Lenovo Legion Phone Duel: come funziona la batteria a doppia ricarica

Lenovo ha trovato una soluzione originale per la ricarica rapida nel suo Legion Phone Duel, che permette velocità inarrivabili per gli altri smartphone.

speciale Lenovo Legion Phone Duel: come funziona la batteria a doppia ricarica
Articolo a cura di

Gli smartphone usciti nel corso del 2020 hanno messo in mostra i limiti delle batterie utilizzate fino a questo momento. Complice la crescita costante delle tecnologie e delle funzioni che possono svolgere i telefoni, quest'anno abbiamo osservato un calo generale nell'autonomia, soprattutto nei top di gamma, che hanno visto l'introduzione massiccia di display da 90, 120 e 144 Hz. Nel 2019 era piuttosto semplice trovare telefoni di fascia alta con un'autonomia in grado di coprire anche due giorni d'uso, quest'anno invece è più complicato, nonostante l'aumento nelle dimensioni delle batterie utilizzate, che possono arrivare anche a 6000 mAh.
Come risolvere questo problema? Semplicemente non si può, almeno con le attuali tecnologie, che permettono di realizzare batterie ancora più capienti ma con un prezzo salato da pagare in termini di peso e dimensioni. Ecco perché sempre più produttori puntano sulla ricarica rapida, che permette in pochi minuti di accumulare ore di autonomia. Lenovo ha deciso di utilizzare un approccio unico nella gestione della ricarica rapida sul suo Legion Phone Duel, trovando una soluzione originale per spingere questa caratteristica a livelli impensabili fino a poco tempo fa.

La ricarica rapida nel Legion Phone Duel

Gli smartphone usciti nell'ultimo anno sono caratterizzati da tecnologie sempre più all'avanguardia, che vanno da schermi più grandi a processori più potenti, tutti elementi che consumano sempre più energia. A questo avanzamento tecnologico, costante di anno in anno, si contrappone quello delle batterie, che sono rimaste sempre le stesse. A oggi non ci sono tecnologie alternative a quelle utilizzate, e anche nel breve periodo non ci sono rimedi miracolosi per sopperire alla sempre maggiore richiesta energetica.
Le batterie agli ioni di litio sembrano essere arrivate a un punto di stallo, lo abbiamo visto nei top di gamma usciti nel corso del 2020. Quelli che hanno cercato di contenere peso e spessore il più possibile hanno puntato a batterie da 4500 mAh in giù, ottenendo buoni risultati, ma si tratta pur sempre di dispositivi dal peso vicino ai 200 grammi.

Salendo agli smartphone con batterie da 5-6000 mAh i compromessi da fare sono molti in termini di ergonomia. Insomma, a oggi sembra difficile una crescita ulteriore nella capacità di accumulo dell'energia nelle batterie agli ioni di litio.

La ricarica rapida nasce proprio per aggirare i limiti di questa tecnologia, ogni produttore ha puntato su tecniche e implementazioni differenti. La ricarica rapida infatti ha un prezzo da pagare e anche questa non potrà crescere per sempre, perché più una batteria viene caricata rapidamente, più il degrado della sua capacità di accumulo aumenta nel corso del tempo. Sul mercato italiano la ricarica rapida più veloce disponibile su smartphone arriva a 66 W, Lenovo tuttavia con il suo Legion Phone Duel è riuscita ad arrivare a 90 W, ma come ha fatto?
Utilizzando uno stratagemma molto particolare, che ha richiesto un'ingegnerizzazione unica per il suo smartphone. Il caricatore infatti è dotato di due uscite USB Type C, stessa cosa per il telefono, che ne offre una sul bordo inferiore e una su quello sinistro, utile anche per ricaricare mentre si gioca in modalità landscape. Altro accorgimento fondamentale sono le batterie installate all'interno dello smartphone, abbiamo usato il plurale perché sono proprio due accumulatori separati. In questo modo, una volta connessi entrambi i cavi, la due batterie vengono ricaricate una a 30 W, l'altra a 60 W, per un totale di 90 W, un valore che non avevamo mai provato con mano in nessun altro smartphone. Grazie a questo accorgimento, Lenovo Legion Phone Duel riesce a caricare completamente la sua batteria da 5000 mAh in poco più di 30 minuti, mentre per una ricarica al 50% bastano 10 minuti.
Questo approccio offre dei vantaggi evidenti rispetto ai telefoni con batteria singola: all'elevata velocità nella ricarica va a sommarsi un ciclo di vita superiore del telefono. Se Lenovo avesse implementato una ricarica a 90 W lo stress per la batteria sarebbe aumentato, riducendone la durata operativa. In questo modo invece il carico viene suddiviso, 30 W a una batteria e 60 W all'altra, stressandole meno nel corso del tempo.

Lenovo ha trovato una soluzione intelligente a uno dei limiti della ricarica rapida, che nei prossimi anni, salvo cambiamenti clamorosi nella tecnologia alla base delle batterie, diventerà sempre più importante nell'utilizzo quotidiano dello smartphone.