MWC 2011

Speciale Mobile World Congress 2011

Sintesi dell'evento dedicato alla telefonia mobile appena svoltosi a Barcellona

Articolo a cura di

Dal 14 fino al 17 Febbraio, Barcellona è stata il palco del Mobile World Congress 2011, il più importante evento mondiale dedicato alla telefonia mobile (e non solo). Le novità, come prevedibile, sono state tantissime: quattro giorni in cui le case produttrici di tutto il mondo si sono ritagliate uno spazio per presentare e far provare al pubblico le proprie creature, siano esse smartphone, tablet o notebook. Analizzeremo di seguito gli step principali dell'evento, cercando di riassumere al meglio l'enorme mole di informazioni che ci troviamo di fronte.

Gli smartphone

Buona parte dell'evento spagnolo si è concentrato sugli smartphone, tra nuovi annunci, presentazioni e specifiche tecniche dei dispositivi più attesi dell'anno. Cominciamo col parlare di Samsung, che oltre ad ufficializzare il suo Samsung Galaxy S 2, ha presentato una nuova linea di smartphone di fascia media, che vanno ad adattarsi ad una certa tipologia di clienti. Ma il pezzo forte, come già accennato, è sicuramente la seconda versione del Galaxy S: il successore di uno degli smartphone più amati dell'ultimo anno presenta un design accattivante e non troppo dissimile dal primo. Un grande schermo Super AMOLED Display da 4.27 pollici, con una risoluzione da 800x480 e in combinazione con una fotocamera principale da 8 megapixel (oltre che con quella interna, da 2), rappresenta il top della gamma parlando di resa visiva; e a completare il tutto ci pensano caratteristiche tecniche di tutto rispetto, con un processore dual-core Samsung da 1 GHz (nonostante inizialmente si parlasse di NVIDIA Tegra 2), 1 GB di RAM, e presenza di chip NFC (Near Field Communication) su alcuni modelli. Dalle prime prove effettuate, lo smartphone riesce a convincere pienamente, mostrando un'interfaccia utente comoda e veloce e rappresentando il meglio che un device basato su Android è capace di offrire. Da segnalare sicuramente la versione 4G del Galaxy S, offerta da T-Mobile, che si distingue per una maggiore velocità della rete (4G, appunto), e per un design leggermente diverso, che ricorda da vicino quello di Vibrant. Sempre restando in tema Samsung, andiamo ora a parlare di ciò di cui vi abbiamo accennato poco fa: la nuova linea di smartphone di fascia media. Si tratta di quattro nuovi smartphone, Samsung Galaxy Ace, Gio, Fit e Mini, tutti con caratteristiche tecniche simili (si va dagli 800MHz del processore di Ace e Gio fino ai 600 di quello di Fit e Mini) e basati su Android 2.2, che vogliono configurarsi come prodotti a budget medio-basso, più accessibili. Le prove hanno mostrato come siano tutti piuttosto comodi (Gio è risultato il preferito da più fonti), ma debbano necessariamente sopportare il peso delle proprie limitazioni.Altra casa produttrice che ha visto molte attenzioni su di sé, poi, è stata sicuramente Sony Ericsson, che tra la presentazione di un nuovo prodotto e il rilascio di informazioni riguardo altri, è riuscita a troneggiare tra i protagonisti dell'evento. Di Xperia Play, ad esempio, l'azienda ha annunciato la data d'uscita statunitense: nessuna data, nessun giorno preciso, solo il mese di Marzo, e Verizon stabilito come carrier telefonico.  Si è parlato inoltre del gioco in multiplayer e dei titoli di lancio, cinquanta totali. Non è ben chiaro, però, quali tra i vari Assassin's Creed, Guitar Hero o Dead Space siano appannaggio della nuova piattaforma (magari in download tramite PSN) o si troveranno semplicemente nell'Android Market. A risultata del tutto inaspettata, invece, è stata la presentazione del Sony Ericsson Xperia Pro, di cui, prima dell'evento, non si sapeva assolutamente nulla. Dalla prima occhiata, è evidente come il nuovo dispositivo si presenti all'occhio in modo piuttosto simile a Xperia Play, con una tastiera QWERTY slide al posto del pad. Lo schermo, inserito in una struttura di linee curve e morbide, conta 3.7 pollici ed una risoluzione di 854x480 pixel; il processore è uno Snapdragon da 1 GHz che fa da base ad una versione modificata di Android 2.3 Gingerbread. Inoltre, Xperia Pro offre una fotocamera esterna da 8 megapixel e una interna da 2. Anche qui, le prime prove hanno rivelato una generale comodità e precisione d'utilizzo, ma ancora qualche difetto strutturale, dovuto probabilmente ad uno stadio di sviluppo ancora lontano dall'essere terminato. A reggersi sullo stesso sistema operativo, Gingerbread, c'è poi Xperia Neo, nuovo dispositivo appena ufficializzato della casa produttrice: uno schermo da 3.7 pollici con una risoluzione di 854x480 pixel, unito ad un design elegante e d'impatto, fa di Neo uno degli smartphone più belli visti all'evento. A completare la gamma dei dispositivi Sony Ericsson presenti all'evento, ci pensa poi Xperia Arc, che con le sue linee e curvature non fatica a rappresentare non solo lo smartphone più sottile presentato dalla casa produttrice, ma anche uno tra i più belli ammirati in quel di Barcellona. Ad una prima occhiata, è ben visibile il grande schermo da 4.2 pollici che occupa la maggior parte della superficie frontale, ed alle prime prove è emerso come Arc sia, oltre che bello esteticamente, anche veloce e funzionale. Le notizie riguardo la data d'uscita parlano di Marzo, per tutto il mondo. Il Mobile World Congress 2011 è stato poi il palco che ha permesso a LG di presentare il suo nuovo Optimus 3D, uno dei primi smartphone ad utilizzare la tecnologia autostereoscopica per visualizzare immagini in tre dimensioni senza bisogno di occhialini. Lo schermo ha una dimensione di 4.3 pollici, grandezza ideale per gestire facilmente l'angolo di visuale, ed in più sul retro sono presenti ben due videocamere per registrare video o scattare foto in tre dimensioni. Parlando delle specifiche tecniche più internet, invece, il dispositivo si fa giustizia con un processore dual core TI OMAP 4 a 1GHz e una scheda grafica PowerVR SGX540. È chiaro che il punto di forza della nuova creatura LG sia proprio rappresentato dalla visualizzazione tridimensionale, che, esattamente come accade con Nintendo 3DS, si può vedere solo coi propri occhi, e non sullo schermo di un computer. A rimanere entro un velo di mistero, invece, troviamo il Revolution, sempre della stessa casa produttrice: il dispositivo è uno dei pochi a sfruttare la rete 4G di Verizon, e presenta un processore Qualcomm Snapdragon MSM8655, un display da 4.3 pollici, due fotocamere (5 e 1.3 megapixel) e 32GB di memoria interna.
Anche HTC ha sfruttato il palco di Barcellona per presentare le proprie nuove creazioni, mostrando al pubblico Incredibile S, Desire S e Wildfire S. Il primo degli smartphone offre caratteristiche tecniche di alto livello, con un processore Qualcomm MSM8255 da 1GHz, 768MB di RAM e due fotocamere, una esterna da 8 megapixel (con possibilità di registrare video in HD) e una interna da 1.3. Desire S, in quanto a specifiche, si colloca in una posizione intermedia, presentando lo stesso processore di Incredible, due fotocamere (una da 5 e l'altra da 1.3) e 768MB di RAM. Wildfire rappresenta invece il dispositivo di fascia più bassa, fra i tre, costituendo la soluzione adeguata per chi vuole caratteristiche tecniche medie ad un prezzo tutto sommato accessibile. La stessa casa produttrice ha poi presentato altri due dispositivi che risaltano subito all'occhio per la presenza di un tasto fisico dedicato a Facebook. La diffusione del noto social network, infatti, è ormai impossibile da ignorare, e HTC Salsa e Chacha colgono al balzo la cosa. Le caratteristiche tecniche dei due sono piuttosto simili, e non troppo elevate: si parla di un processore Qualcomm MSM7227 a 600MHz, 512MB di RAM e ROM, e due fotocamere (quella esterna da 5 megapixel, quella interna VGA). Entrambi hanno un display da 2.6 pollici. Gli altri nuovi smartphone presentati all'evento sono stati Iconia Smart e Liquid MT da parte di Acer, rispettivamente da 4.8 e 3.6 pollici, ed entrambi con sistema operativo Android; il Sonim XP3300, che pur non presentando caratteristiche tecniche di alto livello può farsi vanto della maggiore autonomia di conversazione al mondo (si parla di 20/24 ore, con 800 ore di standby); e Umeox Apollo, smartphone ad energia solare venduto al costo di 100$. Da citare anche il ViewSonic V350, dispositivo dual-SIM con schermo da 3.5 pollici e Android 2.2; e i vari ZTE Skate, Amigo e Blade, smartphone dalle caratteristiche tecniche abbastanza valide che trovano il proprio apice nello Skate, con una fotocamera da 5 megapixel e un display WVGA da 4.3 pollici. Concludiamo parlando della presentazione europea del Motorola Pro, smartphone con tastiera QWERTY fisica, display da 3.1 pollici e processore da 1GHz.

I tablet

Oltre agli smartphone, il Mobile World Congress 2011 è stato teatro delle presentazioni di un vasto numero di tablet, quelle tavolette che, soprattutto nell'ultimo anno, sono riuscite a ritagliarsi un enorme spazio nell'industria. Anche qui, cominciamo col parlare di Samsung, che ha ufficialmente mostrato al mondo il suo Galaxy Tab 10.1, il successore di quello che ha rappresentato l'esordio della casa in questo campo. Il nuovo dispositivo mostra, come dice lo stesso nome, un grande display da 10.1 pollici, è basato su Android 3.0 e retto da un processore dual core Tegra 2 da 1 GHz. 16 o 32 i GB disponibili, e due fotocamere distinte: una anteriore, da 2 megapixel, e una esteriore, da 8. Le prove effettuate sul campo hanno convinto pienamente. Nessuna informazione, al momento, riguardo prezzo e data d'uscita. Trova il suo spazio anche Xoom di Motorola, uno dei tablet più performanti presenti all'evento, di cui sono stati annunciati i 799$ per la versione da 32GB, e i 600 per quella senza Wi-Fi. Ancora, degna di nota è stata la presentazione del tablet LG, Optimus Pad (G-Slate negli Stati Uniti), che ha convinto il pubblico (pur coi suoi alti e bassi) grazie ad una struttura comoda e funzionale. Pur non riuscendo a proporre il 3D senza occhialini - come invece fa il fratello minore, LG Optimus 3D - l'effetto può essere comunque gustato in modo classico, acquistando gli occhiali. Optimus Pad è sottile e leggero, e presenta al suo interno un processore dual core che nutre uno schermo da 8.9 pollici. 
E poteva HTC starsene ferma, a fronte di così tanti tablet presentati? Certo che no, ed ecco che infatti andiamo a parlarvi di HTC Flyer, nuova tavoletta con schermo da 7 pollici e basata, come molte altre, su Android. HTC, in collaborazione con N-Trig, ha sviluppato uno stilo con cui usare il dispositivo, che vada a migliorare la comodità e la precisione in caso di determinati software. Effettivamente, la casa produttrice sembra essere riuscita nel suo intento: dalle prime prove è infatti emersa una comodità generale in sede di presa appunti, di disegno o di scrittura; comodità impossibile se affidata al solo uso delle dita. Parlando di specifiche tecniche, Flyer presenta poi un processore da 1.5GHz, 1GB di RAM e 32GB di flash storage. Sarà nei mercati nel secondo quarto del 2011. Tra le altre tavolette presenti all'evento, troviamo il ViewPad 10Pro di ViewSonic, un 10.1 pollici con risoluzione di 1024x600 pixel e basato su Windows 7 o Android 2.2; e l'IDEOS S7 Pro di Huawei, dal processore dual core da 1.2GHz e in uscita questa primavera.

Le notizie

Ma non si è trattato solo di nuovi prodotti; l'evento spagnolo è stato anche usato dalle case produttrici per diffondere le novità e le intenzioni delle varie aziende, durante l'anno appena iniziato. Deutsche Telekom, ad esempio, ha parlato della probabile presenza di chip NFC sul prossimo iPhone, per infoltire i rumor riguardanti il prossimo modello di melafonino. Notizie più certe provengono invece da Gemalto, che ha appena annunciato di voler creare SIM con Facebook già integrato all'interno, così da accrescere ulteriormente la popolarità del social network. Parlando di sistemi operativi, è di sicuro interesse la notizia che vorrebbe la nuova versione di Android essere disponibile entro sei mesi, e combinare Gingerbread e Honeycomb in qualcosa di non meglio specificato. E sempre a proposito di OS, Nokia ha recentemente annunciato il connubio che vedrà come protagonisti Windows Phone 7 e i suoi smartphone, in un'unione che, ne siamo certi, potrà portare sicuri vantaggi ad utenti e sviluppatori, già da quest'anno.Concludiamo continuando a parlare del sistema operativo Microsoft, il cui primo, attesissimo aggiornamento (quello che porterà alcune importantissime funzioni come il taglia/copia/incolla) dovrebbe arrivare nel mese di Marzo.

Mobile World Congress 2011 Il Mobile World Congress 2011 è stato una bolgia di annunci, presentazioni e dichiarazioni. A partire dal Samsung Galaxy S 2, fino ad arrivare all’LG Optimus 3D, passando per i vari HTC Flyer e Motorola Xoom, l’evento di Barcellona ha appena tracciato, più o meno, il trend del prossimo futuro, con un’attenzione focalizzata su tablet e smartphone di fascia alta, e un livello di considerazione sempre maggiore rivolto alla visualizzazione 3D. Staremo a vedere. Certo è, comunque, che le alternative sul mercato non mancheranno di certo.