Patente elettronica: al via il test negli USA, sarà tutto gestito da smartphone

Nel Delaware inizia una importante sperimentazione sulla patente elettronica, che sarà interamente gestita via smartphone.

speciale Patente elettronica: al via il test negli USA, sarà tutto gestito da smartphone
Articolo a cura di

In Italia, la carta d'identità elettronica sta pian piano iniziando a diffondersi, ma negli Stati Uniti stanno già pensando al prossimo passo: digitalizzare anche la patente. Nello stato del Delaware è infatti partita una sperimentazione su 200 soggetti, tutti dipendenti dello stato o addetti ai lavori, che utilizzeranno un'app per smartphone al posto della classica patente cartacea. Un passo logico in un mondo sempre più digitale, che riesce in un solo colpo a rendere più facile la vita agli utilizzatori, ma anche alle forze dell'ordine, senza dimenticare il risparmio sul costo di stampa.

Quando in Italia?

"Il Delaware è il primo stato a provare la patente elettronica, siamo entusiasti di poter aiutare questa tecnologia a fare passi avanti... Questo programma pilota di 6 mesi ci aiuterà a capire il funzionamento della nuova patente in un contesto reale, evidenziando eventuali criticità prima di prendere la decisione di adottare il nuovo supporto su oltre 800.000 licenze di guida." Così hanno affermato John Carney, Governatore dello stato americano, e Jennifer Cohan, Segretario ai Trasporti. In effetti, un test preliminare per capire l'impatto di questa tecnologia nella vita reale è necessario, soprattutto perché la novità è più importante di quanto si possa pensare. La mDL (Mobile Driver License) funzionerà attraverso un'applicazione specifica per smartphone, il cui accesso è consentito solo tramite un PIN o con il riconoscimento facciale di iPhone X. L'app dialoga con dispositivi esterni per diffondere, all'occorrenza, i dati dell'utilizzatore.
La questione privacy è molto importante, perché la patente viene utilizzata anche come documento di riconoscimento negli Stati Uniti. Il passaggio al digitale consente di rendere le informazioni visualizzabili dall'esterno contestuali, un vantaggio non da poco. Ad esempio, per verificare l'età in un negozio di alcolici, oggi è necessario mostrare la patente, in cui sono disponibili, oltre all'età e al nome, anche l'indirizzo e la data di nascita. Con la mDL è possibile mostrare solo l'età, ma non è l'unico vantaggio. Durante i controlli di polizia, gli agenti possono conoscere l'identità di un guidatore senza scendere nemmeno dall'auto, gestendo tutto dall'interno della volante.

Questi sono solo due degli scenari in cui un documento elettronico è un vantaggio, ma ce ne sono anche altri. Niente più costi di stampa per lo stato e rinnovi semplificati vanno di pari passo con un sistema dalle ottime potenzialità, che inizia però solo ora il suo sviluppo: prima di vedere una cosa simile in Italia ci vorrà tempo purtroppo.