Microsoft Surface Duo: è così che funziona lo smartphone del futuro?

Microsoft Surface Duo è il dispositivo pieghevole che segna il ritorno sul mercato dell'azienda di Redmond. Facciamo il punto della situazione.

Articolo a cura di

Sembrava dovesse essere una delle classiche conferenze hardware di Microsoft, con molti prodotti già svelati dai leak delle ore precedenti all'evento. Invece la società di Redmond è riuscita a mantenere il segreto fino all'ultimo momento, lasciando di stucco tutti gli appassionati del mondo smartphone. Le voci legate al possibile arrivo di un "Surface Phone" sono in realtà andate avanti per anni, ma nessuno si aspettava un annuncio in questo periodo.
Dopo la parentesi Windows Phone, Microsoft ha quindi deciso di tornare a puntare su questo mercato con Surface Duo, uno smartphone Android pieghevole con due schermi. Sì, avete capito bene, l'azienda di Satya Nadella ha deciso di produrre un proprio dispositivo mobile ed è anche riuscita ad ottenere un'importante partnership con Google per ottimizzare il sistema operativo.
Siamo ancora agli albori del progetto, ma probabilmente ne vedremo delle belle nei prossimi anni. Sono venute meno le prospettive di un terzo OS che andasse a "scomodare" Android e iOS, ma ora sembrano esserci tutti i presupposti affinché Microsoft possa lanciare seriamente una divisione smartphone.

Il target di Surface Duo

Se dovessimo pensare a una tecnologia già esistente che potrebbe potenzialmente rivoluzionare il futuro del mondo smartphone non avremmo dubbi: i dispositivi pieghevoli. Nonostante il mercato sia ancora "latitante" di grandi esponenti (al momento c'è solamente Galaxy Fold, che però deve ancora arrivare in Italia), sicuramente l'idea alla base è piuttosto interessante. Si ha in tasca un dispositivo con un pannello (o più pannelli) dalla dimensione di un tablet e le possibilità in ambito di multitasking si ampliano a dismisura.
Insomma, nonostante ci siano ancora molte persone scettiche, come d'altronde avviene con ogni nuova tecnologia che si affaccia sul mercato, quella dei pieghevoli potrebbe essere realmente la prossima grande rivoluzione di cui il mercato smartphone, ormai saturo e con poche innovazioni, ha tanto bisogno.

Non a caso, tutte le più grandi aziende si stanno gettando a capofitto su questi dispositivi, da Samsung a Huawei, passando per Motorola e Xiaomi. Non sorprende, dunque, che Microsoft abbia deciso proprio di puntare su uno smartphone pieghevole per tornare sul mercato.

Surface Duo rientra in questa categoria, seppur con una differenza: ha una cerniera posta in mezzo ai due schermi da 5,6 pollici che consente di "ripiegarlo" e di metterlo in tasca. Si tratta di una soluzione che ci ricorda per certi versi quella adottata da LG V50 ThinQ, visto che stiamo parlando di due display separati.
Tuttavia, in questo caso tutto è implementato nella scocca dello smartphone e non ci sono quindi accessori esterni, se non il classico pennino della gamma Surface (che ora si aggancia magneticamente al retro di uno dei display per ricaricarsi).

Interessante il fatto che gli schermi possano essere ruotati di 360 gradi e che uno di essi possa diventare una tastiera digitale. Non manca ovviamente la possibilità di far girare più applicazioni contemporaneamente.

Un'altra novità interessante è costituita dal sistema operativo, basato su Android. In particolare, la società di Redmond ha dichiarato di aver collaborato direttamente con Google per l'occasione. Insomma, Microsoft vuole distinguere il suo smartphone da quelli della concorrenza anche a livello software, ma questa volta ha deciso di appoggiarsi fortemente su una base solida come il codice di Android.

L'interfaccia ricorda quella di Windows, ma sotto c'è lo zampino di Google. Nel video promozionale di Surface Duo, ad un certo punto si vede anche il Play Store. D'altronde, sviluppare un altro sistema operativo, per giunta per dispositivi pieghevoli, non sarebbe stata una cosa semplice.

Surface Duo arriverà sul mercato nel 2020, probabilmente durante il periodo natalizio, ma non abbiamo ulteriori informazioni in merito al dispositivo. Insomma, Microsoft ha semplicemente voluto lanciare in grande stile il suo ritorno sul mercato smartphone, ma se ne riparla tra un anno. Al momento il Surface Duo mostrato sul palco della conferenza è ancora un prototipo, visto che non disponeva di alcuna fotocamera e che è stato dedicato un breve spazio al suo annuncio, relegato agli ultimi minuti del keynote.

La presentazione ha fatto molto "rumore" sul Web: in tanti ricordano gli ultimi progetti della società di Redmond in campo smartphone, Windows Phone su tutti. Alcuni utenti hanno anche espresso delle perplessità in merito alle possibilità in termini di vendita di un prodotto del genere a livello consumer. Tuttavia, è bene ricordare che la gamma di dispositivi Surface ha sempre strizzato l'occhio al settore della produttività piuttosto che all'utente medio. Insomma, coloro che lavorano in ufficio e sono soliti utilizzare spesso la suite Office, ad esempio, troveranno sicuramente pane per i loro denti. L'utente medio forse un po' meno, ma come detto in precedenza siamo ancora in una fase iniziale del progetto e non possiamo quindi sbilanciarci troppo.