Elon Musk e il confine tra genio e follia

Elon Musk è uno degli uomini che sta contribuendo di più allo sviluppo umano futuro, ed è anche una delle personalità più amate su Twitter. Ecco perché.

speciale Elon Musk e il confine tra genio e follia
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Chi non conosce Elon Musk? É una delle personalità più discusse e chiacchierate, non per le sue molto brevi comparse in alcuni film, ma a causa di dichiarazioni e progetti incredibili che hanno spesso fatto discutere. Per chi non lo conoscesse, Elon Musk è il co-fondatore di PayPal e di tanti altri progetti, e attualmente si trova al 25esimo posto nella lista delle persone più potenti del mondo e al quarantesimo posto nella classifica degli uomini più ricchi, con un patrimonio di 22.3 miliardi di dollari.
Musk è anche molto conosciuto (e seguito) per alcune sue trovate espresse sui social, soprattutto Twitter, che negli anni lo hanno fatto conoscere al grande pubblico. Il miliardario ha anche fatto discutere nel mondo reale, come quando durante un'intervista con Joe Rogan si mise a fumare erba in diretta.
Inutile dire che questo gesto costò una perdita del 9% in borsa a Tesla. Questa sua eccentricità è anche il segreto del successo dell'imprenditore, che negli anni è riuscito a catalizzare l'attenzione mediatica sui suoi progetti. In che modo? Continuate a leggere.

SpaceX e la macchina nello spazio

SpaceX è la compagnia aerospaziale privata del magnate sudafricano, ed ha l'obiettivo di creare tecnologie per ridurre i costi dell'accesso allo spazio e permettere la colonizzazione di Marte. All'inizio del 2018 per festeggiare il potentissimo Falcon Heavy, un razzo capace di trasportare nello spazio diverse tonnellate di carico, Musk decise di lanciare in orbita una Tesla Roadster rossa, con tanto di colonna sonora ufficiale, Space Odyssey di David Bowie.

Sui circuiti dell'auto vi è stampata la seguente frase: "Made on Earth by Humans". All'interno c'è anche un minuscolo CD in grado di contenere 360 terabyte di dati, con il compito specifico di preservare la cultura umana. Se tutto fila liscio, la macchina dovrebbe ritornare nel 2091. Grazie a SpaceX inoltre, è stato possibile attuare il progetto Starlink, con cui Musk intende portare internet in tutto il mondo.

Tesla e Gigafactory

Tesla è un'azienda specializzata nella produzione di veicoli elettrici, pannelli fotovoltaici e sistemi di stoccaggio energetico. Obiettivo dell'azienda è quello di produrre veicoli elettrici ad alte prestazioni. Secondo una classifica di Forbes, Tesla è l'azienda più innovativa al mondo.
Per riuscire a realizzare 500.000 veicoli l'anno la compagnia ha creato la Gigafactory, lo stabilimento più grande del mondo (che poggia su un'area di 180 mila metri quadrati) interamente alimentato da fonti di energia rinnovabili. Il miliardario su Twitter, per spiegare la potenza dell'innovativa fabbrica, ha usato un'unità di misura alquanto strana: i criceti. Sembra infatti che, almeno secondo Musk, la sua nuova fabbrica di batterie agli ioni di litio ha una potenza equivalente a 50 miliardi di criceti.

Hyperloop, il treno futuristico

Hyperloop è una tecnologia futuristica per il trasporto ad alta velocità di merci e passeggeri all'interno di tubi a bassa pressione, in cui le capsule sono spinte da motori lineari a induzione e compressori d'aria. La velocità raggiunta da questo treno iper-tecnologico dovrebbe attestarsi intorno ai 270 metri al secondo. Grazie a questo progetto sarà infatti possibile percorrere la tratta Los Angeles - San Francisco in circa 30 minuti (lontane 5/6 ore di viaggio).
L'idea, nonostante sia stata accolta benissimo dal grande pubblico, ha diversi punti critici: ad esempio i passeggeri dovranno trovarsi in una capsula stretta, sigillata e senza finestre, all'interno di un tunnel sottoposto a significative forze di accelerazione con elevati livelli di rumore dovuti all'aria compressa. Il disallineamento di un solo millimetro inoltre, potrebbe provocare notevoli vibrazioni e urti tra i passeggeri, che difficilmente potranno muoversi durante il viaggio. Che sia ancora troppo presto per tecnologie del genere?

OpenAI

Nonostante su Twitter il miliardario abbia espresso di voler costruire un mecha e un cyber drago, Musk sembra aver "paura" delle possibili conseguenze di un'intelligenza artificiale non controllata, che a detta sua: "Sarà un dittatore immortale e la più grande minaccia esistenziale dell'umanità".
Per questo motivo ha fondato OpenAI, un'organizzazione no profit di ricerca sull'intelligenza artificiale con lo scopo di promuovere e sviluppare un'intelligenza artificiale amichevole. Open IA ha sviluppato bot capaci di competere contro dei giocatori professionisti di videogame e un'intelligenza artificiale in grado di generare un racconto da una frase, software non rilasciato al pubblico perché troppo potente.

Boring Company

Quando si è incolonnati nel traffico, la gente comune inizia a pensare, e spesso esternare, cose poco piacevoli al suo prossimo; Musk invece pensò ad un modo per risolvere definitivamente la questione. Come? Attraverso un tunnel su cui viaggiare comodamente. Questi viaggi saranno eseguiti collocando l'auto in una slitta elettrica, ad una velocità di 200 chilometri all'ora.

Per pubblicizzare la compagnia Musk mise in vendita sul sito di Boring Company un cappellino con il logo della società, affermando che se ne avesse venduti 50mila in breve tempo avrebbe messo in vendita come secondo gadget aziendale: un lanciafiamme. Molte persone non fecero caso a questa affermazione, ma il cappellino vendette il numero richiesto in pochissimi giorni e Musk mise davvero in vendita un vero lanciafiamme sul suo sito.

In meno di un giorno vendette mille dei 20mila prodotti per l'iniziativa, al prezzo di 500 dollari l'uno. Gli ordini continuarono ad aumentare nelle ore seguenti con un ricavo totale di circa 5 milioni di dollari. Il miliardario affermò che il lanciafiamme potrebbe essere utile durante un'apocalisse zombie. Subito dopo però, l'uomo dichiarò che la sua compagnia non stesse cercando di creare un'apocalisse zombie con lo scopo di vendere l'articolo.