I migliori smartphone Android sotto i 200 euro, Febbraio 2020

Siamo arrivati a febbraio 2020, mese che sarà molto importante per il mercato smartphone. Andiamo ad analizzare la situazione!

speciale I migliori smartphone Android sotto i 200 euro, Febbraio 2020
Articolo a cura di

Febbraio 2020 inizia con un weekend ed è quindi subito ora di vedere cos'è successo nel mercato smartphone nelle ultime settimane. Come sempre, nella prima domenica del mese si parla della fascia di prezzo sotto ai 200 euro, che solitamente interessa a una buona percentuale degli italiani. Ebbene, siamo ancora alle prime battute dell'anno e, complice anche la situazione del gruppo Huawei/Honor (che solitamente lanciava una miriade di dispositivi), gli annunci di peso non sono ancora arrivati. Questo mese ci saranno però delle novità molto interessanti, anche se probabilmente riguarderanno soprattutto le fasce alta e media del mercato. In ogni caso, recentemente ci sono stati degli importanti cali di prezzo e quindi le novità non sono mancate. Andiamo, dunque, a fare il punto della situazione, ricordandovi che i prezzi tenuti in considerazione sono unicamente quelli di Amazon Italia e dei siti ufficiali dei produttori.

Realme 5 Pro

Approdato nel nostro Paese a novembre 2019, Realme 5 Pro è un dispositivo che è riuscito a convincere critica e pubblico sin da subito.
D'altronde, parliamo di un smartphone che si è rivelato una buona soluzione sotto molti punti di vista. In particolare, i principali punti di forza sono da ricercarsi nelle prestazioni superiori alla media, nell'autonomia granitica, nella buona solidità costruttiva e nel comparto fotografico che non delude le aspettative. Il display è invece nella norma. Per maggiori dettagli in merito alla scheda tecnica del dispositivo, vi consigliamo di dare un'occhiata alla nostra notizia dedicata a Realme 5 Pro.
I maggiori punti dolenti dello smartphone sono invece quelli classici che vengono solitamente "contestati" all'azienda cinese: il sistema operativo, che secondo molti ha un'interfaccia grafica un po' da rivedere (questo mese dovrebbe comunque arrivare la ColorOS 7), e il design che può non piacere a tutti (anche se stiamo parlando di gusti). Per il resto, il comparto connettività non è male: troviamo Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5, jack audio da 3,5 mm per le cuffie e porta USB Type-C. Manca però l'NFC, cosa che potrebbe far storcere il naso a una certa tipologia d'utenza. In ogni caso, in questa fascia di prezzo la concorrenza fatica molto a tenere testa a Realme 5 Pro, smartphone che viene venduto a 199 euro sul sito ufficiale dell'azienda (modello 4/128GB).

Xiaomi Mi A3

Approdato in Italia a luglio 2019, Xiaomi Mi A3 è uno smartphone che ha diviso critica e pubblico. Il motivo? Si tratta di un dispositivo che dispone di un pannello AMOLED con risoluzione HD+ (e non Full HD, come avrebbe voluto una certa tipologia d'utenza). La scelta dell'azienda cinese non è forse stata comunicata come si deve, tanto che sono stati in molti a prendere una posizione netta sullo smartphone giudicandolo solamente a partire da questa specifica. A nostro modo di vedere, il dispositivo è comunque solido e degno di essere preso in considerazione, come potete leggere nella nostra recensione di Xiaomi Mi A3. Recentemente il prezzo è anche sceso a circa 165 euro su Amazon Italia tramite rivenditori (modello 4/64GB) e quindi potrebbe essere l'occasione per far ricredere anche i più scettici. A questo prezzo, infatti, Mi A3 diventa sicuramente più appetibile rispetto al costo iniziale di 249 euro.

Lo smartphone dà il meglio di sé nelle buone prestazioni, nell'ottimo comparto audio, nell'autonomia granitica e nel completo software, che aderisce anche al programma Android One di Google. Per chi non lo sapesse, quest'ultimo garantisce due anni di aggiornamenti alle major release del robottino verde e tre anni di update per quanto riguarda le patch di sicurezza.
Per quanto riguarda la questione del pannello AMOLED, la sua risoluzione HD+ non si rivela in realtà un grande problema per la maggior parte dell'utenza, mentre coloro che si soffermano sui dettagli visivi storceranno sicuramente il naso. Per il resto, un'altra pecca di Mi A3 è l'assenza dell'NFC. Non mancano invece il jack audio per le cuffie e la porta USB Type-C. In definitiva, nonostante i mesi passati dall'uscita dello smartphone e la risoluzione HD+ dello schermo, riteniamo che il dispositivo possa comunque risultare interessante a fronte dell'importante calo di prezzo.

Redmi 8A

Se rientrate invece in quella tipologia d'utente che utilizza lo smartphone solamente per le attività di base, Redmi 8A potrebbe fare al caso vostro. Lanciato negli ultimi mesi del 2019, stiamo parlando di un dispositivo entry-level che si può portare a casa sborsando appena 98 euro su Amazon Italia tramite rivenditori (variante 2/32GB).
Il principale punto di forza dello smartphone è l'autonomia, visto che troviamo una batteria da ben 5000 mAh. Non mancano inoltre altre caratteristiche interessanti, come il triplo slot (Dual nanoSIM + microSD) e il comparto connettività tutto sommato completo (jack per le cuffie, USB Type-C, 4G LTE, viene però a mancare l'NFC). I punti dolenti si trovano invece nelle prestazioni non ottimali e nel display con risoluzione HD+, ma chi ha un budget del genere probabilmente avrà già messo in conto questi "inconvenienti". Per maggiori informazioni sul dispositivo, vi rimandiamo alla nostra notizia dedicata a Redmi 8A.

Huawei P Smart Z

P Smart Z è uno smartphone che riesce a distinguersi in questa fascia di prezzo, grazie al suo design all-screen. Esistono poche soluzioni di questo tipo sotto ai 200 euro ed è per questo motivo che il dispositivo può risultare interessante, visto che viene venduto a 179 euro su Amazon Italia tramite rivenditori (variante 4/64GB).
Andando oltre al design all-screen con fotocamera pop-up, i punti di forza dello smartphone sono l'autonomia granitica, il completo comparto connettività (ci sono anche USB Type-C, NFC e jack audio da 3,5 mm), la buona solidità costruttiva e la solita esperienza software a cui l'azienda cinese ha abituato gli utenti ormai da tempo.

Per maggiori informazioni in merito al dispositivo, vi invitiamo a consultare la nostra recensione di Huawei P Smart Z. Non stiamo però parlando di uno smartphone perfetto: le prestazioni non sono esaltanti, il comparto fotografico non è dei migliori e le dimensioni sono più da phablet che da smartphone (il display è da 6,59 pollici). Tuttavia, si tratta di un dispositivo interessante ed essenzialmente unico nel suo genere, che potrebbe quindi interessare una certa tipologia d'utenza.

Scelta del mercato: Xiaomi Redmi Note 8T

Sembra proprio che la serie Redmi Note 8 non ne voglia sapere di lasciare le prime posizioni della classifica degli smartphone Bestseller di Amazon.
D'altronde, Redmi Note 8T è un dispositivo valido sotto molti punti di vista: prende quanto di buono fatto dal precedessore e lo porta a un livello successivo. I principali punti di forza sono da ricercarsi nella buona solidità costruttiva, nell'ottimo schermo, nella buona fotocamera, nel completo comparto connettività (che include anche NFC, jack per le cuffie e USB Type-C) e nell'autonomia granitica, come potete leggere nella nostra recensione di Redmi Note 8T.
Le principali pecche si trovano invece in alcune sbavature a livello software, nelle prestazioni solamente in linea con la fascia di prezzo e nelle poche differenze rispetto al precedente modello. Non stiamo quindi parlando di uno smartphone perfetto o del miglior dispositivo presente sul mercato sotto ai 200 euro, ma Redmi Note 8T è sicuramente una buona scelta e può essere acquistato ad occhi chiusi da chi ha sempre amato questa serie. Lo trovate a circa 160 euro su Amazon Italia tramite rivenditori (modello 4/64GB).

Prossimi arrivi: MWC 2020 e Realme C3

Come accennato nell'introduzione, febbraio sarà un mese molto importante per il mercato smartphone, grazie agli eventi di presentazione di aziende del calibro di Samsung e Xiaomi e all'edizione 2020 del Mobile World Congress di Barcellona (che si terrà dal 24 al 27 febbraio e verrà anticipata dalle consuete conferenze). Possiamo quindi aspettarci qualche novità anche per quanto riguarda questa fascia di prezzo, anche se al momento i dettagli in merito scarseggiano. In ogni caso, il solito Evan Blass, meglio conosciuto come Evleaks, è comunque riuscito a scovare delle informazioni in merito a due smartphone di fascia bassa di LG. Stiamo parlando dei modelli L555DL e L455DL. I dettagli in merito a questi dispositivi sono piuttosto scarsi e al momento sappiamo solamente che disporranno di un notch "a goccia" e monteranno Android 9 Pie.

Non è chiaro se questi modelli arriveranno o meno in Italia, ma secondo alcune fonti potrebbe trattarsi di smartphone che verranno venduti a un prezzo vantaggioso tramite l'operatore telefonico americano TracFone. Si è poi vociferato di LG W20, un dispositivo di fascia bassa con display HD+ e 3GB di RAM. Non sono poi mancate indiscrezioni in merito ai nuovi dispositivi della gamma Galaxy A, da A11 ad A21s, che potrebbero andare a configurarsi proprio sotto i 200 euro. Un altro smartphone di cui si è parlato nelle scorse settimane è Nokia 4.3, ma al momento stiamo parlando solamente di rumor e leak e non sappiamo nemmeno se questi dispositivi arriveranno nel nostro Paese. Ci sarà quindi tempo di parlarne con calma verso fine mese.

L'annuncio più importante in questa fascia di prezzo potrebbe però arrivare dall'India: il 6 febbraio verrà trasmesso in live streaming un evento di Realme in cui verrà lanciato Realme C3, uno smartphone di fascia bassa che secondo molti potrebbe costare meno di 200 euro. Sembra che tra le caratteristiche tecniche ci siano una batteria da 5000 mAh, 3/4GB di RAM, 32/64GB di memoria interna, una doppia fotocamera posteriore con sensore principale da 12MP e uno schermo da 6,5 pollici con notch "a goccia". Insomma, potrebbe sicuramente trattarsi di un dispositivo interessante, anche se non è ancora chiaro se l'azienda sia interessata a portare questo modello in Europa. Staremo a vedere, tra MWC e presentazioni di questo tipo, febbraio potrebbe finalmente portare qualcosa di nuovo.