Xiaomi 13T Pro alla prova nel gaming: è una console a portata di tasca?

Xiaomi 13T Pro mette in campo una dotazione tecnica in grado di macinare fps senza compromessi, che mettono in mostra la sua anima gaming.

Xiaomi 13T Pro alla prova nel gaming: è una console a portata di tasca?
Articolo a cura di

La gamma di smartphone Xiaomi della serie 13T è da poco arrivata sul mercato e si è fatta riconoscere, come abbiamo sottolineato nella recensione di Xiaomi 13T Pro, per l'eccellente comparto fotografico targato Leica.
L'ammiraglia della casa di Pechino però non si risparmia nemmeno sul fronte della forza bruta e la scelta di accompagnare il "mid-gen" della gamma con il nuovo SoC Mediatek Dimensity 9200+ ha portato vantaggi in termini di autonomia e surriscaldamento.

Tutti elementi che consentono a Xiaomi 13T Pro di eccellere sul fronte del gaming al pari di modelli ben più costosi: il buon bilanciamento tra la dotazione hardware e l'ottimizzazione del software proprietario Game Turbo, consente al nuovo dispositivo di Xiaomi di trasformarsi in una vera e propria console portatile. Scopriamo insieme come si comporta Xiaomi 13T Pro con i migliori giochi mobile.

Hardware votato al gaming

Prima di procedere con l'analisi delle prestazioni di gioco è bene ricapitolare le caratteristiche tecniche di Xiaomi 13T Pro, a partire dalla novità principale, il processore targato Mediatek: il Dimensity 9200+ aumenta infatti le frequenze di ogni core rispetto alla precedente versione, fattore che porta un vantaggio diretto nel gaming.
A complementare il quadro pensa la GPU Immortalis-G715, che spinge la potenza complessiva oltre il limite precedente del 10%. Come anticipato in apertura, il chip basato sul processo produttivo a 4 nm si rivela efficiente anche nel consumo energetico e riesce a gestire carichi di lavoro significativi senza surriscaldarsi, grazie al sistema di raffreddamento LiquidCool con camera di vapore e lamine di grafite multistrato. Il tutto accompagnato da una batteria da 5.000 mAh con ricarica rapida a 120 W che fa "il pieno" in soli 19 minuti.

Il fronte memorie mette in campo configurazioni da 12 GB/512 GB e una versione di punta da 16 GB di RAM LPDDR5X con 1 TB di storage UFS 4.0, in grado di fornire rapidità di caricamento e trasferimento dati.
Buono anche il comparto connettività con il supporto al 5G, a Wi-Fi 7 e a Bluetooth 5.4. Novità anche per quanto riguarda il display: Xiaomi 13T Pro monta un pannello AMOLED CrystalRes da 6.67'' che raggiunge una risoluzione di 2712 x 1220 pixel e un refresh rate fino a 144 Hz, con supporto HDR 10+, Dolby Vision e una luminosità che può arrivare a ben 2600 nit sotto la luce diretta del sole.
Infine i due speaker con supporto a Dolby Atmos che offrono un audio piuttosto bilanciato e con volumi degni delle migliori casse esterne.

Insomma, Xiaomi 13T Pro è dotato di specifiche in grado di macinare fps senza particolari compromessi, con un'autonomia importante e mantenendo le temperature sotto controllo. Tutto con una qualità di visione che spesso si avvicina a quella dei migliori TV OLED disponibili sul mercato.

Una console a portata di tasca

Le prestazioni di Xiaomi 13T Pro non lasciano spazio al dubbio, già dal confronto con i benchmark sintetici. Il nuovo arrivato della gamma 13 su Geekbench 6 registra infatti 1286 punti in single-core e 3409 punti in multi-core, mentre con Antututu tocca la cifra di 1.489.886 punti, 359127 per la CPU e 517238 per la GPU.
Per mettere alla prova Xiaomi 13T Pro abbiamo utilizzato tre grandi classici del mobile gaming: Call of Duty Mobile, Genshin Impact e Asphalt 9.
CoD Mobile, con preset qualità e framerate impostati su "Alto" e con tutti i settaggi relativi a fisica e illuminazione attivati, restituisce 60 fps stabili anche nelle situazioni di gioco più concitate e con temperature che non abbiamo mai visto salire oltre i 44 gradi.

L'RPG targato MiHoYo si comporta altrettanto bene: Genshin Impact con preset "Alto" non fatica a mantenere i 60 fps e una volta impostato tutto al massimo l'ammiraglia di Xiaomi riesce comunque a fornire 30 fps granitici, per un'esperienza del tutto simile a quella console. Anche in questo caso le temperature non hanno superato i 45 gradi, persino dopo lunghe sessioni di gioco.
Ultimo ma non meno importante, Asphalt 9: il celebre arcade-racing mantiene costantemente i 60 fps con tutti i dettagli impostati al massimo e ancora una volta senza nessun cedimento sul fronte delle temperature.

L'esperienza di gioco di Xiaomi 13T Pro non si ferma però ai meri numeri: lo smartphone di Xiaomi porta in dote il sistema dedicato Game Turbo che permette di organizzare rapidamente tutti i giochi scaricati e di ottimizzare le prestazioni.
Una volta lanciata una sessione infatti, una comoda barra a comparsa laterale permetterà di incrementare le performance di gioco, ottimizzando le risorse hardware e limitando alcune funzionalità che possono disturbare l'esperienza, come per esempio la regolazione automatica della luminosità.
Dalla stessa tab è poi possibile visualizzare il framerate di gioco o scattare screenshot, oltre ad accedere a simpatiche funzionalità come il cambio di tonalità della voce in chat.


Xiaomi 13T Pro è quindi un dispositivo completo che all'eccellenza del comparto fotografico abbina prestazioni di livello assoluto anche nel gaming. Il "mid-gen" della casa ha tutto il potenziale per diventare una macchina da gioco mobile che non scende a compromessi.
Vi ricordiamo che Xiaomi 13T Pro è già disponibile a partire da 899,90 euro.