Google Daydream View: la realtà virtuale secondo Big G

Il nuovo visore Daydream View arriverà a novembre sul mercato, segnando una svolta per la VR in mobilità e per la piattaforma Daydream VR.

speciale Google Daydream View: la realtà virtuale secondo Big G
Articolo a cura di

In occasione del Google I/O 2016, il colosso di Mountain View svelò al mondo intero le numerose novità riguardanti Android Nougat, l'Internet of Things e, più in generale, tutti gli ambiti nei quali la compagnia è tuttora coinvolta. Tra queste, particolare attenzione venne dedicata a Daydream, l'inedita piattaforma per la realtà virtuale integrata in Android 7. Una netta rivoluzione rispetto al passato, che ha portato Google a progettare un nuovo visore, chiamato Daydream View, più avanzato e completo rispetto all'iconico Cardboard. Il dispositivo, presentato il 4 ottobre durante la conferenza #MadeByGoogle, rappresenta un nuovo standard nel settore della realtà virtuale per smartphone. Google mira infatti ad offrire agli utenti un'esperienza immediata e semplice, ben lontana dalla necessità di ricorrere a cavi o ad accessori troppo ingombranti.

La base della nuova piattaforma virtuale

Daydream View offre un design semplice ma, al contempo, ricercato. Google ha infatti collaborato con diversi artisti provenienti da ogni parte del mondo, in modo da produrre un dispositivo in grado di catturare l'attenzione degli utenti. La compagnia di Mountain View ha infatti dotato il visore di un elegante rivestimento in microfibra, donandogli un aspetto più gradevole e ricercato rispetto a Cardboard. Daydream View può inoltre essere utilizzato senza alcun problema da chi indossa gli occhiali, garantendo un ottimo comfort in ogni occasione. Il peso dell'headset, pari a 220 grammi, è decisamente contenuto rispetto a quello di altri prodotti simili, che superano spesso i 320 grammi. Ciò ha permesso a Google di eliminare la fascia superiore per il capo dal dispositivo, mantenendo unicamente il nastro laterale, facilmente regolabile con il velcro presente sul retro. Insieme al visore è incluso un controller dotato di due tasti fisici, un touchpad, un bilanciere del volume e sensori di movimento integrati, che consentiranno agli utenti di navigare con grande facilità all'interno dell'ambiente virtuale. Il telecomando offre un'autonomia pari a circa 10 ore, ed è ricaricabile tramite l'apposito ingresso USB Type-C.
Come anticipato, il nuovo visore di Google è basato sulla piattaforma Daydream, pronta ad offrire numerose applicazioni pensate appositamente per la realtà virtuale. Tra le aziende coinvolte nel progetto, menzione d'onore spetta a Netflix, HBO, Ubisoft e ad Electronic Arts. La compagnia di Mountain View ha inoltre riprogettato alcune delle sue app come Play Movie, Google Foto e YouTube, in modo da renderle perfettamente compatibili con Daydream. Queste potranno essere scaricate tramite un'apposita sezione del Play Store realizzata per la VR e accessibile da Daydream Home, l'interfaccia della piattaforma. Al lancio, previsto per il mese di novembre, saranno disponibili diverse applicazioni per il visore. Tra queste, spicca senza ombra di dubbio Star Chart, che permetterà agli utenti di esplorare le costellazioni. Non mancheranno inoltre diversi videogame in VR, tra cui GunJack 2 ed un titolo ispirato al mondo di Harry Potter, ovvero Animali Fantastici e Dove Trovarli.

Per utilizzare Daydream sarà sufficiente inserire lo smartphone all'interno del visore, che verrà immediatamente riconosciuto dal dispositivo grazie alla tecnologia NFC. Il telefono provvederà poi ad avviare automaticamente la piattaforma, presentando agli utenti la schermata iniziale dell'applicazione. Daydream View sarà ovviamente compatibile con i nuovi top di gamma di Google, Pixel e Pixel XL, presentati assieme al visore durante la conferenza #MadeByGoogle. Nei prossimi mesi verrà estesa la compatibilità agli smartphone aggiornati ad Android Nougat e dotati di un hardware in grado di offrire un'esperienza completa e priva di rallentamenti. L'headset VR sarà disponibile sul mercato americano a partire dal mese di novembre al prezzo di 79 dollari.

Google Daydream View Daydream View rappresenta la naturale evoluzione di Cardboard ed è pronto ad imporre un nuovo standard nel settore della realtà virtuale per smartphone. Le possibilità offerte dall’inedita piattaforma realizzata da Google sono notevoli e, nei prossimi mesi, assisteremo con ogni probabilità ad una progressiva espansione e ad un continuo miglioramento dei contenuti disponibili su Daydream. Il colosso di Mountain View ha infatti stipulato accordi con le più importanti aziende operanti nel settore dell’intrattenimento, perciò non ci resta che attendere i risultati di questo nuovo, interessante progetto.