Speciale HTC Touch Diamond: presentazione italiana

Il diamante di HTC in mostra per i lettori di Everyeye

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

HTC Touch Diamond

Invitati da HTC Italia siamo andati alla presentazione ufficiale del nuovissimo HTC Touch Diamond, cellulare di punta nell'offerta HTC per il 2008. Nella piovosa cornice Milanese abbiamo assistito alla presentazione di Daniele De Grandis, Responsabile delle Operazioni Commerciali di HTC Italia, e Floria Seiche, Presidente Europeo HTC.

Giunti sul luogo della conferenza, addobbato per l'occasione con i colori HTC, dopo una breve attesa ci spostiamo nella sala della presentazione, dove De Grandis prende la parola presentandoci Florian Seiche e riassumendoci i risultati del 2007 e gli obiettivi per il 2008 di HTC. Se il 2007 aveva visto l'introduzione della "touch experience" con il Touch Flow come strumento base di un'interfaccia semplice e intuitiva, il 2008 si focalizza su due punti: migliorare la "touch experience" e raggiungere l'obbiettivo di un internet sul cellulare come da casa.

Grazie all'introduzione del Touch Flow 3D il primo punto trova completa realizzazione con un'interfaccia ancora più intuitiva e piacevole. La potenza di processore e la memoria del Diamond, infatti, consentono l'uso di nuove animazioni, tra cui il meteo, l'animazione delle foto e quella di mail e sms.

Per il secondo punto, invece, la collaborazione con Opera e l'utlizzo di un display VGA, sembrano essere riusciti nell'intento di fornire una internet experience mobile come quella casalinga.

Andiamo ora a vedere in dettaglio le innovazioni che porta questo cellulare.

Presentazione

Partendo dalle specifiche tecniche, il Diamond è un cellulare touch-screen gestito da un processore da 528 Mhz coadiuvato da 192 Mb di RAM, 256 di ROM e 4 Gb di spazio per la memorizzazione dei dati. Lo schermo, come abbiamo già annunciato, è un touch screen da 2,8 pollici con risoluzione VGA (640x480). Tra le altre specifiche troviamo Wi-Fi, GPS, Bluetooth, fotocamera da 3.2 megapixel e camera vga anteriore per le videochiamate, modulo HSDPA a 7.2 mbps e sensore di orientamento.

Andando ad analizzare l'interfaccia, troviamo la classica Home HTC ridisegnata per il touchflow 3d con un menu a scorrimento con le principali funzioni del cellulare. Tra queste andando nella rubrica potremo vedere le foto dei nostri contatti, scorrendoli con il dito e visualizzandone le informazioni principali con un semplice tocco. Mail e SMS, invece, sono stati reinterpretati come cascata di parole che si compone quando arriva il messaggio. Il meteo, infine, è la riproduzione ideale di una finestra sul mondo, alla quale ci affacciamo per guardare fuori che tempo fa osservando, ad esempio, le gocce d'acqua sul vetro in caso di pioggia.

Migliorata anche l'interazione con WM e la gestione del touchscreen: per chiudere le applicazioni o per accedere alle funzioni indicate dalle piccole icone sulla cima dello schermo (spesso molto difficili da raggiungere con il dito), basterà toccare la parte alta per far aprire un menu con l'ingrandimento delle suddette icone.

Passando all'analisi di internet mobile, invece, il Touch Diamond rompe il conubio Windows Mobile - Internet Explorer e ci presenta un Opera 9.5, sviluppato insieme ad HTC e migliorato nell'usabilità. Questa versione di Opera offre un rendering delle pagine identico alla versione desktop, permettendo un'ottima visualizzazione anche nella modalità zoom.

Con un semplice tocco di dito, infatti, sarà possibile zoomare e muoverci all'interno della pagina, lasciando che il browser renderizzi la porzione di pagina selezionata e porti in primo piano i contenuti verso i quali stiamo focalizzando la nostra attenzione.

Hands On

Dopo la presentazione ci spostiamo nella sala dedicata alla prova con mano del Diamond. Il primo impatto è ancora migliore che in fotografia: il Diamond è bello da vedere, solido da tenere in mano e fashion quanto basta. Il peso è ridotto e le dimensioni sono ottime, confermando quanto dichiarato da HTC: "né tropo grande né troppo piccolo". Confrontandolo con l'iPhone, inoltre, si nota ancora di più il divario di dimensioni, anche se bisogna tener conto della maggior grandezza dello schermo del cellulare Apple.

Provando dal vivo l'interfaccia rimaniamo piacevolmente colpiti dalla sua semplicità d'uso e dalla grafica, tanto che viene voglia di giocare con i menu anche senza uno scopo preciso. Per quanto riguarda la fluidità, invece, l'interfaccia utente ha mostrato qualche rallentamento. A questo proposito, però, bisognerà rimandare il verdetto alla versione del Diamond che sarà commercializzata e che speriamo di poter riceve in prova da recensire per i nostri lettori.

Nella prossima pagina trovate una breve intervista con De Grandis e Seiche.

Q&A

Everyeye: come è nata l'idea del Diamond? Cosa vi ha spinto alla sua progettazione?
HTC: l'idea che sta alla base del Touch Diamond è quella di creare un cellulare semplice e intuitivo, che rispondesse molto alle azioni da noi eseguite nella vita reale. Per le foto, ad esempio, la galleria ce le mostra come se fossero su un tavolo mentre le mostriamo agli amici. Anche gli MP3 rispecchiano questa filosofia, infatti sarà possibile sfogliarli come se sfogliassimo gli LP sullo scaffale di un negozio di dischi.

Eye:cosa potete dirci riguardo alle strategie commerciali? Il Diamond uscità anche con qualche operatore telefonico?
HTC:si, sicuramente uscirà con i principali operatori telefonici italiani, oltre che in versione stand alone

Eye:quale sarà il prezzo di lancio?
HTC:tra i 500 e i 600€, prezzo in linea con la fascia di mercato a cui è rivolto.


Eye:finora in rete e nei forum specializzati abbiamo visto molte lamentele a proposito dell'assistenza HTC, cosa potete dirci a riguardo? La potenzierete in previsione degli elevati volumi di vendita che raggiungerà il Diamond?
HTC:certamente siamo lavorando in questa direzione, cercando di venire incontro al cliente per migliorare il servizio. Il settore assistenza, però, è ostico per tutte le aziende.


Eye:alcuni rumor volevano un uscita del Diamond in bundle con TomTom 7, potete confermare?
HTC:no, non possiamo dire nulla. Il Diamond è dotato di GPS ma non è la sua principale funzione. Per la navigazione satellitare ci sono altri terminali della gamma più indicati.


Eye:cosa potete dirci del Raphael, il terminale con tastiera QWERTY di cui si vociferava ai tempi dei primi rumors sul Diamond?
HTC:oggi presentiamo il Diamond, perciò ci limiteremo a questo dispositivo.


Eye:possiamo azzardare che non vedrà la luce prima del 2009.
HTC:prossimi dispositivi della serie non vedranno luce se non dopo la fine dell'anno.

HTC Touch Diamond Fin dalla sua uscita il Touch Diamond è stato visto come il diamante di HTC per distruggere l'iPhone e rubare a Apple importanti quote di mercato. Non sappiamo se sarà così o se Giugno (mese di uscita del Diamond e dell'iPhone 3G) ci riserverà sorprese, anche considerando che in HTC dichiarano di posizionarsi in una fascia di mercato diversa da quella occupata dal "melafonino". Di sicuro il Diamond ha buone carte da giocarsi, sia dal punto di vista tecnico che da quello estetico. Per stabilire il verdetto finale rimandiamo l'appuntamento alla recensione completa.