Speciale Sony FDR-X1000VR alla prova in cinque discipline

L'action cam della casa giapponese alla prova in discipline differenti, grazie a Sony, che ha affidato a cinque atleti il compito di portare allo stremo le sue caratteristiche tecniche e costruttive.

speciale Sony FDR-X1000VR alla prova in cinque discipline
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Le action cam sono un settore relativamente nuovo nel panorama tecnologico, ma in breve tempo hanno conquistato una folta schiera di appassionati. Nonostante il loro utilizzo principale sia quello sportivo, sono ormai in molti a sfruttare le loro peculiarità in modo più tradizionale, quasi come una videocamera standard, per riprendere le vacanze o momenti particolari. Merito della loro portabilità e della loro robustezza, che permettono di non prestare troppa attenzione durante l'utilizzo. Anche se gli usi sono sempre più diversificati, il nome "Action Cam" parla chiaro. Dalla subacquea allo snowboard, sono sempre di più i video girati con queste piccole ma resistenti foto-videocamere, il cui successo non sembra avere freno. Come spesso accade quando si parla di categorie di prodotti nuovi però, i primi arrivati godono di un vantaggio potenzialmente letale nei confronti della concorrenza. Come per i tablet e gli iPad, diventati per un lungo periodo di tempo due sinonimi, il binomio action cam-GoPro è difficile da spezzare. Tra le aziende che stanno cercando di contrastare maggiormente il leader di mercato c'è sicuramente Sony, che ha cercato fin da subito di fare una concorrenza serrata a Go-Pro, a partire dal modello As-15. Oggi però parliamo delle ultime incarnazioni della linea Sony, la FDR-X1000VR e la HDR-AS200, già disponibili alla vendita.

Caratteristiche tecniche

I due nuovi modelli proposti da Sony si differenziano per caratteristiche tecniche e prezzi, con la variante FDR-X1000VR che presenta specifiche decisamente superiori. Il sensore utilizzato è un Exmor R da 8.8 Megapixel con apertura F2.8, capace di girare video in 4K fino a 30 fps, merito del codec XAVC S. L'obbiettivo è di tipo grandangolare, realizzato da ZEISS Tessar, e permette panoramiche fino a 170° (120° con SteadyShot attivato). Grazie alla tecnologia SteadyShot 3, le immagini in movimento soffrono meno le vibrazioni, particolare che rende indicato l'uso di questa action cam anche con i droni. Il processore di immagini BIONZ X riesce a gestire senza problemi le riprese in 4K con un bitrate fino a 100 mbps. Disponibili anche le connessioni Wi-Fi ed NFC, come anche il GPS, utile per la geolocalizzazione delle riprese e degli scatti effettuati. Il microfono integrato è studiato per ridurre i disturbi dati dal vento, particolare che in molti sport può fare la differenza. La batteria è da 1240 mAh e garantisce 50 minuti di riprese in 4K o 115 minuti in Full HD. Le dimensioni sono di 24,4×51,7×88,9 mm, con un peso di 114g. Il bundle comprende una custodia SPK-X1, che impermeabilizza la cam fino a 10 metri di profondità e la rende inattaccabile dalla polvere. Per un utilizzo in ambito subacqueo questa profondità è decisamente bassa, meglio quindi dotarsi dello sportellino SPKX1, che rende impermeabile l'apparato fino a 60 metri. Come molti prodotti di questo tipo, sono disponibili diversi accessori, adatti ai contesti più disparati.

Tra questi ne troviamo uno molto particolare, il telecomando da polso Live View, che permette di controllare fino a 5 action cam, impermeabile fino a 3 m di profondità per 30 minuti. Per quanto riguarda i prezzi, trattandosi del top di gamma di categoria Sony, non ci troviamo di fronte a un prodotto a buon mercato. Lo store online dell'azienda giapponese mostra un costo base di 449€, mentre con il telecomando da polso si sale a 549 €.
Passando al modello HDR-AS200, molte caratteristiche vengono mantenute, ma si perde la possibilità di registrare video in 4K, una feature che con la diffusione dei televisori dotati di questo standard diventerà sempre più importante nel prossimo futuro. La risoluzione massima scende quindi a 1080p a 60 fps, mentre nella confezione trova spazio una custodia SPK-AS2, che permette di immergersi fino a 5 metri, davvero molto poco. In questo caso, il prezzo base è di 299€, che sale a 399€ per il bundle con il telecomando da polso.

Prova sul campo

Pochi giorni fa, al Bianchi Café & Cycles di Milano, Sony ha organizzato un incontro, in cui ha mostrato cosa è grado di fare il modello FDR-X1000VR. Per l'occasione, l'action cam è stata affidata a 5 sportivi di diverse discipline, che hanno avuto modo di testarla approfonditamente. Si tratta di Alberto Mizzotti (Triathlon), Mauro Calibani (Arrampicata), Antonio Longo (Kitesurfing e Snowkite), Massimiliano Maida (Paracadutismo di gruppo) e Mirko Tulli (Canyoning). Tutti i video girati sono disponibili a questo indirizzo.
"Il telecomando da polso è estremamente utile perché consente di configurare le riprese, anche nelle situazioni più estreme in aereo o in fase di caduta. E poi la preview è sul telecomando, una comodità senza precedenti. La Action Cam di Sony è una compagna perfetta per il paracadutismo, con riprese di qualità eccellente". Il commento di Massimiliano Maida pone l'accento sul telecomando, un accessorio che in molte occasioni potrebbe tornare utile. Diverso invece quanto detto da Mauro Calibani e Mirko Tulli, che hanno apprezzato l'autonomia e la versatilità. "È una videocamera molto versatile e funzionale, che può essere fissata in posizioni particolari per creare nuove inquadrature. Abbiamo apprezzato la durata delle batterie, che garantiscono autonomia, evitando di essere abbandonati nei momenti migliori, e il software, che regge bene anche al surriscaldamento dovuto alla registrazione in qualità massima, senza bug e blocchi della macchina". Per scoprire le altre storie e per dare uno sguardo alla qualità video raggiunta dall'ultima action cam Sony, non resta altro da fare che guardare i video dimostrativi, che più di ogni altra cosa descrivono la qualità del prodotto.