Guida all'acquisto dell'alimentatore - Dicembre 2015

L’alimentatore è uno dei componenti hardware di più difficile interpretazione, a cui spesso l’utente medio dà poco valore. Questa è una pratica più che errata, ma non disperate: questa guida nasce proprio per aiutarvi nella scelta di tale prodotto.

speciale Guida all'acquisto dell'alimentatore - Dicembre 2015
Articolo a cura di

L'alimentatore è uno dei componenti su cui gli utenti tendono inconsciamente a tagliare, ritenendo giusto comprare una scheda grafica più potente anziché una PSU di migliore progettazione. L'inghippo sta nel fatto che questa non è una pratica scorretta, ma scorrettissima. Costruire un sistema all'avanguardia e poi lasciare che questo riceva energia da una PSU di scarsa qualità è un buon modo per rischiare che qualche componente perda la propria efficacia. Per quanto si possa pensare il contrario, l'alimentatore è uno dei punti più critici di un PC, da gioco e non.
Catalogare le qualità di una PSU è una delle attività più difficili nel mondo dell'hardware. Le specifiche mostrate sono sempre le solite: wattaggio, efficienza energetica certificata, modularità... caratteristiche che purtroppo ci dicono poco o nulla sulla bontà dell'alimentatore. Per analizzare un componente di questo tipo sono necessarie competenze elettroniche, che pochi appassionati possiedono. E' necessario che si prenda nota del design circuitale dell'alimentatore, che si identifichino i tratti di condensatori ed induttori e che, armati di multimetri e oscilloscopi, si esamini l'attenuazione del ripple, la risposta in transitorio, il tempo di hold up e tutta un'altra serie di parametri tecnici di interpretazione complessa.
Molte volte poi le specifiche dei prodotti non aiutano, perché non sempre 800W corrispondono effettivamente ad 800 watt. In mezzo c'è il discorso sull'efficienza energetica, e cioè su quanta percentuale di potenza dichiarata è effettivamente a disposizione del nostro computer. Un'apprezzabile parte di questa, infatti, viene dispersa per effetto Joule. Scegliere un alimentatore efficiente può anche portare a risparmiare sulla bolletta energetica di casa, soprattutto se il PC è di fascia alta e se rimane acceso parecchie ore al giorno.
In questa guida abbiamo organizzato quelli che riteniamo i migliori alimentatori per fasce di prezzo, in modo da consigliarvi il meglio disponibile per il vostro budget. Da ogni gruppo abbiamo scelto un unico vincitore, ma ci siamo riservati il diritto di consigliarvi una o più alternative.
Per i prezzi abbiamo fatto riferimento a quelli praticati da Amazon IT o da ePRICE, poiché ritenuti un indice affidabile dell'effettivo valore di mercato del prodotto in esame.

Fascia bassa - Circa 50€

Per quanto sia meglio non spendere così poco per questo componente, l'XFX TS Series 430W è l'alimentatore che salvaguardia questa fascia. Se non ci fosse stato questo prodotto a circa una cinquantina di euro, probabilmente saremmo partiti direttamente dalla successiva. Ha una qualità generale soddisfacente ed una buona efficienza, essendo l'elettronica curata da Seasonic, il leader nel settore. Va bene per i PC da gaming di fascia bassa, e tra l'altro è anche certificato 80 Plus Bronze. Purtroppo non è modulare e i cavi sono un po' bruttini esteticamente, ma sono difetti sui cui possiamo passare oltre a tale prezzo.
La prima alternativa è il Thermaltake Munich 430W, prodotto che perde un po' rispetto all'XFX, nonostante il prezzo rimanga più o meno simile. E' anch'esso certificato 80 Plus Bronze. La seconda opzione è per chi ha bisogno di leggermente più potenza; stiamo parlando dell'Antec VP-450, componente che non offre certificazione 80 Plus a causa della mancanza del circuito atto alla correzione della potenza, ma che se la cava efficientemente in molte situazioni.

Fascia medio/bassa - Circa 50-100€

I due modelli fra i 50 e i 100 euro sono l'XFX TS Series 650W e l'Antec TP-650C. Lo scontro a due è vinto dal primo, ma esclusivamente perché si trova spesso a un prezzo leggermente inferiore. Entrambi erogano 650W, sono certificati 80 Plus Gold, sono progettati da Seasonic ed hanno condensatori giapponesi. Nessuna delle due PSU è modulare, quindi i cavi vanno più attentamente gestiti. I connettori PCI-E sono quattro, che confermano quindi il pieno supporto allo SLI o al CrossFire. L'unico difetto dell'XFX è che un po' più rumoroso del suo rivale, ma l'Antec non vale la spesa superiore, a meno che non auspichiate alla più alta silenziosità possibile. La garanzia è di cinque anni presso le rispettive aziende.

Fascia media - Circa 100-150€

Spendere una cifra che si avvicina ai 150€ per un alimentatore vuol dire acquistare un prodotto di ottima fattura, con una componentistica di alta qualità e design almeno semi-modulare. Tali canoni sono rispettati da modelli quali il Cooler Master V750, della cui circuitazione se ne è occupata la oramai nota Seasonic. Con i 750W e l'efficienza 80 Plus Gold sarete in grado di gestire anche due schede grafiche di fascia medio-alta in parallelo. I condensatori sono ovviamente tutti giapponesi, la ventola è da 120mm e assicura silenziosità durante le operazioni. Si tratta di un modello davvero ben fatto, e che vi suggeriamo. Se avete bisogno di meno potenza potete acquistare il V650, versione che mantiene lo stesso progetto ma che riduce il wattaggio di 100 unità.
Se invece il vostro desiderio è quello di risparmiare qualcosina, allora tenete d'occhio l'EVGA SuperNOVA 750 G1. Come intuibile la potenza erogata è pari a 750W, il diametro della ventola sale a 135mm, mentre è conservato il bollino 80 Plus Gold. Si tratta di una soluzione full-modular. L'elettronica si basa però su un progetto qualitativamente inferiore a quello del Cooler Master, soprattutto considerata l'assenza di condensatori giapponesi fuori dalla sezione principale. Anche per tale modello c'è una versione da 650W, identica - tranne che per la potenza - a quella appena vista.

Fascia medio/alta - Circa 150-200€

In questa fascia proponiamo sostanzialmente la versione da 850 watt del Cooler Master, il V850. Tale soluzione è quasi identica e mantiene le stesse qualità del V750, tra l'altro tenendosi anche ad un prezzo piuttosto basso rispetto ai concorrenti. In più possiede una ventola da 135mm anziché da 120mm. Il diretto avversario è l'EVGA SuperNOVA G2, il cui progetto è stato disegnato da Super Flower, una delle più note aziende del settore insieme a Seasonic. Rispetto al G1 menzionato in precedenza ottiene i condensatori giapponesi su tutto il PCB, mentre la ventola si ingigantisce e diviene addirittura da 140mm. Spicca inoltre la garanzia di ben 10 anni.
Se desiderate qualcosa di nuovo e avete la possibilità di spendere di più allora potete propendere per qualcosa di digitale, come il Corsair HX850i. Si tratta di un modello appena uscito, con controllo digitale di CWT e supporto a Corsair Link. Ha inoltre un'efficienza certificata 80 Plus Platinum, lo step subito dopo quello Gold. Grazie a tale riconoscimento la ventola può prendersi la libertà di stopparsi a basso carico e avviarsi solo quando necessario, tenendo una silenziosità quasi assoluta quando il computer è nello stato idle. C'è anche la versione da 750W a qualcosina in meno. Preferitelo solamente se vi interessa il design digitale, in quanto i componenti elettronici al suo interno sono peggiori di quelli del V850.

Fascia alta - Circa 200-250€

Andare oltre i duecento euro non è cosa da tutti, e scommettiamo che molti di voi non ne avranno bisogno. Etichettata come da molti appassionati come la migliore serie al mondo, vi consigliamo qui un modello Corsair AXi, e cioè l'AX860i. La progettazione dei circuiti è avvenuta internamente a Corsair stessa, e si nota la cura maniacale che l'azienda ha riposto nei prodotti di questa famiglia: efficienza ai vertici della categoria con certificazione 80 Plus Platinum, design completamente digitale con monitoraggio tramite Corsair Link, sistema full-modular e componenti di qualità eccelsa da far invidia a tutti i concorrenti. La ventola è ferma per la maggior parte dei carichi di lavoro e inizia a girare solo quando il gioco si fa duro. Questa PSU è in grado di fornire energia anche a due schede grafiche di fascia alta contemporaneamente. C'è la versione meno potente, l'AX760i, per chi ha bisogno di meno watt.
Se invece siete dall'altro lato della medaglia e necessitate di più potenza, tenete in considerazione l'EVGA SuperNOVA 1000 P2. Non offrirà il controllo digitale dell'AX860i, ma in quanto ed efficienza ci va vicino. Oltre il bollino 80 Plus Platinum e i ben 1000W, non è molto differente dal SuperNOVA G2 nel gruppo precedente.

Fascia altissima - 300€+

In questa fascia troverete solo il meglio del meglio, e noi non potevamo consigliarvi altro che il Corsair AX1200i. Si tratta di un'evoluzione dell'AX860i e che - oltre ai 1200W - ottiene una ventola da 140mm che rimane anch'essa ferma con carichi medi e bassi. Quest'alimentatore regge tranquillamente anche quattro GPU in parallelo, per chi non si accontenta.
Volendo potreste spendere meno ma perdere notevole qualità, con il Corsair HX1200i.
Modelli decisamente esuberanti sono invece l'EVGA SuperNOVA 1600 P2 e il modello di punta di Corsair, ovvero l'AX1500i. Quest'ultimo è probabilmente l'alimentatore più efficiente al mondo, nonché il primo ad essere stato certificato 80 Plus Titanium, il massimo riconoscimento sull'efficienza energetica ad oggi ottenibile.