HDMI 2.1 e TV Samsung: i modelli compatibili con 4K a 120Hz, VRR e ALLM

La gamma TV QLED di Samsung è la più ampia disponibile dotata di HDMI 2.1, dai modelli 4K a quelli 8K, per un'offerta molto completa.

speciale HDMI 2.1 e TV Samsung: i modelli compatibili con 4K a 120Hz, VRR e ALLM
Articolo a cura di

La gamma TV di Samsung è la più ampia disponibile dotata di HDMI 2.1, dai modelli 4K a quelli 8K, per uno standard che vedrà una netta crescita con l'arrivo di Xbox Series X e PS5. La console di Microsoft è da poco giunta in redazione, ma anche PS5 è ormai pronta al debutto. Le nuove arrivate porteranno in dote un aumento netto nella potenza a disposizione, la cui applicazione nella pratica è ancora tutta scoprire.
Grazie alle HDMI 2.1 il supporto per risoluzioni e refresh rate elevati permetteranno una maggiore flessibilità agli sviluppatori, che potranno così scegliere il giusto compromesso con la qualità grafica in base al titolo.

Cosa sono le HDMI 2.1

Le HDMI 2.1 sono sbarcate sui televisori solo quest'anno ma non tutti i modelli ne sono provvisti. Tuttavia, visto l'arrivo dello standard anche su PC e console, le HDMI 2.1 hanno suscitato molto interesse da parte dei gamer, attratti dalle funzionalità che portano in dote, pronte per il presente ma anche per il futuro del mondo dell'intrattenimento. Le HDMI 2.1 sono destinate a dettare gli standard audio-video da qui ai prossimi anni, le loro specifiche non sono sfruttabili del tutto con l'hardware attuale ma acquistando ora un televisore compatibile è possibile rimanere al passo con tutte le evoluzioni che arriveranno nel mondo del gaming in futuro.

Non si tratta di uno standard completamente nuovo, quanto più di un aggiornamento rispetto alla versione 2.0, di cui mantiene anche lo stesso connettore. Su questa base è stata aggiunta una banda passante superiore e nuove funzioni applicabili in diversi ambiti, dal gaming all'audio.

Le HDMI 2.1 sono uno standard flessibile, spesso non tutte le loro caratteristiche vengono implementate, è possibile infatti avere TV che utilizzano tutte le funzioni ma senza il supporto alla risoluzione 8K, ad esempio, una scelta fatta per adattare questa connessione anche ai televisori 4K, che non hanno bisogno di tutta la banda passante disponibile.
Proprio il bandwidth rappresenta la principale differenza rispetto allo standard precedente e può raggiungere i 48 Gbit/s, contro i 18 Gbit/s delle HDMI 2.0. Questo balzo enorme nella banda passante si è reso necessario per permettere di veicolare segnali video in 8K senza compressione, molto più grandi di quelli in 4K.
Ma le HDMI 2.1 sono pensate per il futuro, ecco perché è possibile arrivare fino al 10K a 120 Hz, utilizzando però la Display Stream Compression, una tecnologia che comprime i dati che viaggiano sul cavo per consentire di raggiungere risoluzioni elevatissime. Risoluzioni di questo tipo non sono ancora sfruttate oggi nel gaming, anche raggiungere il più "semplice" 4K a 120 fps è un compito complesso da portare a termine, tuttavia le HDMI 2.1 portano altri vantaggi in questo specifico campo. Il primo, e più importante, è sicuramente il VRR, acronimo inglese che descrive il Refresh Rate Variabile.

La mancata sincronizzazione del refresh rate dello schermo con i frame generati dalla GPU di una console e di un PC causa infatti un fenomeno chiamato tearing, che provoca la divisione delle immagini in più parti, un difetto visivo fastidioso durante il gioco. Fino ad ora si è usato un approccio software per risolverlo, con il V-Sync, oppure hardware, grazie a tecnologie come G-Sync e FreeSync. L'approccio software è efficace ma porta con sé un aumento dell'input lag, quello hardware funziona meglio ma si è diffuso poco nel mondo TV.
Ora con il VRR anche i televisori possono sincronizzare il loro refresh rate con gli fps generati da PC e console, diminuendo così l'input lag e aumentando il senso di fluidità delle immagini.
Insieme al VRR l'altra caratteristica pensata per il gaming è l'ALLM, una funzione che attiva automaticamente la Game Mode quando si accende una console collegata. In questo modo non serve più entrare nei menù di configurazione del televisore per sfruttarla, rendendo questo passaggio più semplice anche per gli utenti meno esperti, che possono così godere dei vantaggi derivanti dal basso input lag.

Ultima novità introdotta dalle HDMI 2.1 riguarda l'audio. L'eARC permette infatti di gestire nel canale audio di ritorno le codifiche di ultima generazione, fino a un bitrate massimo di 36 Mbit/s.
Come si può vedere la natura flessibile della HDMI 2.1 permette di adattare le sue specifiche a prodotti anche molto diversi. Il supporto a risoluzioni e a refresh rate elevati, unito alle nuove funzioni disponibili, disegnano uno standard destinato a durare a lungo nel tempo, ponendo le basi per l'intrattenimento del presente e del futuro.

I TV Samsung 8K con HDMI 2.1

Samsung ha introdotto diverse caratteristiche delle HDMI 2.1 nei TV presentati nel 2020, a partire dai modelli 8K, con il top di gamma Q950T, un TV Full Array con tecnologia QLED. In questo caso il supporto è garantito per tutte le funzioni del nuovo standard, si parte dalla risoluzione 8K a 60 Hz fino al 4K a 120 Hz, per passare al VRR, all'ALLM e all'eARC. Il Q950T è un televisore molto particolare, il primo a sfruttare il nuovo display Infinity Screen, che elimina i bordi della cornice per offrire un pannello che occupa quasi l'intera superficie frontale del TV. Questo modello è dotato di One Connect Box e del cavo One Invisible Connection, con cui realizzare delle installazioni molto pulite, in grado di nascondere alla vista le connessioni via cavo, sfruttabile sia piazzando il televisore sul piedistallo sia appeso a un muro.

Disponibile nei tagli da 65, 75 e 85 pollici, è certificato HDR4000 (HDR3000 nel caso del 65 pollici) e offre la piena compatibilità con gli standard HDR10, HLG e HDR10+.
Scendendo al Q800T la compatibilità con le HDMI 2.1 rimane totale, identica a quella del top di gamma, e comprende quindi il supporto all'8K a 60 Hz, al 4K a 120 Hz e gli standard VRR, ALLM e eARC.

In questo caso il design è più tradizionale ma i bordi dello schermo rimangono comunque ridotti. Il TV è un QLED certificato HDR2000 e offre una retroilluminazione Full LED, il tutto disponibile nei tagli da 65, 75 e 82 pollici e supporto a HDR10, HLG e HDR10+.
Sia il Q950T che il Q800T offrono un filtro anti riflesso molto efficace e la tecnologia Ultra Viewing Angle, per espandere gli angoli di visione, utile se si guarda il TV da posizione decentrata.

I modelli 4K con HDMI 2.1

Samsung ha portato le HDMI 2.1 su quasi tutta la gamma 4K 2020, eliminando, nella maggior parte dei casi, solo il supporto all'8K, inutile vista la risoluzione inferiore del pannello. Alla testa della lineup troviamo il Q95T che abbiamo recensito poche settimane fa, un LCD QLED Full LED con pannello VA, disponibile nei tagli da 55 e 65 pollici. Caratterizzato da un design minimale e da bordi ridotti, offre il pieno supporto al 4K a 120 Hz, al VRR, all'ALLM e all'eARC. Certificato HDR2000, sfrutta il One Connect Box per garantire una più semplice gestione dei cavi e un'installazione più pulita. Il Q90T riprende quasi tutte le caratteristiche del top di gamma 4K, ma è certificato HDR1500 e non include il box esterno per le connessioni, mantenendo però il supporto alle stesse specifiche delle HDMI 2.1.

Il Q80T è un televisore QLED che si colloca nella fascia media del mercato, certificato HDR1500 e dotato di retroilluminazione Full LED e pannello VA. È disponibile in diverse versioni, si parte dal 50 pollici per salire a 55, 65 e 75 pollici.

Anche in questo caso non manca nulla alle HDMI 2.1, che possono contare sul supporto al 4K a 120 Hz, al VRR, all'ALLM e all'eARC. Solo la variante da 49 pollici non include il 4K a 120 Hz e il VRR, per un televisore caratterizzato dall'ottimo rapporto qualità-prezzo.
Il Q70T perde la retroilluminazione Full LED ma mantiene tutte le specifiche delle HDMI viste in precedenza ed è disponibile nelle varianti da 55, 65, 75 e 85 pollici.

Infine troviamo l'entry level della gamma QLED, il Q60T, che offre una vasta scelta nella dimensione del pannello, partendo dai 43 pollici e arrivando poi ai 50, 55, 65 e 75 pollici. In questo caso la retroilluminazione è di tipo Edge LED e il supporto alle HDMI 2.1 è limitato, offrendo solo l'ALLM e l'eARC. Tutti i modelli 4K inoltre sono compatibili con HDR10, HLG e HDR10+, maggiori informazioni sono disponibili nel nostro speciale sulla gamma QLED 2020.