Samsung Galaxy S9 ed S9 Plus: poche novità e debutto al CES di Las Vegas?

I nuovi top di gamma Samsung potrebbero essere svelati già al CES di Las Vegas di Gennaio, con rumor che descrivono finora poche novità.

speciale Samsung Galaxy S9 ed S9 Plus: poche novità e debutto al CES di Las Vegas?
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Samsung Galaxy S8 ed S8 Plus hanno avuto, e stanno ancora avendo, un grande successo. I due top di gamma sono stati i flagship più venduti quest'anno nel campo Android, complici una serie di novità che ne hanno facilitato l'ascesa, prima fra tutte l'incredibile schermo AMOLED borderless di cui sono dotati. Il prossimo anno però sembra che per Samsung sarà più difficile puntare sull'innovazione per vendere i suoi device di punta, per un upgrade che quasi certamente non riuscirà più a contare sull'effetto "Wow" visto in questa iterazione del terminale. Gli schermi senza cornici sono ormai stati sdoganati in ogni fascia di prezzo, anche in quella low cost, mentre la concorrenza ha centrato obbiettivi importanti dopo l'uscita di S8, come Huawei che con il suo Mate 10 Pro ha creato uno smartphone prestante e completo, con una batteria di lunga durata. Insomma, per Galaxy S9 ed S9 Plus la strada sembra in salita, ma il cammino verso lo sperato successo potrebbe iniziare prima del previsto quest'anno.

E se la novità fosse il software?

Nelle ultime settimane i rumor sui nuovi Galaxy S9 ed S9 Plus indicano come concreta la possibilità che questi vengano commercializzati in anticipo, già da marzo. Lo scorso anno arrivarono in Italia a fine aprile, questa volta, se le voci venissero confermate, potrebbero essere disponibili con un mese di anticipo. In questo senso, rumor degli ultimi giorni vorrebbero i due flagship presenti già al CES di Las Vegas di gennaio, un'opzione che tendiamo a scartare, almeno in parte. Con le ultime presentazioni di prodotti importanti Samsung si è staccata dalle grandi fiere dell'elettronica, preferendo sfruttare eventi ad hoc, che centrano l'attenzione solo sui suoi dispositivi. Possibile tuttavia che il Galaxy S9 possa fare la sua apparizione, a porte chiuse, alla manifestazione americana, con un manipolo di addetti ai lavori chiamati a dare i primi feedback all'azienda coreana sul suo nuovo top di gamma. Questa rimane tuttavia un'ipotesi non verificata, inoltre un arrivo anticipato potrebbe tarpare le ali alle vendite della gamma Note, che avrebbe un finestra di tempo inferiore per spingere sulle vendite, già in parte cannibalizzate da S8+.
A prescindere dall'arrivo sul mercato tuttavia, i nuovi top di gamma dovranno innovare per superare gli ottimi riscontri visti quest'anno, ed è qui che arriva la parte difficile. Ci sarà sicuramente un nuovo processore, il già annunciato Exynos 9810 per l'Europa e l'erede dello Snapdragon 835 negli USA, più RAM e una dual cam sul retro, evoluzione di quella vista nel Note 8. Il lettore di impronte dovrebbe essere spostato, finalmente, in posizione centrale, sotto la fotocamera, mentre il display potrebbe ridurre ancora di più le cornici, almeno quella superiore e inferiore, visto che quelle laterali sono già state tolte quest'anno, grazie alla curvatura del vetro. Niente lettore di impronte sotto al vetro e niente Face ID quindi, forza bruta a parte solo la dual cam potrebbe differenziare davvero l'attuale versione da quella del prossimo anno.

Ecco perché Samsung potrebbe puntare anche sul software per ingolosire i nuovi clienti, magari integrando nella sua interfaccia le IA tanto decantate dai concorrenti, una caratteristica che, utilizzo reale a parte, è decisamente più difficile da far capire al pubblico di massa rispetto a uno schermo borderless. La nostra speranza è che Samsung, per promuovere il suo prossimo top di gamma, decida anche di cambiare passo rispetto al passato proponendo una Samsung Experience totalmente rinnovata e più snella, senza le tonnellate di opzioni oggi disponibili, di cui solo una minima parte utilizzate con continuità. iOS insegna che la semplicità paga, garantendo anche prestazioni elevate nel tempo. Galaxy S8 non è certo un terminale esente da lag e rallentamenti, soprattutto dopo alcuni mesi di utilizzo, quando il sistema operativo di cui è dotato inizia pericolosamente a zoppicare. Un rinnovamento e uno snellimento alla Samsung Experience potrebbe essere un vero toccasana, e anche se non spendibile a livello commerciale come l'introduzione degli schermi borderless, sarebbe comunque un miglioramento non da poco per gli utenti.