Prime Video Channels in Italia: Amazon punta su film, calcio e musica

Amazon ha lanciato, un po' a sorpresa, il servizio Prime Video Channels in Italia: ecco di cosa si tratta e come funziona, tra film, calcio e musica.

Prime Video Channels in Italia: Amazon punta su film, calcio e musica
Articolo a cura di

Un po' a sorpresa, nella giornata del 4 novembre 2020 Amazon ha lanciato in Italia il servizio Prime Video Channels, che prevede l'aggiunta di alcuni canali tematici all'interno del catalogo del servizio incluso nell'abbonamento Amazon Prime. Tuttavia, non pensate di poter accedere ai nuovi contenuti in modo gratuito, dato che l'azienda di Jeff Bezos sta incrementando le funzionalità offerte da Prime Video, ma gli utenti che vogliono usufruirne devono pagare un sovrapprezzo rispetto al succitato abbonamento.
D'altronde, la prima mossa in tal senso era già arrivata ad aprile 2020, quando Amazon portò in Italia il servizio Prime Video Store, pensato per il noleggio e l'acquisto di film. In ogni caso, si tratta di un'aggiunta interessante, che potrebbe aprire una nuova strada per il servizio di streaming della società di Jeff Bezos.

I canali tematici su film, calcio e musica con abbonamento aggiuntivo

Amazon ha introdotto la possibilità per gli utenti di sottoscrivere degli abbonamenti, che si aggiungono a quello a Prime, per accedere a degli specifici canali dedicati a film, calcio e musica. Più precisamente, il servizio è stato lanciato in Italia mediante delle partnership interessanti come quelle con Infinity (che ha curato alcune selezioni di contenuti), STARZPLAY (che ha portato anche degli originali), Noggin (per i più piccoli), Juventus TV (per gli amanti del calcio) e Mezzo (per coloro che sono soliti ascoltare musica classica, jazz e dance).
Non mancano inoltre dei canali a cura di Mubi, Raro Video, Midnight Factory, Full Moon TV, ShortsTV e Qello Concerts by Stingray.

I prezzi di questi abbonamenti aggiuntivi vanno dai 2,99 euro al mese di Mezzo ai 9,99 euro al mese di Mubi, passando per i 6,99 euro al mese di Infinity Selection, per i 3,99 euro al mese di Juventus TV, Noggin, Raro Video, Full Moon TV e ShortsTV e per i 4,99 euro al mese di STARZPLAY, Midnight Factory e Qello Concerts by Stingray.

Insomma, il costo degli abbonamenti è variabile e l'utente può scegliere tra i singoli canali, a seconda dei suoi interessi. Per poter testare un servizio prima di sottoscrivere l'abbonamento è possibile usufruire di un periodo di prova gratuita pari a 30 giorni, almeno nei casi di STARZPLAY e Juventus TV, mentre altri come Infinity Selection offrono un periodo di "test" dalla durata di 7 giorni. Il periodo di prova di Qello Concerts by Stingray è invece di 14 giorni.

Per dare un'occhiata al servizio Prime Video Channels, vi basta collegarvi al sito ufficiale di Amazon (o accedere mediante l'apposita applicazione), effettuare l'accesso con il vostro account e consultare le proposte dell'azienda di Jeff Bezos, che si possono trovare nella riga chiamata "Iscriviti a Prime Video Channels".
Risulta poi possibile dare un'occhiata al catalogo offerto dai singoli canali e iniziare il periodo di prova gratuita. La sottoscrizione si può annullare in qualsiasi momento.

Questa funzionalità introdotta da Prime Video potrebbe risultare poco interessante per qualcuno, ma in realtà si tratta di una novità importante, in quanto apre la possibilità per terze parti di lanciare dei canali tematici in abbonamento all'interno della piattaforma di streaming di Jeff Bezos, dando agli utenti ancora più possibilità di scelta.

Interessante la "collection" di Infinity, che permette agli utenti di prendere visione di contenuti come Godzilla 2: King of the Monsters, IT Capitolo 2, John Wick Capitolo 2 e Pokémon Detective Pikachu. Quest'ultimo film è un ottimo esempio per farvi capire come Amazon sta ampliando il catalogo mediante questi canali: in precedenza il film poteva essere solamente noleggiato su Prime Video a partire da 7,99 euro, mentre ora è possibile usufruire della prova gratuita di Infinity Selection o pagare 6,99 euro un mese per poter accedere sia a questo contenuto che a molti altri.

Inoltre, non è male la possibilità, per gli appassionati di calcio, di iscriversi a 3,99 euro al mese a un canale come Juventus TV, che offre parecchi contenuti esclusivi sulla Vecchia Signora. Da non sottovalutare anche il fatto che Amazon sta portando in streaming dei contenuti come i cartoni animati di Noggin (Nick Jr.), che in Italia ha un canale accessibile tramite Sky, e STARZPLAY, servizio recentemente arrivato nel nostro Paese mediante Apple TV (e ora Amazon Prime Video).
Non bisogna dimenticarsi di Qello Concerts by Stingray, che punta su concerti come l'Ultra Music Festival, ma anche su quelli di Queen e Lady Gaga. Insomma, c'è spazio per dare vita a delle collaborazioni interessanti, magari "scontando" un po' il costo degli abbonamenti grazie al fatto che gli utenti pagano già Amazon Prime. Per il momento siamo ancora in una fase iniziale, ma sicuramente, se ben sfruttata, questa idea dei Prime Video Channels potrebbe dare vita a delle partnership di tutto rispetto, consentendo agli utenti di usufruire di contenuti che non si trovano su altre piattaforme.