come sempre farà compagnia a milioni di italiani durante queste vacanze? Come spesso accade, anche in questo caso i turisti si dividono in due fazioni: quelli che durante i giorni di vacanza si dedicheranno esclusivamente a relax, sole e famiglia, e coloro che, per varie ragioni, necessitano comunque di essere connessi per controllare l'email, i social network ed altro.
In questo contesto, una buona durata della batteria è fondamentale. Gli smartphone, spesso, non riescono a soddisfare a pieno le esigenze degli utenti, costretti a portarsi dietro scomodo power bank. Per tutti coloro che nelle prossime settimane si recheranno nelle località di vacanza, abbiamo stilato per voi questa breve guida che vi permetterà di massimizzare la durata della batteria su iPhone.

Ridurre al minimo i processi superflui

Lo smartphone è diventato uno strumento indispensabile, soprattutto quando si è in viaggio in località non conosciute. Dalle mappe per raggiungere un determinato luogo, alle recensioni di TripAdvisor, senza dimenticare prenotazioni e biglietti aerei, viene utilizzato in diversi frangenti delle vacanze. La prima cosa che bisogna fare per evitare di trovarsi con la batteria allo 0% alle sei del pomeriggio è ridurre all'osso tutti quei processi superflui che, anche se non captiamo e vediamo sullo schermo, assorbono energia in background.
In nostro soccorso arriva il nuovo menù della batteria, che Apple ha introdotto di recente con iOS 11.1, che permette di dare uno sguardo a tutti quei processi che, nelle ultime 24 ore o 7 giorni, hanno consumato più batteria. Ai primi posti, quasi certamente, sono presenti i social network, ma è scendendo più in basso che troviamo le sorprese. Sotto ogni applicazione, infatti, è presente la dicitura "attività in background", che identifica tutte quelle app che, pur consumando poca energia, si sono aggiornate anche quando chiuse. E' da qui che dobbiamo partire per massimizzare la durata della batteria, perchè quando si è lontani da una qualsiasi fonte di elettricità, anche un 3% di autonomia può fare la differenza.
Una volta identificate le applicazioni per cui vogliamo disabilitare l'aggiornamento in background, torniamo indietro, ci spostiamo nel pannello Generali e quindi in "Aggiorna app in Background". Qui ci troviamo di fronte ad un bivio: o disabilitare completamente la funzione, e quindi cliccare su "aggiorna app in background" e scegliere "no" (a proposito: vi consigliamo, se desiderate abilitarla, di scegliere come opzione "WiFi"), oppure decidere a quale revocare questo privilegio singolarmente. La scelta, in questo caso, è puramente personale.

Connessione dati e localizzazione

Veniamo quindi ad altri due aspetti estremamente importanti e che meritano menzione: l'utilizzo della connessione dati e la localizzazione.
La prima va limitata solo alle applicazioni importanti, come appunto le mappe (anche se comunque Google consente di scaricarle, per consultarle successivamente), TripAdvisor e simili. Il consiglio è di utilizzare le applicazioni secondarie e superflue solo sotto WiFi, come ad esempio i videogiochi che richiedono l'online, le app dei negozi ed altro. Particolare importante per i giochi, soprattutto se si va in vacanza con i bambini, in questo caso consigliamo di disabilitare la rete cellulari anche per applicazioni come YouTube, mentre per la musica meglio scaricare le vostre playlist preferite ed abilitare la modalità offline presente sulle principali piattaforme di streaming musicale.
Per quanto riguarda la localizzazione, che è un altro aspetto che consuma una quantità importante di batteria, meglio abilitare la funzione solo per le applicazioni strettamente necessarie, e magari, in modalità "se in uso".
E se vedete che la batteria comunque non continua a soddisfare a pieno le vostre esigenze, in vostro soccorso arriva la modalità "risparmio energetico", una manna dal cielo se siete in piena emergenza e non avete modo di caricare il telefono. Abbiamo avuto modo di provarla in diverse circostanze e si è rivelata molto utile. Un ultimo consiglio che ci sentiamo di dare, è disabilitare la connessione dati ed abilitarla solo quando necessaria, ma anche questa è una soluzione di emergenza, da applicare solo se strettamente necessaria.