Sky, DAZN e Mediaset: dove vedremo la Serie A nella stagione 2018-2019?

Il cerchio intorno ai diritti tv della Serie A per il 2018-2021 si è finalmente chiuso: ecco dove vedere le partite per i prossimi tre anni.

speciale Sky, DAZN e Mediaset: dove vedremo la Serie A nella stagione 2018-2019?
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

A meno di un mese dall'inizio della nuova stagione di Serie A, che si preannuncia ricca di sorprese e novità, si è finalmente delineato il quadro per la visione delle partite. Un quadro che, rispetto agli anni precedenti, si è completato in ritardo, complice anche quanto accaduto con Mediapro, la società spagnola che si era assicurata il pacchetto in esclusiva prima dello stop ordinato dal Tribunale di Milano, che ha spinto la Lega Calcio alla pubblicazione di un nuovo bando, assegnato a Sky e Perform.
Per la prima volta in assoluto, infatti, entra in gioco un nuovo broadcaster: DAZN, la piattaforma in stile Netflix che si è aggiudicata il pacchetto minore. Ma andiamo in ordine e vediamo insieme come vedremo il calcio in TV quest'anno.

Sky: sette partite su dieci in esclusiva

Partiamo, ovviamente, dall'offerta di Sky. L'emittente TV di Murdoch, infatti, è stata una delle prime a muoversi contro Mediapro ed ha presentato il ricorso, ottenendo la sospensione del bando.
Alla Champions League, che quest'anno vedrà protagoniste quattro squadre italiane (Juventus, Napoli, Roma ed Inter) e all'Europa League, oltre ai molteplici diritti tv sportivi già nelle mani, Sky ha aggiunto il pacchetto più ricco messo a disposizione dalla Lega che, e lo ricordiamo per completezza, non aveva previsto nessun pacchetto in esclusiva totale, il che vuol dire che nessuna società poteva acquistare i diritti per tutte le partite.
Sky, comunque, ha l'offerta più ricca, che comprende la possibilità di trasmettere in esclusiva sette partite su dieci a settimana: i due anticipi del sabato delle 15:00 e delle 18:00, due partite della domenica alle 15:00, i due posticipi delle 18:00 e 20:30 ed il Monday Night delle 20:30. Altra novità di quest'anno è rappresentata dalla formula del pick.
Il pick è già utilizzato da tempo all'estero e fondamentalmente prevede una suddivisione equa dei 20 big match tra Sky, che ne trasmetterà 16, e DAZN. La suddivisione avviene a livello di calendario: le squadre impegnate in Champions League di martedì giocheranno sicuramente di sabato, ma non solamente di sera alle 20:45, anche alle 18:00. Gli scontri diretti invece saranno divisi per permettere ad entrambe le compagnie di ottenere lo stesso ritorno, soprattutto visto il debutto italiano di Cristiano Ronaldo.
Sky ha anche chiuso un accordo con Perform per le tre partite restanti, ma non si tratterà di una ritrasmissione completa. La pay tv, infatti, offrirà l'abbonamento a DAZN ad un prezzo più vantaggioso (7,90 Euro al mese), ed integrerà l'applicazione in Sky Q. Le partite però dovranno comunque essere viste via streaming.

DAZN: tre partite a settimana e la Serie B

DAZN ha tenuto fede alle promesse ed ha fatto di tutto per massimizzare gli ascolti della neonata piattaforma, che debutterà prossimamente.
Perform si è assicurata il pacchetto più piccolo, da tre partite a settimana. La suddivisione però è interessante perchè sulla piattaforma di streaming a pagamento si potrà vedere l'anticipo delle 20:30 del sabato, che come abbiamo detto poco sopra spesso coinciderà con le quattro squadre impegnate in Champions League, l'anticipo della domenica delle 12:30 ed una partita delle 15:00, sempre di domenica. In totale, a 9,90 Euro al mese, gli utenti avranno accesso a 144 incontri per tutta la stagione di Serie A, più gli highlights.
A ciò si aggiunge anche l'acquisto dei diritti della Serie B e, probabilmente, anche quelli della Liga Spagnola, che è rimasta l'unica competizione scoperta, nonostante veda impegnati alcuni tra i giocatori più forti al mondo e due colossi del calcio europeo come Real Madrid e Barcellona.

Mediaset: diritti di ritrasmissione DAZN

Il quadro è concluso dalla posizione di Mediaset, che era rimasta fuori dall'asta per l'acquisizione dei diritti televisivi della Serie A per il triennio 2018-2021 in quanto, secondo i dirigenti, il bando era "insostenibile", nonostante gli ottimi riscontri ottenuti dal Mondiale di Russia 2018.
Mediaset, sorprendentemente, non ha ottenuto alcun vantaggio dall'accordo del venerdì santo firmato con Sky, e si è limitata ad annunciare di aver firmato una partnership con DAZN che consentirà agli abbonati Premium di vedere le tre partite di Serie A e tutta la Serie B senza pagare alcun sovraprezzo. Non sappiamo al momento come sarà impostato il tutto, ma anche in questo caso si tratta di un accordo di ritrasmissione che prevede l'integrazione dell'applicazione nell'ecosistema. Mediaset, di fatto, non trasmetterà direttamente le partite acquistate da DAZN, ma gli utenti potranno accedervi gratuitamente da smartphone, tablet e smart tv.