Creature colossali: gli animali alati più grandi mai esistiti sulla Terra

Sul nostro pianeta sono esistite, ed esistono attualmente, delle creature davvero colossali capaci di volare, scopriamo le più grandi.

speciale Creature colossali: gli animali alati più grandi mai esistiti sulla Terra
Articolo a cura di

Sul nostro pianeta sono esistite delle creature davvero colossali che hanno regnato in acqua, a terra e in aria. Senza alcun dubbio le creature più grandi sono esistite milioni di anni fa, ma anche oggi possiamo benissimo affermare che esistono animali che possono tener testa ai colossi che calpestarono la Terra. Quest'oggi, in particolare, ci soffermeremo sulle creature volanti, attuali e passate, più grandi di sempre.
Prima di iniziare, una piccola curiosità: lo sapevate che gli uccelli sono considerati a tutti gli effetti una classe di dinosauri teropodi? In un certo senso, quindi, i dinosauri non si sono mai estinti dal nostro pianeta.

Il più grande uccello vivente del mondo: lo struzzo

Lo struzzo (Struthio camelus) è il più grande uccello vivente sulla Terra. È originario dell'Africa e solitamente pesa dai 63 a 145 chilogrammi. Gli struzzi maschi possono arrivare a pesare fino a 156.8 kg ed essere alti da 2,1 a 2,8 metri. Le femmine, invece, variano da 1,7 a 2,0 m di altezza. Sono creature con gambe grandi e potenti. Sebbene il loro corpo voluminoso impedisca loro di volare, lo struzzo si è adattato alla vita sulla terraferma con un'agilità impressionante: sono ottimi corridori e arrivano facilmente a velocità fino a 70 chilometri all'ora. Questo rende anche lo struzzo l'animale più veloce su due zampe. Riesce a mantenere, inoltre, i 48 chilometri all'ora per mezz'ora.

L'apertura alare più grande di qualsiasi altro uccello: l'albatro urlatore

Misurando da 2,51 a 3,7 metri, l'albatro urlatore (Diomedea exulans) ha l'apertura alare più grande di qualsiasi altro uccello attualmente vivente ed è anche uno degli uccelli che vola più lontano di tutti. Alcune creature di questa famiglia sono note per circumnavigare l'Oceano Antartico tre volte (coprendo più di 120.000 km) in un anno. Sono capaci, inoltre, di coprire distanze superiori ai 500 km in un solo giorno. La creatura è famosa anche per le sue grandi abbuffate di calamari e piccoli pesci, che non gli permettono di riprendere immediatamente il volo, costringendo l'albatro a fare una piccola "pennichella" sulla superficie dell'acqua.

Il più grande rapace: l'aquila filippina

L'aquila filippina (Pithecophaga jefferyi) è considerata la più grande delle aquile esistenti al mondo in termini di lunghezza e superficie alare. Di solito queste creature misurano dagli 86 ai 102 cm di lunghezza totale. Ha anche un'apertura alare da 184 a 220 cm.

In termini di peso e volume, l'aquila di mare di Steller (Haliaeetus pelagicus), l'aquila arpia (Harpia harpyja) e l'aquila marziale (Polemaetus bellicosus) sono più grandi dell'aquila filippina. Tra i condor, che sono anche considerati rapaci, il titolo va al Condor delle Ande.

L'uccello non volante più grande mai vissuto: il Vorombe Titan

Fino a poco tempo, gli uccelli elefante (Aepyornis maximus), creature endemiche del Madagascar (dove si trova l'unico cimitero dei pirati al mondo) estinte intorno al 1000 d.C., erano considerati i più grandi uccelli di tutti i tempi. Uno dei tre più grandi appartenenti al genere era il Vorombe, alto 3 metri e con un peso dai 536 ai 732 kg. In sostanza, era il più grande e pesante uccello noto.
Animali di grossa taglia come questi hanno un enorme impatto sull'ecosistema in cui vivono, poiché attuano un grande controllo della vegetazione e delle piante di cui si nutrono, senza contare l'essenziale lavoro di dispersione dei semi attraverso la defecazione. Secondo uno studio, il Madagascar sta soffrendo, ancora oggi, gli effetti dell'estinzione di questi uccelli.

Altri uccelli preistorici da record: il Dinornite e il Pelagornis sandersi

L'uccello più alto in assoluto è stato il dinornite, chiamato anche moa gigante (Dinornis maximus), con i suoi 3,6 metri di altezza; prima dell'arrivo dell'uomo, i moa giganti sono vissuti per circa 40.000 anni in modo stabile. Tuttavia, quando arrivarono i coloni Polinesiani in Nuova Zelanda, i moa vennero cacciati attivamente e nel giro di poche centinaia di anni si estinsero, gli ultimi esemplari scomparvero intorno al 1500.
L'uccello con l'apertuta alare più grande di qualsiasi altro simile, invece, era il Pelagornis sandersi, scoperto nel 1983 a Charleston, nella Carolina del Sud, durante la costruzione di un nuovo terminal aeroportuale.

È vissuto tra 25 e 28 milioni di anni fa e l'esemplare più grande è stato trovato in Antartide. Le sue ali, completamente estese, misuravano fino a 7,3 m.

L'uccello volante più pesante mai esistito: Argentavis magnificens

L'uccello volante più pesante mai esistito è stato l'Argentavis magnificens (che si traduce letteralmente in "magnifico uccello d'argento"). Le stime per l'Argentavis indicano un'apertura alare di 7 metri, con un peso di 70 chilogrammi e con un'altezza di circa 1,5 metri. La creatura sbatteva le sue ali sulla Terra circa 6 milioni di anni fa, nella parte del globo che oggi conosciamo come l'Argentina.
Era un vero e proprio dominatore dei cieli, con un becco abbastanza grande da inghiottire in un sol boccone un coniglio. Secondo quanto riporta la documentazione fossile, il peso dell'Argentavis non permettava all'animale una grande padronanza del decollo e del volo stesso, durante la partenza, infatti, si aiutata per prendere il volo sfruttando le pendenze montane e le correnti calde ascensionali.

Il più grande animale volante mai vissuto: il Quetzalcoatlus

I più grandi animali volanti conosciuti in generale non sono uccelli, ma gli Azhdarchidae, una famiglia di pterosauri pterodactyloidi vissuti nel Cretaceo superiore. L'apertura alare degli azhdarchidi più grandi, come quella del Quetzalcoatlus e del Hatzegopteryx, poteva superare i 10 m, con stime - ovviamente meno prudenti - di 12 metri o più e un peso tra i 200-250 kg. Gli pterosauri vengono spesso erroneamente considerati dinosauri. A differenza degli uccelli, che sono dinosauri aviari, gli pterosauri sono in realtà rettili volanti. Quindi non c'entrano assolutamente con gli uccelli.