HyperX: Edward Baily ci parla del futuro degli eSports e delle memorie

Abbiamo avuto la possibilità di fare una chiacchierata con Edward Baily, Business Manager EMEA di HyperX, brand di Kingston. La discussione è ruotata attorno agli eSport, alle memorie e ai piani per il futuro.

speciale HyperX: Edward Baily ci parla del futuro degli eSports e delle memorie
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

HyperX è la divisione di Kingston che si occupa di tutto ciò che riguarda il gaming, ed ultimamente il brand ha portato avanti grandi investimenti, soprattutto nel settore degli eSport. HyperX sponsorizza ben 27 team di giocatori professionisti sparsi nei titoli più popolari del panorama multigiocatore, ed è anche uno degli sponsor più importanti di competizioni di livello internazionale quali il Dreamhack o l'Intel Extreme Masters. Oramai i titoli competitivi sono in mezzo ad un giro d'affari di milioni di dollari: basta pensare che il primo premio agli ultimi IEM era di ben 250.000 dollari. Abbiamo avuto il piacere di farci una chiacchierata con Edward Baily, Business Manager EMEA di HyperX, che ha risposto a numerose nostre domande in merito proprio agli eSport e al ruolo di HyperX nel settore, spiegando anche alcuni dei piani futuri dell'azienda.

Largo agli eSport

Everyeye:Qual è oggigiorno la posizione di HyperX nel mercato delle memorie?
Edward Baily: Mi piace pensare che HyperX venga visto come un top player nel mercato delle memorie gaming. Siamo in questo settore da 13 anni e il nostro obiettivo continua ad essere quello di offrire prodotti dalle grandi prestazioni con un design accattivante, il tutto ad un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Eveyeye: Supponiamo che un utente voglia acquistare delle memorie RAM ad alte prestazioni. A quale famiglia di Kingston/HyperX dovrebbe rivolgersi?
Edward Baily: Se dovessi consigliare una memoria ad alte prestazioni, sceglierei la nostra linea di prodotti DRAM Predator, questa memoria è disponibile fino a 3000 MHz con capacità fino a 64 GB di RAM. Tuttavia, molti giocatori preferiscono scegliere un'opzione di profilo più basso; in questo caso la memoria HyperX Savage è la migliore della categoria. È in grado di offrire velocità fino a 2666 MHz ed è disponibile in capacità fino a 128 GB di RAM.

Everyeye: Le RAM HyperX hanno un buon potenziale di overclocking, come abbiamo testato sui nostri sample. L'azienda continuerà a spingere questo aspetto ancora più in là, anche con i prossimi prodotti?
Edward Baily: Siamo stati tra i brand fondatori della cultura dell'overclocking e negli ultimi anni abbiamo ospitato i campionati del mondo di overclock tenutesi a Las Vegas e Los Angeles. Per l'occasione, Hwbot ha messo in palio 15,000 dollari per il miglior overcloker del mondo. Continueremo a investire nella ricerca e sviluppo della tecnologia che permette la classificazione dei chip e nella sempre più vasta community di overclocking per garantire a tutti gli appassionati di PC la possibilità di overcloccare.

Everyeye: Quando gli SSD PCIe raggiungeranno la fascia mainstream?
Edward Baily: Stiamo già assistendo con i PCIe a una migrazione verso le piattaforme NVMe. Questo trend continuerà, dal momento che l'adozione di PCIe sta registrando una crescita generale. Il progresso sarà particolarmente evidente nel mercato enterprise, anche se vedremo una maggiore adozione di PCIe tra gli appassionati e gli utenti alla ricerca di alte prestazioni. I SATA continueranno invece ad essere utilizzati come driver di volume per gli SSD entry level.

Everyeye: Ritenete che il prezzo degli SSD sarà più basso nel futuro rispetto agli HDD?
Edward Baily: In questo momento vediamo produttori di PC controllare questo segmento di mercato, basato principalmente sul prezzo, che puntano più sull'offerta di maggior spazio di archiviazione rispetto alle prestazioni degli SSD. Studi recenti hanno dimostrato che fino a quando il prezzo degli SSD fino a 256GB non si abbassa di almeno 40 dollari, non vedremo un potenziale passaggio da HDD a SSD. Quando questo accadrà, le prestazioni diventeranno il benchmark per i PC.

Everyeye: Quanto sono importanti gli sponsor negli eSports?
Edward Baily: Il mercato degli eSport è enorme, abbiamo visto quest'anno il governo americano fornire un visto per un giocatore professionista classificandolo come ‘atleta' il che è una grande notizia per l'industria del gaming. Nei prossimi anni vedremo il mercato del PC gaming crescere ancora, ma vedremo anche un aumento del mobile gaming, con titoli online quali ‘Hearthstone' e ‘Vainglory' diventare sempre più popolari. Anche grandi brand come CocaCola, Nissan e American Express hanno iniziato ad investire nel mercato degli eSports, una volta realizzato che la possibilità di raggiungere centinaia di milioni di giovani giocatori è estremamente unica al di fuori di altre industrie.

Everyeye: HyperX ha un'ampia gamma di team sponsorizzati. Avete intenzione di ampliare il roster?
Edward Baily: Attualmente sponsorizziamo 27 organizzazione di eSport tra streamer e team professionali come Natus Vincere, Cloud9, Luminosity e Team Solomid. Sono felice di annunciare che abbiamo appena firmato con il team francese "Team EnVyus" che è molto conosciuto per il successo ottenuto a Counter Strike e indosseranno il nostro nuovo headset HyperX Cloud Revolver in tutti i prossimi tornei futuri, è una notizia molto eccitate per noi in Europa!
Teniamo in conto i seguenti tre aspetti quando decidiamo se supportare un team, un giocatore o uno streamer. Come prima cosa, la rilevanza nell'attuale mercato del gaming: il loro gioco è ancora popolare? Come seconda cosa, la portata sui social media: quanti iscritti o seguaci hanno su YouTube, Twitch e Twitter? Infine, le prestazioni: vogliamo lavorare con giocatori e squadre che si stanno distinguendo, quindi un ‘pedigree di vittorie' è importante per essere in linea con le ambizioni di HyperX. Chiunque sia interessato a richiedere una sponsorizzazione ad HyperX, può seguire questo link.

Everyeye: Generalmente, anche chi non gioca può gustarsi pienamente gli eSport?
Edward Baily: Assolutamente si! Gli eSport si sono evoluti tantissimo da quando sono nati, e ora sono diventati una vera produzione professionalmente organizzata. L'investimento in studio e set per importanti eventi di gioco sostenuti da società come ESL, Rivolta, Valve e DreamHack sono visibili da tutti sia in streaming che online. Tutto questo è stato creato per rendere gli eSports più interessanti per il grande pubblico e per avvicinarsi al favore di produzioni di sport in TV come la NFL e la UEFA Champions League.

Everyeye: Gli eSport possono arrivare capillarmente nelle TV di tutta Europa?
Edward Baily: È interessante notare che molte stazioni televisive europee stanno scoprendo gli eSports, per esempio nel Regno Unito, SKY TV ha trasmesso per la prima volta le finali Intel Extreme Masters tenutesi a Katowice all'inizio di quest'anno. La BBC ha iniziato a porre maggiore attenzione sugli eSport con alcuni cortometraggi, ma siamo ancora piuttosto indietro rispetto ad altri Paesi. Per esempio, in Svezia trasmettono live le finali DreamHack sulla televisione nazionale "STV" già dal 2014. Siamo solo all'inizio del boom degli eSport, tra non molto vedremo più contenuti su tutte le piattaforme disponibili.


Cogliamo l'occasione per ringraziare HyperX ed Edward per la gentilezza e la disponibilità.