Guida all'acquisto del dissipatore

Sempre più utenti comprano un dissipatore after-market per ottenere più performance, oppure una silenziosità più spiccata. I modelli in commercio sono tantissimi e molti sembrano essere identici. Qual è il meglio disponibile a seconda del proprio budget?

speciale Guida all'acquisto del dissipatore
Articolo a cura di

Scegliere il dissipatore adeguato per il proprio processore è un compito delicato, soprattutto se si ha intenzione di overcloccare. Sempre più utenti decidono di acquistare una soluzione after-market e di riporre nella scatola il dissipatore stock, cioè quello che tipicamente arriva in bundle con la CPU acquistata. Intel, con la nuova architettura Skylake, ha deciso di eliminare il suddetto cooler per abbassare il prezzo di vendita, probabilmente perché sa che la maggior parte degli utenti ne compra uno più performante. AMD, invece, ha deciso di dare alla soluzione di raffreddamento di serie un aspetto più rilevante, ri-progettando il formato della vecchia versione e fornendogli prestazioni superiori piuttosto che silenziosità maggiore. Stiamo ovviamente alludendo a Wraith, componente che la società di Sunnyvale ha da poco iniziato ad offrire con CPU selezionate e che accompagnerà anche quelle future. Che sia di qualità o meno, alcuni utenti vogliono semplicemente acquistare un prodotto che rispetti le caratteristiche che loro hanno in mente: qualcuno desidera performance più elevate, altri prediligono la silenziosità, ed altri ancora devono necessariamente portarsi a casa un dissipatore compatto a causa del risicato spazio a disposizione. Insomma, acquistare un dissipatore after-market porta spesso, sotto la scocca della propria macchina, una soluzione ritagliata più a misura dell'utente. In giro ci sono tantissimi prodotti di altrettante case produttrici: di primo acchito sembrano quasi tutti identici nella stessa fascia di prezzo, ma in realtà le differenze esistono. In questa guida vogliamo darvi qualche suggerimento in base al budget, in modo che possiate acquistare il meglio disponibile per le vostre necessità. Per ogni livello abbiamo elencato un solo vincitore, che di solito è un buon mix fra tutte le specifiche cardine di un cooler. Ove possibile abbiamo elencato qualche alternativa che spicca per una determinata caratteristica, nel caso servisse un prodotto per un compito specifico. Tutti i dissipatori elencati sono soluzioni All-in-One. Per i prezzi ci siamo rifatti a quelli praticati da Amazon.it o, in alternativa, da ePRICE, in quanto riteniamo rispecchino con precisione il valore effettivo del prodotto sul mercato. Per qualsiasi domanda potete scriverci nei commenti, saremo felici di risolvere i vostri dubbi.

Fascia < 30 €

Nella fascia più bassa della nostra guida non troverete di certo il meglio, ma tutti i modelli presenti offrono prestazioni termiche e acustiche decisamente superiori a quelle del dissipatore stock di Intel. Non conosciamo ancora quanto bene si comporta il nuovo dissipatore di AMD e non siamo ancora in grado di fare paragoni, ma aggiorneremo la guida non appena ne sapremo di più. Sotto i trenta euro abbiamo scelto il Cooler Master TX3 EVO, un cooler economico, ben fatto e silenzioso. Esso è capace di effettuare un buon lavoro e, con alcuni fortunati processori, si riesce anche a spingere le frequenze al di sopra delle soglie impostate di fabbrica. Il TX3 EVO ha tre heatpipe in rame direttamente a contatto con il die della CPU e nasce con una ventola PWM da 92 millimetri. Per abbassare ancora di più le temperature se ne può aggiungere una seconda. Il rumore prodotto in idle è pari a 17 dBA circa, mentre quando il carico è elevato tale dissipatore è chiaramente udibile. Supporta di fatto tutti gli ultimi socket, sia Intel che AMD. Per gli utenti che vogliono spendere il minimo del minimo c'è invece l'Arctic Cooling Freezer 7 PRO Rev.2, un prodotto dal costo esiguo ma che compie perfettamente il lavoro per cui è stato progettato. Di serie presenta una ventola da 92 mm e la famosa pasta termica Arctic MX-2 pre-applicata. L'azienda ha lavorato per semplificare al massimo il sistema di montaggio, che somiglia moltissimo a quello adottato dai dissipatori stock. I socket compatibili sono il 1366, 1150, 1151, 1156, 1155 e il 775 di Intel, mentre per AMD segnaliamo l'FM2, FM1, AM3+, AM3, AM2+, AM2, 939 e il 754.

Fascia 30-50 €

Fra i trenta ed i cinquanta euro la soluzione migliore è, a nostro avviso, di nuovo un prodotto di Cooler Master: l'Hyper 212 EVO. Stiamo parlando di un dissipatore famosissimo e molto utilizzato, che per l'utente non troppo esigente rappresenta lo sweet-spot fra prestazioni, prezzo e silenziosità. Rispetto al modello di fascia precedente le heatpipe salgono a quattro e questa volta il prodotto possiede la tecnologia CDC (Continuous Direct Contact), che crea una superficie adeguatamente liscia fra dissipatore e processore. La ventola inclusa è da 120 mm e ritroviamo la compatibilità con i socket Intel ad AMD più recenti. Se lo spazio a vostra disposizione è poco potete prendere in considerazione il Raijintek Pallas, un cooler a basso profilo che ruba pochissimo volume, soprattutto in altezza: è infatti alto poco meno di sette centimetri ed ha una ventola con diametro da 140 mm. Ci sono ben sei heatpipe, che però non sono in rame.

Fascia 50-70 €

Spendendo più della cinquantina di euro si ha accesso a dissipatori che permettono tranquillamente di overclockare, grazie alle temperature inferiori e ai materiali di fattezza superiore. A questo livello il vincitore è il Thermalright Macho HR-02 Rev.B, un cooler di buonissima qualità e dal prezzo adeguato. Le heatpipe sono ben dieci e può operare anche senza ventola così da produrre zero rumore. Il Noctua NH-U14S, sviluppato dalla affidabile ed apprezzata società austriaca, è la prima alternativa. Abbiamo una grossa ventola da 140 mm e ben sei heatpipe più larghe della media, che espellono maggiore calore dal die della CPU. Il sistema di montaggio SecureFirm2 aumenta la stabilità del prodotto e l'amata pasta termica NT-H1 è fornita in bundle. Noctua ha affermato che, nonostante le sue prestazioni, questo componente ha dimensioni tali da permette l'installazione anche di moduli RAM ad alto profilo. Il prezzo dell'NH-U14S si avvicina pericolosamente alla soglia dei settanta euro e, se desiderate sborsare una decina d'euro in meno ma rimanere in casa Noctua, allora prestate attenzione al suo fratello minore, l'NH-U12S. L'unica differenza è negli strati delle alette d'alluminio, minori nel modello meno costoso; di conseguenza, le ventole installabili sono da 120 mm (anziché da 140 mm).

Fascia 70-90 €

Nella fascia alta la battaglia è più serrata che mai e decretare il prodotto migliore è stato decisamente più arduo. Alla fine abbiamo deciso di optare per la garanzia offerta dal Noctua NH-D15, un enorme dissipatore dotato di ben due camere di vapore separate, altrettante ventole da 140 mm di serie e da ben 12 grosse heatpipe (sei per ogni serie di alette). Il design è adatto alle alte prestazioni ed il sistema di montaggio rimane il classico SecureFirm2 dell'azienda austriaca. Assicuratevi di avere uno spazio adeguato nel cabinet, perché l'NH-D15 è davvero grosso. Esso rappresenta tra l'altro un'ottima scelta per l'overclocking più spinto.

Altre valide soluzioni, meno costose, sono rappresentate dal Cryorig H7 Universal e dal Thermalright Macho HR-02 Rev.A. Il primo è un dissipatore pieno di interessanti e funzionali tecnologie proprietarie, che però non riesce ad eguagliare le prestazioni del Noctua, mentre il secondo è una variante più performante dell'HR-02, eletto vincitore della fascia precedente. Se invece prediligete il silenzio, ed elevatissime prestazioni acustiche sono per voi imprescindibili, buttate un occhio sul Be Quiet! Dark Rock Pro 3.

Fascia > 90 €

Sopra ai novanta euro si cerca il meglio del meglio, e noi preferiamo puntare su un AIO a liquido. La nostra scelta ricade quindi sul Corsair H100i GTX, un dissipatore ad acqua già pronto all'uso, con un ottimo waterblock, tubazioni anti-perdita e grande radiatore da 240 millimetri. Due ventole da 120 mm ad elevata pressione statica sono già incluse. Il montaggio non è troppo difficile ma non è sicuramente immediato come quello di un cooler classico. Basta comunque assicurarsi di avere lo spazio per il radiatore (che di solito viene montato sul top del case), seguire con attenzione le istruzioni e tutto va per il verso giusto. Un dissipatore a liquido AIO non ha poi bisogno di manutenzione e né di essere rabboccato, ed una volta installato non c'è altro da fare. L'H100i GTX ha anche Corsair Link integrato, una tecnologia proprietaria che, tramite un header USB sulla scheda madre, collega il prodotto al software apposito per controllare e gestire tutta una serie di parametri, come la velocità della pompa o il profilo delle ventole. A circa una decina di euro in più c'è il modello successivo, l'H110i GTX, con le stesse caratteristiche ma con un radiatore da 280 mm. Le prestazioni sono sensibilmente superiori e, se avete spazio e disponibilità economica, potete tranquillamente virare sulla punta di diamante della compagnia americana.
Se un sistema a liquido non fa per voi e desiderate rimanere su un dissipatore ad aria, il nostro consiglio è quello di puntare su un Cryorig R1 Ultimate, un prodotto che in alcune condizioni pareggia le performance degli AIO a liquido. Esso è un cooler dual tower con ben 14 heatpipe, tecnologia DirectCompass per aumentare il contatto di queste ultime con le alette in alluminio e tantissime altre feature da assoluto top di gamma.