Samsung Galaxy S22 Ultra alla prova per tre mesi: uno smartphone unico

Abbiamo provato molto S22 Ultra negli ultimi mesi, un test di lungo periodo che ci ha permesso di analizzare meglio pregi e difetti.

Samsung Galaxy S22 Ultra alla prova per tre mesi: uno smartphone unico
Articolo a cura di

Negli ultimi tre mesi ho provato tanti smartphone diversi. Dall'ottimo Oppo Find X5 Pro fino al recente Honor Magic4 Pro sono arrivati molti top di gamma, ognuno con le sue caratteristiche distintive. Nella fascia alta del mercato la qualità ha raggiunto livelli difficili da superare, non è un caso che di anno in anno i miglioramenti sono sempre più superficiali e meno incisivi. Tra tutti i modelli usciti finora però è il Galaxy S22 Ultra di Samsung ad aver puntato più in alto, mettendo insieme tutte le migliori tecnologie disponibili oggi in un unico pacchetto.
Lo schermo più luminoso, la fotocamera più completa e l'integrazione del pennino sono solo alcuni degli elementi che lo caratterizzano. Attenzione però, perché puntare in alto non significa per forza raggiungere l'obiettivo, ecco perché dopo la recensione di S22 Ultra ho deciso di provarlo più a lungo, con qualche piccola pausa tra un cambio di telefono e un altro, per capire cosa significa davvero usarlo durante il lavoro e la vita di tutti i giorni.

Enorme, ma ne vale la pena

S22 Ultra non è un telefono per tasche piccole. Sembra una considerazione sciocca ma è la verità, me ne sto rendendo conto soprattutto ora con l'arrivo dell'estate. Abbandonati i giubbotti e i vestiti più pesanti, trovare un posto per questo telefono non è sempre scontato.

Avere uno schermo grande ha i suoi pregi ma anche i suoi difetti, i 163.3 mm di altezza spesso faticano ad entrare nelle tasche dei jeans. A dispetto delle dimensioni generose però l'ergonomia durante l'uso resta eccellente, complice anche il buon bilanciamento dello smartphone. Le dimensioni non sono sicuramente per tutti, dall'altro lato però queste hanno permesso di installare uno schermo da 6.8 pollici semplicemente incredibile, nonché il più luminoso sulla piazza.

Sul fronte materiali questi mesi di utilizzo hanno confermato l'ottima solidità del dispositivo, a partire dal vetro frontale. S22 Ultra è l'unico smartphone sul mercato a utilizzare il Gorilla Glass Victus+, che garantisce una migliore resistenza ai graffi. Ho utilizzato il telefono sempre senza pellicola protettiva e ancora oggi non ci sono segni visibili sullo schermo, un ottimo risultato che conferma la bontà della tecnologia impiegata.
Anche il resto del telefono non presenta segni d'usura, ma in questo caso l'utilizzo della cover protettiva rende poco indicativa la prova. Un consiglio: fate attenzione alla cover che scegliete, perché può aumentare di molto l'ingombro del telefono. Io ho scelto una Spigen Thin Fit, che aggiunge solo un leggero spessore all'insieme, senza appesantire ulteriormente lo smartphone.

Uno schermo eccezionale, prestazioni da ottimizzare

Il display di S22 Ultra vale quasi da solo il prezzo del biglietto. Per dimensioni siamo di fronte al più grande pannello disponibile in un top di gamma, ma la diagonale è solo una piccola parte dei pregi di questo display. Risoluzione QHD e 120 Hz dinamici si fanno sentire, ma è la luminosità di picco, che può superare i 1500 nit in alcuni ambiti, a stupire.

Nell'utilizzo all'esterno e sotto la luce del sole è il pannello più visibile che si possa utilizzare, grazie alla luminosità elevata che riesce a raggiungere. In questi mesi ho utilizzato S22 Ultra soprattutto in ambito lavorativo, non ho sfruttato il suo grande schermo per giocare, ma per navigare online, revisionare testi quando non avevo disponibile un PC, scrivere mail, firmare documenti, insomma un utilizzo più business che ricreativo. In questo ambito non ho trovato compagno di lavoro migliore, la versatilità di S22 Ultra è uno dei suoi punti di forza più importanti.
Passando invece a uno degli aspetti su cui si è discusso di più in questi mesi, ovvero le prestazioni, Samsung ha aggiornato costantemente il telefono, andando ad eliminare i bug software presenti all'uscita e migliorando le performance del dispositivo. Una partenza un po' zoppicante era prevedibile, il SoC Exynos 2200 è stracolmo di novità, dal processo produttivo a 4 nm fino alla GPU di AMD, la Xclipse 920, un unicum nel panorama smartphone, la prima a portare il Ray Tracing e tecnologie come il Variable Rate Shading in campo mobile. Purtroppo, nonostante sia passato un po' di tempo, non sono usciti titoli in grado di sfruttarla, ma chi mastica un po' di gaming in campo PC sa perfettamente che il Ray Tracing non è cosa per smartphone per il momento.

Nell'utilizzo quotidiano qualche lag ogni tanto si nota, ma molto dipende dal profilo prestazionale scelto nelle impostazioni. Samsung è stata un po' conservativa con la modalità standard, chiamata "Ottimizzata", che abbassa il calore generato e diminuisce i consumi, ma va a svilire troppo le prestazioni del telefono. Basta prendere in mano un qualsiasi top di gamma con Snapdragon 8 Gen 1 per accorgersi della maggiore reattività. Ecco perché ho preferito utilizzare la modalità chiamata "Elevata", che rende molto più reattivo il telefono. Il dispendio energetico aumenta, ma non ho notato una maggiore generazione di calore, almeno nell'utilizzo quotidiano.

In ambito gaming le prestazioni offerte permettono di giocare a tutto senza problemi, a distanza di mesi però il supporto per la GPU di AMD da parte degli sviluppatori è ancora basso: ad esempio con Call of Duty Mobile non si possono utilizzare le impostazioni grafiche al massimo. Con S22 Ultra si gioca bene ma c'è di meglio, tuttavia il gaming non è uno dei suoi utilizzi primari.

Un tema legato direttamente alle prestazioni è quello della durata della batteria. S22 Ultra è stato criticato in questo ambito, ma devo dire che non mi ha mai lasciato a piedi in nessuna occasione. Il giorno in cui l'ho stressato di più è stato durante l'evento stampa a Londra dedicato alla gamma TV 2022 di Samsung. Sveglia alle 3:30 e rientro a casa alle 22 passate, anche in questo caso il telefono è arrivato a fine giornata con poco più del 20% di batteria. S22 Ultra non è un campione di autonomia, questo è chiaro, ma la situazione non è nemmeno disastrosa come spesso è stata presentata.

Fotocamera e pennino fanno la differenza

S22 Ultra non è lo smartphone perfetto, ci sono pero due elementi che lo differenziano dagli altri smartphone. Il primo sono le fotocamere, che vanno a comporre uno dei moduli fotografici più completi che si possano trovare.

L'unico telefono che si avvicini alla versatilità di S22 Ultra è il nuovo Honor Magic4 Pro, che resta però indietro nella facilità di scatto e nella qualità dello zoom. L'ho utilizzato sempre con la modalità automatica, quella Pro assicura risultati ancora migliori ma non è adatta al punta e scatta, ed è davvero difficile fare foto scadenti con questo smartphone. L'uniformità raggiunta da Samsung sulle fotocamere di S22 Ultra è ottima, così come la gestione dell'HDR. La cam principale e la Ultra Wide sono eccezionali, ma è lo zoom a stupire su tutte. Il confronto è impietoso con tutti gli altri smartphone, la qualità del sensore, l'ottica a periscopio e gli algoritmi che gestiscono questi scatti fanno un lavoro semplicemente eccezionale, inarrivabile per qualsiasi concorrente.

Camera Grandandolare

Camera periscopica

Gli scatti parlano da soli del resto, è davvero difficile passare a un altro smartphone dopo che si è provato S22 Ultra, almeno se si fanno tante fotografie. Sul pennino poi c'è poco da dire, è semplicemente la migliore esperienza di scrittura ottenibile oggi su smartphone. Anzi, a livello di reattività la sensazione è che sia superiore anche a quanto si può ottenere con un iPad Pro con Apple Pencil.

Ovviamente lo schermo è piccolo se si devono prendere molti appunti ma è perfetto per sessioni di scrittura brevi, o semplicemente per firmare documenti. Mi è piaciuta molto anche la possibilità di scattare immagini da remoto utilizzando il pulsante presente sul pennino, che torna utile in diverse occasioni. Anche in questo ambito non ci sono rivali, del resto S22 Ultra è l'erede della gamma Note, se si cerca la migliore esperienza di scrittura possibile non ci sono alternative.

Samsung Galaxy S22 Ultra S22 Ultra non è lo smartphone perfetto. Le dimensioni non sono per tutti, la reattività, almeno con le giuste impostazioni, è un pizzico inferiore rispetto ad altri top di gamma, e anche l’esperienza di gioco non raggiunge le vette dei telefoni con processore Snapdragon 8 Gen 1. Allo stesso tempo, il suo grande e luminoso schermo, insieme alle possibilità offerte dalle fotocamere e dal pennino, lo rendono comunque uno dei migliori telefoni che si possano acquistare oggi. Non è per tutti, le alternative non mancano e in alcuni ambiti riescono a spuntarla, ma dopo aver provato tutti i top di gamma usciti finora sono tornato a usare S22 Ultra come smartphone Android primario e il motivo principale è la sua versatilità. Poter leggere su uno schermo di grandi dimensioni e di ottima qualità, avere delle fotocamere che possono scattare in ogni condizione, anche a grande distanza, e un pennino che funziona a meraviglia sono punti di forza importanti, che fanno dimenticare in fretta i difetti di uno smartphone unico nel suo genere.