Sony Home Cinema 2022: la videoproiezione si rinnova alla grande

Alla scoperta della nuova gamma di videoproiettori Sony Home Cinema 2022 ad alta risoluzione, con nuove lampade e processori innovativi.

Sony Home Cinema 2022: la videoproiezione si rinnova alla grande
Articolo a cura di

La storia di Sony nell'ambito Home Cinema si declina attraverso 50 anni di innovazione e ricerca a partire dai primi anni '70, col primo videoproiettore a tubi catodici, passando per generazioni e risoluzioni video dalla SD al 2K, poi 4K, con modelli flagship che hanno segnato il tempo di una tecnologia sempre all'avanguardia. Per questo 2022, Sony ha preparato una gamma di tutto rispetto, con profonde innovazioni quasi su tutti i fronti.

Addio lampada, benvenuto laser-fosfori

Con l'introduzione dei nuovi proiettori VPL-XW5000ES e VPL-XW7000ES si conferma l'abbandono delle lampade ad alta pressione e il passaggio definitivo al laser-fosfori. Si tratta di una novità molto importante che ha consentito al colosso giapponese di alzare notevolmente l'asticella della qualità video, migliorando in misura sostanziale il risultato tecnico.

Più croce che delizia la fonte di luce tradizionale a lampada ad alta potenza, gestendo adesso al meglio le giuste lunghezze d'onda si punta a produrre colori sempre più accurati. A questo si aggiunge un consumo più o meno rapido, a seconda del tipo d'impiego, con costose sostituzioni, che ha portato a cercare soluzioni alternative giungendo oggi al laser e ai sistemi ibridi LED/Laser: qui sono presenti LED per blu e rosso e un laser che colpisce una ruota colore a fosfori verdi.

Il sistema di Sony Z-Phosphor e SXRD

Nei proiettori Sony il sistema Z-Phosphor emette un laser blu ad alta potenza su una ruota che gira, rivestita con fosfori appositamente scelti: eccitati dal laser, questi brillano in modo estremamente luminoso producendo luce bianca. La luce emessa dai fosfori viene focalizzata su specchi che la suddividono nei suoi componenti rosso, verde e blu.

Per inciso i due nuovi modelli Sony utilizzano la tecnologia proprietaria SXRD di livello 4K, variante della tecnologia LCD applicata su silicio che già in passato ha consentito di salire di contrasto e abbattere i tempi di risposta rispetto alle performance del già notevole sistema DLP, basato su chip Texas Instruments.

Illuminamento senza manutenzione!

Rispetto alla fonte luminosa a lampada, quella laser offre un impiego virtualmente senza interventi di manutenzione per circa 20.000 ore: già questo significa risparmiare qualcosa come 10 lampade da sostituire ogni 2.000 ore per tornare agli originali livelli di illuminamento. Il decadimento della fonte di luce laser fosfori XW è nettamente più lento e, attorno alle 12.000 ore di lavoro, dovrebbe mantenere ancora una resa di circa il 75% del totale, scendendo al 50% dopo altre 8.000 ore. Ciò significa che l'XW5000ES quanto a lumen arriva a consumare intorno al 30% in meno del Sony VPL-VW70.

Inoltre, la fonte laser è priva di mercurio, accensione e spegnimento sono rapidissimi e non temono improvvise cadute di corrente, ma vi sono ulteriori e significative note di merito tecnologiche con sostanziale miglioramento del quadro visivo.

Anzitutto, il più piccolo pannello SXRD nativo 4K attualmente sul mercato (0.61" pollici), per una maggiore riflettanza della luce - ovvero la capacità di riflettere parte della luce incidente su una data superficie, ndr. - e una più piatta superficie riflettiva per un sensibile miglioramento quanto a luminanza e contrasto. A questo si aggiungono una superiore brillantezza dei colori, dei diodi laser ad alta densità, un nuovo sistema di raffreddamento della fonte di luce e un nuovo sistema ottico ad alta riflettanza e polarizzazione uniforme.

Processore e gruppo ottico all'avanguardia

In entrambi i modelli, così come sull'imponente flagship Sony GTZ380, è presente il processore X1 Ultimate for projector, chiamato a intervenire su una serie di sensibili parametri per risolvere condizioni non ottimali del segnale video in ingresso: il dettaglio sugli elementi inquadrati, l'accesso alle reti neurali per l'upscaling di segnali inferiori all'UHD e un altro database per la riduzione del rumore.

Non ultima la capacità di rendere più nette, a fuoco e nitide anche porzioni periferiche d'immagine. In quest'ultimo caso, il risultato è ottenibile con evidente avanzamento qualitativo solo sull'XW7000 per lo specifico design del gruppo ottico ACF (Advanced Crisp Focused Lens), che include lenti frontali asferiche da 70mm di diametro, sistema flottante di messa a fuoco (che coinvolge 2 gruppi di lenti per la correzione dell'eventuale curvatura) e certo non meno significativi gli elementi in vetro a bassissima dispersione (con similare grado di rifrazione per blu e rosso).

Il proiettore XV5000ES ha il gruppo ottico composto da dieci elementi: uno in plastica e nove in vetro (asferico, diametro 54mm). Sul modello XV7000ES gli elementi diventano tredici: uno in plastica e dodici in vetro (asferico, diametro 70mm), oltre ad aggiungere la "Lens Memory", ovvero la capacità di memorizzare la posizione dello zoom e del fuoco.

Spazio a colore, IMAX e gaming

I nuovi proiettori sfruttano il sistema proprietario Sony Triluminos Pro, che punta a rendere i colori più luminosi, con miglioramento nella gestione del volume, un gamut che copre il 95% in DCI-P3 e ben 3.200 lumen per il XV7000ES. Compatibilità garantita per i soliti HDR-10 e HLG. Tutti e due i modelli, poi, includono la certificazione "IMAX Enhanced" (per contenuti disponibili, per esempio, tramite piattaforme come Disney+) aggiungendo il relativo preset per una gestione ottimale di un segnale video in ingresso in formato widescreen "leggero" 1.90:1.

Sony VPL-XW5000ES

Sony VPL-XW7000ES

Spazio anche al gaming, con l'offerta terminali che conta la presenza di HDMI 2.0b a 18 Gbps e compatibilità per segnali in ingresso 4K/60p/10-bit con grado di responsività fino a 13 ms per segnali 2K/120p e 21 ms per output in 4K/60p.

La nuova offerta

Disponibili nei colori nero e bianco, anche lo chassis è stato rivisto con una sensibile riduzione dell'ingombro. Sul XV5000ES siamo nell'ordine dei 460 x 200 x 472 mm con peso pari a 13 Kg, mentre per la variante top XV7000ES le misure sono pari a 460 x 200 x 517 mm per un peso di 14 Kg, più leggeri del VPL-VW70 rispettivamente del 35% e 30%.

Il più piccolo Sony VPL-XW5000ES sarà disponibile da metà maggio 2022 a un prezzo consigliato al pubblico di 5.999€, mentre il VPL-XW7000ES da metà giugno 2022 a 14.999€.