Criptovalute: da Zcash a Factom, le meno conosciute e le più interessanti

Esploriamo il mondo delle criptovalute analizzando i progetti meno conosciuti, ma allo stesso tempo più promettenti!

Criptovalute: da Zcash a Factom, le meno conosciute e le più interessanti
Articolo a cura di

Proprio quando il mondo delle criptovalute sembrava aver raggiunto il proprio apice, siamo stati sorpresi da una nuova esplosione che ha condotto le principali monete virtuali a toccare nuovi record. Per gli investitori adesso la situazione non è facile: investire nei momenti di massimo è sempre frutto di diverse preoccupazioni, soprattutto quando lo scoppio di una possibile bolla sembra essere sempre dietro l'angolo.
A questi investitori si aprono però numerose porte grazie alla moltitudine di criptovalute, blockchains, tokens e altcoins esistenti e scambiabili sul mercato.
Tuttavia, districarsi in mezzo a questa moltitudine non è sicuramente facile e molto spesso ci si ritrova a chiedersi quali possano essere i migliori o per lo meno i più promettenti investimenti.
Cerchiamo quindi di analizzare qualche criptovaluta meno famosa rispetto a Bitcoin o a Ethereum, tenendo però sempre a mente che nessuno è dotato della sfera di cristallo e, per quanto promettenti possano sembrare, il rischio è sempre concreto e reale.

Zcash

La maggior parte delle blockchain, come quella su cui lavora Bitcoin, è completamente trasparente. Ciò vuol dire che quando si usa una di queste, ogni wallet, transazione, quantitativo di denaro posseduto e scambiato è associato a una determinata identità, visibile a chiunque, permettendo quindi di tracciare i movimenti di ogni singolo coin e di capirne la storia, che viene registrata sulla blockchain stessa. Tuttavia numerose istituzioni finanziare e investitori indipendenti hanno la necessità di mantenere i propri dati privati per proteggere la propria privacy o il proprio modello di business. Nasce così Zcash, frutto del progetto Zerocoin, il cui obbiettivo è quello di migliorare l'anonimato degli utenti Bitcoin. Anche per Zcash le transazioni vengono registrate su una blockchain pubblica, basata sul protocollo Bitcoin opportunamente modificato, ma gli utenti hanno la possibilità di utilizzare un'opzione facoltativa che, se attivata, nasconde l'identità di colui che ha inviato il denaro, di colui che l'ha ricevuto e l'ammontare trasferito. Il protocollo, denominato zero-knowledge proofs, cripta tutte queste informazioni e permette alla blockchain di Zcash di verificare la legittimità delle transazioni senza la necessità di dover decifrare i dati protetti, garantendo tutti i benefici dei Bitcoin in congiunzione con una privacy perfetta.
Infine Zcash sta riscontrando enorme successo tra i miners che trovano estremamente conveniente effettuare l'operazione di mining su questa blockchain sia per il tempo, relativamente esiguo, necessario per creare un nuovo blocco, sia per l'ammontare di valuta data come ricompensa.

Stratis

Stratis nasce con l'obbiettivo di rendere la blockchain una tecnologia alla portata di tutti. Attualmente sviluppare applicazioni basate su una blockchain è particolarmente impegnativo, soprattutto per utenti che si affacciano per la prima volta a questa tecnologia. Stratis mette a disposizione di chiunque voglia avventurarsi in questo modo sconosciuto soluzioni semplici ed economiche che permettono non solo di sviluppare applicazioni, ma anche di testarle e rilasciarle al pubblico.
Stratis si apre, quindi, al mondo delle aziende offrendo una piattaforma basata sui linguaggi di sviluppo già utilizzanti dalla maggior parte delle società. A differenza della blockchain di Ethereum, non è necessario imparare un nuovo complicato linguaggio come Solidity, ma sarà possibile utilizzare le proprie conoscenze in C# e nel framework Microsoft .NET. Tutto ciò inoltre si lega con la solidità e la sicurezza presenti nel protocollo Bitcoin, rendendo Stratis una scelta sempre più popolare tra gli sviluppatori. Il successo del progetto, ha portato Stratis a firmare importanti partnership con società del calibro di Ledger, Changelly e Microsoft Azure e ci si aspetta che, in futuro, sarà il punto di partenza per numerose aziende al di fuori del settore tecnologico che vorranno affacciarsi al mondo della blockchain per trarne gli innumerevoli vantaggi.

Factom


Factom può essere considerato l'antitesi di Zcash. Dove Zcash cercava di aumentare l'anonimato offrendo la possibilità di diminuire la quantità di dati resi pubblici, Factom vuole diventare sinonimo di trasparenza.
Il motto di Factom, infatti, è "costruire un mondo più onesto e trasparente, creando un software che renda impossibile cambiare gli eventi del passato al fine di utilizzare tale software nella risoluzione di problemi di valore".
La blockchain su cui lavora Factom è un progetto completamente open source pensato per mettere al sicuro i dati degli utenti. Permette infatti a ogni individuo di registrare i propri dati sul libro mastro di Factom, progettato affinché non sia modificabile nel tempo. Si giunge così alla risoluzione di un problema esistente fin dalla nascita della blockchain: l'ingente costo necessario per codificare contenuti creati dagli utenti nella catena pubblica.
Factom, come molte altre criptovalute, è stata costruita sopra alla blockchain di Bitcoin per sfruttarne l'elevato potere computazionale, detto hashrate power, e per utilizzarne i sistemi di gestione dei dati al fine di offrire un servizio estremamente efficiente.
Sostanzialmente Factom è come un notaio in grado di garantire la validità di determinati dati attraverso la matematica.
Le applicazioni per cui Factom può essere utilizzato sono numerosissime e costituiscono la vera chiave di forza dell'intero progetto. In particolare se una applicazione necessita di un server centrale dove vengano registrati e coordinati tutti i processi, allora Factom è la scelta corretta. Ci si aspetta, quindi, che in futuro verrà utilizzato da numerosissime aziende per offrire i servizi più disparati, tra cui il trading e il management di asset, la creazione di applicazioni per la sicurezza e la registrazione di dati e sistemi.

Bitconnect

Dopo aver mostrato alcuni dei progetti più promettenti nell'immediato futuro, concludiamo con qualcosa che possa dare da pensare agli aspiranti investitori.
Bitconnect è una delle criptovalute più controverse presenti sul mercato odierno. Nata nel 2015, BitConnect si definisce un sistema finanziario peer-to-peer attraverso cui gli utenti possono veder investiti i propri Bitcoin. Bitconnect, infatti, utilizza un algoritmo proprietario per effettuare trading automatico sulla regina delle criptovalute con l'ovvio obbiettivo di registrarne un profitto.
Secondo le statistiche riportate da Bitconnect, coloro che utilizzano il servizio possono ottenere guadagni giornalieri vicini all'1% del proprio capitale investito. L'utente ha quindi la possibilità di ritirare il capitale guadagnato o di reinvestirlo arrivando a ottenere ritorni notevoli: fino al 40% in un solo mese.
Ovviamente non è tutto oro quel che luccica e quando la promessa sembra essere troppo buona per essere vera, allora è il caso di analizzare meglio la situazione. Già Vitalik Buterin, fondatore di Ethereum, ha mostrato i proprio dubbi nei confronti di questa piattaforma e della relativa criptovaluta, contrassegnata con il simbolo BCC e scambiata sull'exchange proprietario, suggerendo la possibilità che l'intero sistema si basi su un grande schema di Ponzi. I dubbi sono arrivati anche ai piani alti tant'è che la UK Registrar of Companies ha inviato un ultimatum alla società, minacciando di chiuderla completamente per bloccarne il sistema. Bitconnect ha due mesi di tempo per provare la validità e la correttezza della propria proposta finanziaria, prima che le autorità britanniche prendano provvedimenti.
L'investitore interessato è quindi caldamente invitato ad aspettare o, per lo meno, a informarsi ulteriormente per comprendere a fondo i rischi legati a questa operazione. Ciò non si applica solamente a Bitconnect, ma in generale a tutto il mondo delle criptovalute che, nonostante gli incredibili numeri che continua a registrare, non deve essere preso ciecamente come la propria nuova miniera d'oro.