Samsung Galaxy S9: tutto quello che sappiamo a un mese dal MWC

Vediamo assieme tutte le informazioni emerse online negli ultimi tempi sul nuovo top di gamma Samsung Galaxy S9.

speciale Samsung Galaxy S9: tutto quello che sappiamo a un mese dal MWC
Articolo a cura di

Il 2017 ha portato diverse novità ai top di gamma di casa Samsung, prima fra tutte lo schermo borderless, proprio questa tipologia di pannello è stata la caratteristica peculiare di Galaxy S8. Un tratto distintivo non da poco, infatti un display borderless viene notato all'istante anche da chi non è avvezzo a seguire l'odierno mondo degli smartphone. Non è, dunque, un caso che S8 sia stato uno degli smartphone più venduti dell'anno, con il suo spettacolare schermo ad attirare principalmente l'utente medio, mentre quello più attento ha potuto godere del potente processore Exynos e delle ottime capacità fotografiche. Insomma, Samsung con S8 è riuscita a creare un ottimo connubio tra potenza e desing, ma cosa potrà fare Galaxy S9 per bissarne il successo? Vediamo assieme quanto emerso online negli ultimi mesi.

Caratteristiche tecniche e disponibilità

Partiamo dall'unica certezza: Samsung Galaxy S9 verrà presentato al prossimo Mobile World Congress che si terrà a Barcellona dal 26 febbraio al 1 marzo. Non ci sono però le medesime sicurezze sulle specifiche tecniche, ma possiamo provare a delineare quali saranno grazie alla miriade di rumor apparsi recentemente online. Partiamo dal display, che con ogni probabilità sarà borderless e simile a quello dell'attuale modello. Parliamo, dunque, di uno schermo SuperAMOLED QHD+ (2960x1440 pixel) da 5.77 pollici per la "versione base" e di uno da 6.22 pollici per la variante Plus. La società sudcoreana potrebbe decidere di rivedere la forma delle cornici dello schermo, non apprezzata da tutti gli utenti, ma non dovrebbero esserci grossi cambiamenti. Discorso diverso per quanto riguarda la CPU, che dovrebbe essere il nuovo Exynos 9810, almeno in Europa. Si tratta di un SoC a 10 nm dotato di una nuova generazione di core Mongoose, nuova GPU e nuovo modem per trasmissioni fino a 1.2 Gbps.
La versione non europea dovrebbe montare un Qualcomm Snapdragon 845. Il tutto dovrebbe essere affiancato da 4GB di RAM per S9 e da 6GB per S9+, mentre i tagli di memoria interna potrebbero arrivare fino a 512GB. Non dovrebbero mancare poi tutte le connettività richieste dall'odierno mercato degli smartphone, anche se si parla di un supporto alla Quick Charge 2.0 e non alla 4.0+, con delle batterie rispettivamente da 3000 mAh e 3500 mAh.

Per quanto riguarda il comparto fotografico, si vocifera di un obiettivo con diaframma regolabile, con un'apertura focale che varierà tra f/2.4 e un massimo di f/1.5. Il sensore principale dovrebbe essere da 12MP, con la "versione base" a montare un singolo modulo fotocamera e la versione Plus a possederne due. La fotocamera frontale dovrebbe invece essere da 8MP. L'obiettivo con diaframma regolabile dovrebbe, dunque, essere la caratteristica peculiare di questo Galaxy S9, anche se sarà molto difficile per Samsung riuscire a differenziare il nuovo top di gamma dal suo predecessore in modo marcato come accaduto tra l'attuale modello e il Galaxy S7. Una caratteristica apprezzata sarebbe il lettore di impronte sotto al display, ma è molto improbabile che venga implementata, viste le difficoltà nel rendere efficace ed efficiente questa tecnologia.
Samsung adotterà un sistema di sblocco facciale avanzato come il Face ID di Apple? Anche qui, gli analisti affermano che Cupertino abbia un netto vantaggio nei confronti dei concorrenti, rimasti indietro nello sviluppo di questi sistemi di sblocco. Per quanto riguarda la data di uscita, si vocifera che lo smartphone verrà commercializzato a marzo con un prezzo di partenza di circa 800 euro per S9 e di circa 900 euro per S9+, con l'attivazione dei preordini a partire già dai primi giorni del mese. Non ci resta che attendere il Mobile World Congress.