Le DisplayPort 2.0 battono le HDMI 2.1: 16K e banda fino a 77.37 Gbps

Le nuove DisplayPort 2.0 arriveranno sul mercato nel 2020 e saranno il primo standard a supportare risoluzioni superiori al 10K.

speciale Le DisplayPort 2.0 battono le HDMI 2.1: 16K e banda fino a 77.37 Gbps
Articolo a cura di

Le HDMI 2.1 hanno suscitato l'interesse degli appassionati fin dal loro annuncio. Dai TV alle console di nuova generazione, le HDMI 2.1 stanno lentamente procedendo verso una sempre maggiore diffusione, peccato siano già superate. VESA ha annunciato infatti il nuovo standard di connessione video DisplayPort 2.0, un'interfaccia che offre una banda passante semplicemente enorme e superiore anche a quella delle HDMI 2.1.
L'evoluzione non si ferma mai, dalle specifiche però appare evidente come le novità saranno sfruttabili solo in ambito professionale, visto che le risoluzioni raggiunte sono lontane dall'utilizzo consumer. Resta il fatto che tra poco sarà possibile veicolare segnali video di altissima qualità attraverso una semplice connessione.

Una banda incredibile

Se le HDMI 2.1 riescono a veicolare fino 48 Gbps le DisplayPort 2.0 portano questo valore a ben 77.37 Gbps. Questo permette di connettere display fino alla risoluzione 16K a 60 Hz 4:4:4 utilizzando la compressione DSC, tecnologia che di cui abbiamo sentito parlare ultimamente associata alle GPU Navi di AMD. Questa permette di comprimere il segnale video con una perdita di qualità trascurabile, che non dovrebbe essere visibile dall'occhio umano. Il 10K è invece raggiungibile con lo stesso refresh rate senza alcuna compressione, mentre con l'8K è addirittura possibile collegare due display con refresh rate di 120Hz, sempre con compressione DSC. Ottime notizia anche per i pochi che utilizzano configurazioni multi-monitor in 4K visto che se ne possono collegare fino a tre con un refresh rate di 90Hz e senza alcun tipo di compressione.
Come si può vedere le DisplayPort 2.0 sono uno standard molto flessibile e che permette di raggiungere risoluzioni e refresh rate elevati, con o senza compressione in base al target che si vuole ottenere.

Fattore importante per una maggiore diffusione è la piena retrocompatibilità con lo standard DisplayPort 1.4 disponibile oggi, una scelta corretta e che consente di non rendere obsoleti milioni di componenti già sul mercato. Non sappiamo quando potremo vedere il nuovo standard su monitor e schede video, VESA però parla di 2020 inoltrato per i primi prodotti, ma viste le risoluzioni in gioco non c'è fretta, perchè saranno utilizzate solo in ambito professionale e non trovano applicazioni nel mercato consumer.