NVIDIA GTX 2080: in arrivo ad aprile con architettura Ampere invece che Volta?

I rumor del web sembrano indicare aprile come mese scelto da NVIDIA per il successore dell'architettura Pascal.

speciale NVIDIA GTX 2080: in arrivo ad aprile con architettura Ampere invece che Volta?
Articolo a cura di

Il 2017 è stato un anno particolare per il mercato delle GPU. Da un lato, NVIDIA ha volutamente rallentato la sua corsa, forte di un vantaggio competitivo notevole accumulato dall'architettura Pascal, dall'altro AMD ha lanciato Vega, migliorando così quanto visto con le GPU Polaris. Fare un bilancio di quanto avvenuto nel 2017 è difficile, visto che il settore è stato travolto dalla domanda di schede video destinate al mining, che ha aumentato i prezzi e diminuito enormemente la disponibilità di schede. Di fatto, sia AMD che NVIDIA hanno tratto profondo giovamento da questo fenomeno, che ha portato a un'impennata delle vendite, ma che ha anche messo in disparte quello che dovrebbe essere il pubblico di questi prodotti, ovvero i giocatori. Nel 2018, la speranza è che la disponibilità di GPU torni a crescere anche nel settore consumer, ecco perché le nuove GTX 2080 e 2070 di NVIDIA sono molto attese. L'architettura Pascal sembra ormai alla fine del suo ciclo vitale, e i recenti rumor, che indicano la presentazione delle nuove GPU a marzo, non fanno altro che confermare questa sensazione.

Volta o Ampere?

Le nuove GTX 2080 e 2070 sono avvolte dal mistero. Nulla si sa sulle specifiche tecniche e sull'architettura che sarà utilizzata, anche se possiamo cercare di fare qualche previsione sulla base delle voci di corridoio trapelate negli ultimi giorni. Voci che indicano come il chip GP102, alla base dell'attuale 1080 Ti, top di gamma NVIDIA, sia andato fuori produzione a novembre. In questo momento quindi la GPU più potente disponibile per il mercato consumer potrebbe essere entrata nella fase EOL (End Of Life), sancendo la fine dell'architettura Pascal. Architettura che è rimasta sul mercato per ben due anni e che ha fatto le fortune di NVIDIA. Il termine della produzione di questo chip dovrebbe indicare lo spostamento del processo produttivo verso GPU di nuova generazione, di cui abbiamo avuto un primo assaggio con l'incredibile Titan V, attualmente la GPU più potente sul mercato, ma destinata al settore business. Questa scheda video è basata sull'architettura Volta ed è ottimizzata per compiti specifici, come il Deep Learning, grazie a 640 Tensor Core pensati per accelerare espressamente questo ambito. La sua particolare architettura, e il suo costo di ben 3100€, non la rendono adatta per il gaming, ecco perché sembra che NVIDIA voglia puntare sull'architettura Ampere invece che su Volta per le sue nuove GPU. Alcuni rumor indicano come questa non sia altro che un refresh di Pascal, altri invece che Ampere sia una declinazione di Volta pensata espressamente per il gaming, quindi senza le ottimizzazioni legate al Deep Learning, senza Tensor Core e senza memorie HBM2, molto costose. A nostro avviso, è la seconda possibilità quella più probabile, anche perché dopo due anni con Pascal NVIDIA ha ormai bisogno di dare una rinfrescata alla sua lineup.
Ampere potrebbe quindi assomigliare molto a Volta, portando sulla GTX 2080 il nuovo chip GA104, per un aumento prestazionale marcato e indirizzato agli appassionati più esigenti, stufi di vedere i propri RIG arrancare spesso in 4K. Proprio il 4K sarà il focus centrale delle nuove GPU, e non potrebbe essere altrimenti, perché gli attuali modelli High End come la 1080 Ti e la 1070 Ti riescono a garantire un frame rate molto solido a risoluzioni inferiori.

NVIDIA non ha fretta quindi di lanciare i nuovi modelli, che dovrebbero essere presentati a marzo e per poi arrivare sul mercato in aprile. La speranza a questo punto è che nel 2018 la domanda di GPU per il mining scenda, altrimenti le nuove GTX 2080 e 2070 rischiano di diventare il sogno di miner piuttosto che dei giocatori. Una speranza purtroppo vana per ora, nonostante un inizio anno terribile per le criptovalute.