iOS 12 in arrivo su iPhone e iPad: come prepararsi all'aggiornamento

iOS 12 ormai è in arrivo: vediamo insieme come prepararsi al rilascio dell'importante aggiornamento per i dispositivi touch targati Apple.

speciale iOS 12 in arrivo su iPhone e iPad: come prepararsi all'aggiornamento
Articolo a cura di

Ci siamo, i più recenti iPhone, iPad e iPod sono finalmente pronti ad accogliere il nuovo iOS 12, il sistema operativo mobile di Apple presentato lo scorso Giugno alla WWDC e che, come annunciato in occasione del keynote di mercoledì scorso, sarà rilasciato oggi 17 Settembre a livello mondiale.
Poiché si tratta di un aggiornamento importante, abbiamo messo a punto questa piccola guida per aiutarvi a preparare al meglio i vostri dati e i vostri dispositivi all'installazione dell'aggiornamento, per sapere invece se vale la pena effettuare l'update già oggi oppure aspettare una versione più matura, leggete la nostra prova di iOS 12.

Preparare il backup

Il primo consiglio è ovviamente quello di fare un backup di tutti i dati presenti sul vostro dispositivo. Apple fortunatamente da questo punto di vista mette a disposizione due validi strumenti, volti a un solo obiettivo: rendere più facile possibile il salvataggio dei dati, per riprenderli poi su un nuovo dispositivo o dopo un ripristino. Il backup garantito da iTunes e/o iCloud fondamentalmente effettua una sorta di "fotografia" dello stato attuale, è dunque un procedimento fortemente consigliato, nel settore dell'informatica e della tecnologia la prudenza non è mai troppa.
Per iTunes, basta semplicemente collegare l'iPhone, iPad o iPod al Mac o PC, aprire il software di Apple e, dopo aver selezionato il proprio dispositivo dalla colonna presente a destra, cliccare su "esegui backup adesso". Attenzione: se non si inserisce una password per crittografare il backup, il sistema non salverà i dati dell'app Attività o Salute.
Lato iCloud, sarà probabilmente necessario acquistare un piano aggiuntivo ai 5 GB inclusi di default con ogni account. La scelta tra il piano da 50 GB (da 0,99 Euro al mese), 200 GB (2,99 Euro/mese) e 2 TB (9,99 Euro/mese) è puramente personale e dipende dalla quantità di dati presenti sull'iPhone/iPad/iPod. Attraverso il menù impostazioni di iCloud (raggiungibile tramite l'app Impostazioni) è anche possibile scegliere quale tipo di file memorizzare sulla nuvola di Apple, altra scelta estremamente soggettiva.
A differenza del backup di iTunes, che viene fatto manualmente, quello di iCloud parte in automatico quando il cellulare o tablet è collegato alla rete elettrica, sotto WiFi e a schermo spento, anche se esiste però un comando per "forzare" il backup e farlo istantaneamente.

Prepararsi all'aggiornamento

L'aggiornamento come di consueto verrà rilasciato intorno alle ore 19:00, secondo il classico protocollo Apple. Arrivati a questo punto i consigli da seguire sono pochi: tenere il telefono carico oltre il 50%, visto che un eventuale sbalzo di energia potrebbe danneggiare il file di sistema provocando la perdita di tutti i dati, e soprattutto non affrettarsi a scaricare l'aggiornamento subito.
I server Apple infatti sono soliti essere molto intasati nelle prime ore, motivo per cui il download potrebbe risultare molto lento. Negli anni scorsi svariati utenti hanno lamentato problemi anche a seguito del download del pacchetto (che deve essere effettuato sotto WiFi viste le dimensioni elevate, fra i 2 e i 3 GB).
L'attivazione del dispositivo deve infatti passare tramite i server Apple che, essendo sovraccarichi nelle ore iniziali, potrebbero rendere la procedura impossibile, con telefoni e tablet temporaneamente inutilizzabili. Sono situazioni limite, da tenere comunque in conto.

Scaricare l'update

Sulla questione download le scuole di pensiero sono due: da una parte coloro che fanno completo affidamento sul download via OTA (quindi direttamente dal cellulare, attraverso il menù Impostazioni e utilizzando la rete WiFi) e chi invece sceglie iTunes.
Secondo la nostra opinione, essendo un aggiornamento molto importante e pesante, il consiglio è di scaricare il pacchetto tramite iTunes ed effettuare l'installazione tramite PC o Mac, tenendo il cellulare collegato al computer. In questo modo si riduce il rischio di incappare nel danneggiamento del pacchetto che potrebbe costringervi a effettuare nuovamente il download, senza azzerarlo del tutto.
In caso di installazione via OTA, il consiglio è di tenere comunque il cellulare collegato alla rete elettrica per le motivazioni che vi abbiamo descritto sopra. Delle novità introdotte in iOS 12 abbiamo invece parlato - come detto sopra - in un articolo dedicato, leggibile a questo indirizzo.