Esport

MotoGP eSport: al Misano World Circuit l'inizio della nuova stagione

Siamo arrivati al Misano World Circuit, ospiti di Lenovo, per assistere al debutto della nuova stagione del MotoGP eSport Championship.

speciale MotoGP eSport: al Misano World Circuit l'inizio della nuova stagione
Articolo a cura di

Stiamo scrivendo queste parole nella tranquilla camera di un albergo di Riccione, a una manciata di chilometri dal Misano World Circuit Marco Simoncelli, dove abbiamo passato l'intera giornata di venerdì 13 settembre insieme a Lenovo in un paddock brulicante di tecnici e appassionati, dribblando costantemente moto e scooter, suoni, odori e profumi (gomme e buona cucina, la maggior parte delle volte) dei vari quartier generali dei team che domenica 15 settembre correranno il GP di San Marino e della Riviera di Rimini.
Prima di assistere alla vera battaglia sull'asfalto abbiamo però vissuto un'altra avvincente sfida su due ruote, quella tutta virtuale ma non meno appassionante del MotoGP eSport Championship, iniziato proprio qui nel paddock di Misano con due gare da 10 giri l'una - sfruttando ovviamente il titolo Milestone MotoGP 19 su PC. A darsi battaglia 12 gamer finalisti arrivati da tutto il mondo, i migliori usciti da una lunga fase di preliminari ed eliminatorie, che si sono sfidati sui circuiti del Mugello e di Aragon.

Senza esclusione di colpi

Dei 72 giocatori iniziali, sono giunti a Misano Adriatico AdrianDP26 del Team Suzuki Ecstar, EleGhosT555 del Repsol Honda Team, l'italiano AndrewZH del Ducati Team affiancato dal connazionale Trastevere73 del Monster Energy Yamaha MotoGP. Poi ancora Juan_nh16, Cristianmm17, Moe, XxBomber_45xX, Wimp, Mereja, Rllorca e Mrtftw. Nelle passate stagioni (questa attuale è la terza, per la cronaca) il MotoGP eSport Championship ha smosso 16 partner televisivi che hanno trasmesso 351 ore di contenuti, con 46 milioni di visualizzazioni online, un reach di 143 milioni e un engagement di oltre 5 milioni di utenti su tutti i canali social e sul sito ufficiale del MotoGP eSport.
L'edizione di quest'anno non sarà da meno, a giudicare dalla prima tappa del torneo, che ha subito visto uno scontro a due di rara bellezza fra AndrewZH e Cristianmm17, con l'italiano del Team Ducati che è riuscito a spuntarla nonostante un errore nel corso del penultimo giro - l'avere il rivale costantemente alle spalle evidentemente non ha aiutato ad aumentare la concentrazione, anzi.

Questo almeno nella prima sfida, nella seconda il nostro connazionale ha avuto un brutto incidente ed è stato costretto a correre l'intera gara nelle retrovie, lasciando a Cristianmm17 una facile vittoria. Il giocatore spagnolo è ora al primo posto della classifica generale dopo le due gare iniziali.

MotoGP eSport su PC Legion

A muovere le 12 moto a schermo altrettanti PC Legion da gaming forniti da Lenovo, partner ufficiale di Ducati e del MotoGP eSport Championship. Computer sviluppati ascoltando il feedback dei giocatori, con l'azienda che ha interpellato 7.800 utenti sparsi in tutto il mondo per identificare cinque diverse tipologie di gamer. Il sondaggio ha rivelato le tre componenti chiave di un PC da gaming: memoria, CPU e GPU, con la grafica come attributo più importante di un computer creato appositamente per il gioco.

La ricerca ha portato alla creazione della nuova gamma Lenovo Legion, con PC, monitor e periferiche di gioco ridisegnate attorno al giocatore. Se lato desktop la compagnia ha aggiornato i tower T730 e T530 e i cube C730 e C530 con le ultime GPU NVIDIA GeForce RTX 2060, sul fronte portatile abbiamo i nuovi laptop Lenovo Legion Y740 e Y540, anch'essi disponibili con le recenti GPU NVIDIA GeForce RTX, processori Intel Core e Windows 10 Home integrato.

Il top di gamma Y740 da 15 pollici presenta la GPU GeForce RTX 2070 Max-Q, mentre con i 17 pollici si può osare fino alla GeForce RTX 2080 Max-Q. Entrambi i modelli sono disponibili con CPU Intel Core i7 di ottava generazione con memoria opzionale da 32GB DDR4 a 2666MHz e tastiera retroilluminata Corsair iCue RGB. Opzionale anche il display Full HD a 144 Hz con NVIDIA G-SYNC.

Un'altra novità all'interno della gamma è il mouse Lenovo Legion M500 RGB, che monta un sensore Pixart PMW 3389 da ben 16.000 dpi e microswitch OMRON. A completare la scrivania arrivano poi la tastiera meccanica Lenovo Legion K500 RGB anti-ghosting con rollover su 104 tasti, insieme alle cuffie stereo da gaming Lenovo Legion H300 e H500 Pro da 7.1 canali.
Le immagini invece possono essere visualizzate sui nuovi monitor Lenovo Legion Y27gq, un 27 pollici con risoluzione 2560x1440 a 240Hz, e Y44w, un display curvo ultra-wide da 43,4 pollici e risoluzione da 3840x1200, con una luminosità di picco di 450 nit (qui la nostra recensione). Un intero arsenale a disposizione del MotoGP eSport Championship e dei giocatori "a casa".