I migliori smartphone Android tra i 200 e i 300 euro, Settembre 2019

Quali sono i dispositivi da tenere in considerazione nella fascia tra i 200 e i 300 euro? Scopriamolo in questa classifica!

speciale I migliori smartphone Android tra i 200 e i 300 euro, Settembre 2019
Articolo a cura di

Settembre è arrivato anche quest'anno ed è tempo di tornare a lavorare/studiare. Come ogni domenica che si rispetti, non può mancare anche la nostra classifica che decreta i migliori smartphone Android del momento. Questa volta, andiamo a prendere in esame la fascia di prezzo che va dai 200 ai 300 euro. Durante l'edizione 2019 dell'IFA di Berlino sono state annunciate diverse novità appartenenti a brand minori, ma per il momento i dispositivi meritevoli rimangono quelli di un mese fa. Tuttavia, ci sono stati degli interessanti cambiamenti di prezzo e la situazione in casa Huawei si fa sempre più complessa. Vi ricordiamo, come sempre, che i prezzi presi in considerazione sono unicamente quelli di Amazon Italia o dei siti ufficiali dei vari produttori.

Xiaomi Mi A3

Approdato nel nostro Paese da pochi mesi, Xiaomi Mi A3 è uno smartphone che ha diviso critica e utenza. Stiamo parlando di un dispositivo che monta un pannello AMOLED con risoluzione solamente HD+. La scelta dell'azienda cinese ha attirato parecchie critiche, ma in realtà lo smartphone si è comunque rivelato solido, come potete leggere nella nostra recensione di Xiaomi Mi A3.
I suoi punti di forza sono da ricercarsi nelle prestazioni superiori alla media, nell'ottimo comparto audio, nell''autonomia veramente granitica e nel completo software. Un'altra caratteristica interessante è l'adesione di Mi A3 al programma Android One di Google, che garantisce due anni di aggiornamenti alle major release del robottino verde e tre anni di update per quanto riguarda le patch di sicurezza.

Tornando al pannello AMOLED, la sua risoluzione HD+ non si rivela in realtà un grande problema per la maggior parte dell'utenza, mentre coloro che si soffermano sui dettagli visivi storceranno sicuramente il naso. L'assenza dell'NFC è già un aspetto meno "difendibile", ma visto il prezzo e le altre caratteristiche si può chiudere un occhio. Per il resto, non mancano il jack audio per le cuffie e la porta USB Type-C. Interessante il fatto che Xiaomi Mi A3 sia già sceso a un prezzo di circa 200 euro su Amazon Italia tramite rivenditori terzi (modello 4/64GB). Insomma, le critiche dell'utenza potrebbero quantomeno essere servite per far abbassare il costo del dispositivo e consentire di risparmiare un po' a chi è interessato allo smartphone.

Honor 10

Nonostante Honor 20 e Honor 20 Pro siano arrivati in Italia ormai da diversi mesi, puntare su Honor 10 a settembre 2019 può ancora essere una scelta saggia. Lo smartphone è ovviamente calato di prezzo e quindi è possibile portarsi a casa un dispositivo pensato per competere nella fascia alta a un costo decisamente a fuoco. Certo, ovviamente questo consiglio è valido solamente per chi non necessita dell'ultima novità arrivata sul mercato, ma la maggior parte dell'utenza sicuramente non ha bisogno delle funzionalità più avanzate. Per il resto, stiamo parlando di un dispositivo elogiato soprattutto per via dell'ottima autonomia, del buon display e di un design al passo con i tempi. Per tutti i dettagli del caso, vi consigliamo di consultare la nostra recensione di Honor 10.
L'azienda cinese ha anche dimostrato di avere a cuore questo smartphone, visto che lo ha recentemente aggiornato alla EMUI 9.1 e probabilmente Honor 10 arriverà anche fino alla EMUI 10.
Ci sono ovviamente alcune sbavature, come la memoria non espandibile e i sistemi di sblocco non esattamente dei più rapidi, ma si può chiudere un occhio, anche in virtù del calo di prezzo. Tutte le connettività del caso sono presenti, dalla porta USB Type-C al jack audio per le cuffie da 3,5 mm fino all'NFC. Honor 10 è acquistabile a un prezzo di 250 euro su Amazon Italia tramite rivenditori (variante 4/64GB).

Xiaomi PocoPhone F1

Anche Xiaomi PocoPhone F1 non è esattamente l'ultimo degli smartphone usciti sul mercato, ma il "flagship killer" della società cinese fatica a uscire dai cuori degli appassionati per via della sua "forza bruta". Per chi non lo sapesse, stiamo infatti parlando di un dispositivo che ancora oggi supera le prestazioni di molti top di gamma (il suo punteggio su AnTuTu è di 263410) e che risulta solido in quasi tutte le sue componenti.
La società cinese ha trattato bene PocoPhone F1 anche per quanto riguarda gli aggiornamenti, visto che è da poco arrivata la versione 10.3.7 della MIUI, che ha migliorato il lato sicurezza. Altri update passati hanno introdotto il tanto atteso tema scuro e la possibilità di vedere contenuti in HD sui servizi di streaming. Xiaomi ha poi implementato anche la registrazione di video in Ultra HD 4K a 60 fps. Questi aspetti erano stati molto criticati al lancio, ma ora l'azienda cinese ha sistemato tutto. Oltre a questo si vocifera da tempo che PocoPhone F1 potrebbe ricevere Android Q.

Per il resto, troviamo delle ottime prestazioni e un'autonomia solida. Per tutti i dettagli del caso, vi consigliamo di consultare la nostra recensione di Xiaomi PocoPhone F1.
Le uniche pecche sono da ricercarsi in un comparto fotografico non dei migliori e in qualche problema di traduzione lato software. Per quanto riguarda la connettività, non mancano il jack audio per le cuffie e la porta USB Type-C, ma è invece assente l'NFC. Xiaomi PocoPhone F1 è attualmente venduto a un prezzo di 290 euro su Amazon Italia (modello 6/64GB).

Motorola One Vision

Dopo la sfortunata storia di Motorola One, l'azienda è riuscita a far ricredere critica e pubblico con One Vision, smartphone in grado migliorare sensibilmente l'esperienza offerta dal predecessore. Tuttavia, stiamo parlando di un dispositivo che ha fatto discutere, vista la presenza di un display con un aspect ratio pari a 21:9 e di un processore Exynos 9606 di Samsung. Per maggiori informazioni, vi invitiamo a consultare nostra recensione di Motorola One Vision.
In ogni caso, il telefono dà il meglio di sé nel design, nel comparto fotografico, nella solidità costruttiva e nell'adesione al programma Android One, che garantisce due anni di aggiornamenti alle major release di Android e tre anni di patch di sicurezza. Lo smartphone viene attualmente venduto a un prezzo di 249 euro su Amazon Italia (variante 4/128GB).

Scelta del mercato: Samsung Galaxy A50

Nonostante Galaxy A50 sia stato annunciato a inizio anno, lo smartphone di Samsung continua a dominare questa fascia di prezzo nella classifica degli smartphone bestseller su Amazon Italia e sembra non volerne proprio sapere di lasciare il trono alla concorrenza. D'altronde, Samsung ha deciso di adeguarsi ai trend moderni con questo smartphone e la scelta ha dato i suoi frutti.
I lati migliori di Galaxy A50 sono l'ottima autonomia, il buon comparto fotografico, il completo reparto connettività, che comprende anche il jack audio per le cuffie, la porta USB Type-C e l'NFC, e l'ottimo display, come potete leggere nella nostra recensione di Samsung Galaxy A50.
Le uniche pecche sono da ricercarsi nelle prestazioni solamente nella media e in qualche sbavatura lato video. Lo smartphone viene venduto a un prezzo di circa 255 euro su Amazon Italia tramite rivenditori (modello 4/128GB).

Prossimo arrivo: Huawei Mate 30 Lite

Dopo aver annunciato il nuovo sistema operativo HarmonyOS, la situazione in casa Huawei si è fatta sempre più confusa. Tra chi descrive la possibile adozione istantanea di HarmonyOS, chi afferma che sia possibile un accordo con la Russia per Aurora OS e chi sostiene che alla fine l'azienda cinese continuerà a usare Android. Un altro possibile scenario è l'adozione di tre sistemi operativi. In ogni caso, recentemente un portavoce di Google ha dichiarato che la gamma Mate 30 di Huawei, che verrà svelata il prossimo 19 settembre, non potrà avere Android in licenza. Questo significa che l'azienda cinese potrebbe dover fare a meno delle app di Google (Play Store, Gmail, Maps e simili) oppure abbandonare totalmente Android. Insomma, lo scenario che ci aspetta nelle prossime settimane è parecchio complesso e alla fine Huawei potrebbe veramente lanciare il tanto vociferato smartphone Mate 30 Lite montante HarmonyOS. I rumor descrivono un prezzo inferiore ai 300 euro, staremo a vedere.