Windows 10 Anniversary Update: le novità più importanti

Il major update che vedrà protagonista Windows 10 arriverà in estate, nel frattempo scopriamo alcune delle novità più importanti della prossima release software pensata da Microsoft.

speciale Windows 10 Anniversary Update: le novità più importanti
Articolo a cura di

In queste pagine abbiamo a lungo a parlato della Build 2016, l'evento Microsoft (da ora MS) riservato agli sviluppatori tenutosi dal 30 al 1 di aprile scorso a San Francisco. Molti sono stati i miglioramenti e le novità mostrate durante il keynote iniziale, aperto dal CEO Satya Nadella, riguardanti quello che dovrebbe essere introdotto nel primo grande aggiornamento di Windows 10 chiamato "Anniversary Update". A margine della conferenza principale ci sono stati due giorni di full immersion dentro il mondo Microsoft con sessioni tecniche dedicate ai developers che hanno approfondito, oltre che i modi per sfruttare tali migliorie, altre novità minori.
L'aggiornamento, secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe arrivare in estate, precisamente nel mese di luglio. Tali voci troverebbero conferme anche nel nome dell'update," Anniversary", ad un anno dal 29 luglio 2015, giorno del rilascio di Windows 10. In questo articolo cercheremo di fare chiarezza su tutte le caratteristiche più importanti, annunciate o trapelate, che MS ha deciso di includere nella nuova versione del suo sistema operativo. L'approfondimento odierno vi illustrerà i cambiamenti del Menu Start, Taskbar, Centro Notifiche, Cortana ed il browser Edge di Windows 10 per PC e tablet. In un secondo momento ci soffermeremo su Windows Ink, l'integrazione con la shell di Linux, Project Centennial e Continuum.

Menu Start

Tornato in auge dopo la scomparsa in Windows 8, il tasto Start con relativo Menù è stato al centro di alcune rivisitazioni al fine di ridurre click e scorrimento durante la navigazione. Il nuovo pannello disegnato dagli ingegneri MS dovrebbe presentare, nell'angolo superiore di sinistra al posto del pulsante dedicato al profilo utente, il tanto chiacchierato tasto "hamburger". Il pulsate utente è stato spostato a lato, sopra i tasti "Arresta" ed "Impostazioni". Trovano nuova collocazione anche il pulsante "Tutte le app" e la lista delle applicazioni più usate, racchiuse ora in un'unica lista sempre visibile.
Anche la modalità tablet e schermo intero dovrebbe essere riprogettata per fare spazio all'"hamburger menu". La nuova schermata dovrebbe prevedere due nuovi pulsanti che permetteranno di switchare tra le Live Tiles e la lista delle applicazioni, comprese quelle più usate. A proposito delle "piastrelle" di Windows, dovrebbero arrivare quelle che MS chiama "Chaseable Live Tile" che permetteranno, al click su di esse, di aprire il contenuto presente nell'anteprima e non semplicemente l'apertura dell'applicazione ad essa collegata.

Taskbar (barra delle applicazioni)

Piccole, ma decisamente utili, le nuove caratteristiche della Taskbar previste nel "Windows Anniversary Update": notiamo, in primis, lo spostamento dell'icona per aprire il Centro Notifiche dopo l'orologio (che pare sarà possibile visualizzare senza data). L'icona ora prevede un design più minimale che dovrebbe cambiare con l'anteprima dell'ultima applicazione da cui abbiamo ricevuto notifiche. Proprio a proposito di badge di notifica, quando ne riceviamo una nuova apparirà un contatore della stessa sulla miniatura presente nella barra delle applicazioni.

Browser Microsoft Edge

Dopo l'annuncio del supporto alle estensioni e la loro facile conversione da Google Chrome, MS annuncia alla Build 2016, ma soprattutto al Web Summit tenutosi qualche giorno dopo, nuove caratteristiche del suo browser Internet. La prima è l'integrazione, all'interno del browser, di Windows Hello. Questo permetterà agli utenti di effettuare log-in più sicuri sfruttando l'autenticazione biometrica tramite scanning dell'iride o dell'impronta digitale. Tra le nuove funzionalità vedremo la presenza di un traduttore preinstallato all'interno del browser che permetterà di eseguire la conversione di testi nelle varie lingue in maniera più rapida, ma soprattutto senza installare contenuti aggiuntivi.
Altra importante novità sarà la presenza delle cosiddette "Web Notifications", integrate nel Centro Notifiche, che permetteranno ai siti web (es: Facebook) di inviare informazioni come se fossero vere e proprie applicazioni. Le pagine avranno una propria icona specifica con titolo e messaggio e sarà poi possibile salvare il link per una consultazione successiva nella modalità lettura. Edge permetterà all'utente maggior controllo sulla riproduzione di contenuti Flash. Ciò si traduce in una maggiore sicurezza oltre che in una diminuzione dell'uso della CPU e della RAM ed un minor consumo di batteria.
Prevista anche l'apertura di un sito dal nome Microsoft Edge Issue Tracker dove sarà possibile, agli sviluppatori, consultare la lista dei bug noti, aiutare gli ingegneri nella risoluzione e la segnalazione di nuovi malfunzionamenti. L'altro sito presentato, Platform Data, darà modo di esplorare l'universo HTMS, CSS e Javascript. Last but not least il nuovo tool RemoteEdge, che darà modo di effettuare lo streaming del browser attraverso il cloud Microsoft, Azure, su altre piattaforme come Mac OS o Linux.

Centro Notifiche

Ricco di novità anche il nuovo Action Center di Windows 10 che vedrà un corposo restyling grafico con la presenza di notifiche "Toast" adattive: espandendo queste ultime sarà possibile visualizzare maggiori informazioni, come immagini ed altri contenuti. Arrivano anche i widget, come ad esempio il meteo, che mostrerà le informazioni relative al tempo con la possibilità di ricevere ulteriori dettagli espandendo la notifica.
Le notifiche saranno sincronizzate automaticamente in tutti i device in cui verrà fatto il log-in con lo stesso account Microsoft, ed anche su dispositivi Android. Questo sistema funziona anche quando non abbiamo installato la stessa applicazione su tutti i terminali e darà la possibilità di eliminare una notifica per vederla cancellata anche su gli altri dispositivi collegati. Queste due nuove features, chiamate da MS "Notification Mirroring" ed "Universal Dismiss", sono simili ma non uguali: se la prima funziona anche se non è installata l'app su ogni dispositivo, la seconda funzionerà solamente nel caso contrario. Sarà aggiunto un nuovo pulsante "Ottieni App" quando un'applicazione per la visualizzazione delle notifiche è disponibile nello Store. Presente anche il tasto "Muta" che permette di silenziare la singola applicazione ed una nuova gestione delle priorità e dell'ordine delle notifiche.
Come detto le nuove notifiche saranno sincronizzate anche nei device Android e sfrutteranno un aggiornamento di Cortana. MS ha dichiarato di avere in programma di lavorare per portare le stesse caratteristiche anche su iOS, ma non ha ancora reso noto dettagli sull'argomento.

Cortana

L'assistente virtuale della casa di Redmond non è esente dal lavoro di modifica e miglioramento che vedrà la luce con l'"Anniversary Update" previsto per il prossimo luglio. Una delle principali caratteristiche in arrivo è la possibilità di richiamare Cortana con il PC bloccato. Tramite il comando vocale "Hey, Cortana" potremo attivare l'assistente a tutto schermo che ci consentirà di prendere appunti, impostare promemoria e riprodurre musica senza la necessità di effettuare il log-in nel nostro account. Cortana 2.0 sarà in grado di attivarsi da sola al verificarsi di determinate condizioni e offrire suggerimenti contestuali e proattivi. Ad esempio quando inseriamo un nuovo appuntamento, qualora vi fossero degli impegni in calendario, l'attuale versione ci suggerisce di spostarli. Nell'aggiornamento questo avverrà anche quando intratteniamo una conversazione tramite SMS e decidiamo di rispondere attraverso l'assistente. Cortana potrà anche offrirsi di acquistare i biglietti per la nostra prossima riunione o girare una ricevuta elettronica, arrivata via mail, ad un report spese.
L'assistente di casa MS avrà anche una memoria consapevole: se le chiediamo in che negozio abbiamo acquistato un determinato prodotto un anno fa lei sarà in grado di fornirci l'informazione. In base alla conversazione individuerà un promemoria quando diremo qualcosa del tipo: "Invia al contatto X il file Excel su cui stavo lavorando la settimana scorsa".
Tutte queste funzionalità saranno sfruttabili anche nelle applicazioni di terze parti, permettendo agli sviluppatori di integrare nelle proprie app dei comandi vocali per eseguire determinate attività. Prevista anche a presenza nello Store di una nuova sezione dedicata a queste ultime.

Windows 10 Sono queste le novità più importanti che riguardano l’utente in arrivo con il prossimo aggiornamento di Windows 10. Non possiamo che accogliere con gioia il mare di lavoro che Microsoft sta effettuando per consolidare il primato a livello desktop, con un'attenzione maniacale ai dettagli che prima era stata appannaggio di altri giganti della tecnologia. Piccoli affinamenti che di sicuro miglioreranno la produttività e la soddisfazione dell’utilizzatore finale, sia esso un utente medio che enterprise. Non ci rende perplessi l’apertura verso Android, né quella futuribile con iOS, frutto del lavoro di un'azienda che, in primis, produce software e servizi, che per essere profittevoli necessitano di tanti utenti attivi. Speriamo solo che lo stesso trattamento venga usato con gli utenti Windows 10 Mobile.