Xiaomi Black Shark: Snapdragon 845 per il presunto smartphone gaming

I rumor degli ultimi giorni vogliono Xiaomi alle prese con la realizzazione di uno smartphone dedicato ai giocatori, sulla scia del Razer Phone.

speciale Xiaomi Black Shark: Snapdragon 845 per il presunto smartphone gaming
Articolo a cura di

Smartphone e gaming sono oggi un connubio indissolubile. Sia sul fronte Google che su quello Apple i rispettivi store offrono migliaia di titoli di ogni tipo, dagli sparattutto ai tower defense, passando per avventure grafiche e grandi miti del passato. Un'offerta davvero molto ampia, che sul fronte della qualità lascia molto spesso a desiderare, ma che rappresenta una miniera d'oro per gli sviluppatori. Grazie agli smartphone, il gaming è diventato davvero di massa, ecco perché l'arrivo di device indirizzati a questo tipo di utilizzo era solo una questione di tempo. Per prima è arrivata Razer con il suo Razer Phone, un prodotto molto potente e con una caratteristica unica, uno schermo a 120 Hz che dona maggiore fluidità all'interfaccia e ai titoli ottimizzati per sfruttarlo, ma ora anche Xiaomi sembra voler entrare nel settore, almeno secondo i rumor. Visto il recente sbarco in Italia del produttore cinese questa notizia diventa ancora più interessante, anche se per ora mancano ancora molti dettagli sulle sue caratteristiche.

Poche informazioni

Allo stato attuale, le uniche informazioni corpose giunte fino a questo momento arrivano da Antutu, dove un device chiamato "Black Shark" ha fatto capolino di recente, mostrando una scheda tecnica molto spinta. Non sembra mancare davvero nulla a questo device, che offre un SoC Snapdragon 845, CPU top di gamma Qualcomm per questo 2018, dotato della nuova GPU Adreno 630. Lo schermo sarà borderless con aspet ratio 18:9 e risoluzione Full HD+, mentre il benchmark indica 8 GB di RAM e 32 GB di spazio di archiviazione. Per ora non si sa altro, ma allora perché il device viene associato al gaming? Semplicemente perchè a curarne la realizzazione non dovrebbe essere direttamente Xiaomi ma Nanchang Black Shark Technology Co.Ltd, azienda che vede una forte partecipazione di Xiaomi a livello di investimenti. Non è la prima volta che sentiamo parlare di aziende tech cinesi in cui Xiaomi ha investito, basti pensare a Yi, per un modello di business particolare ma che sta portando l'azienda asiatica ad avere partecipazioni in molte realtà tecnologiche emergenti cinesi. Proprio Black Shark Technology ha mostrato sul proprio sito ufficiale un piccolo indizio che indica la realizzazione di uno smartphone da gioco. Ovviamente si tratta di indiscrezioni da prendere con cautela, ma sembra proprio che nel 2018 assisteremo all'arrivo di un maggior numero di smartphone dedicati ai giocatori. Il gaming funziona, la dimostrazione è sotto gli occhi di tutti, per un mercato che sforna periferiche e dispositivi nuovi a cadenza settimanale.

Certo associare il concetto di "gaming" a uno smartphone è oggi molto difficile. Razer ci ha provato portando una novità unica nel suo genere, il già citato schermo da 120 Hz del suo Phone. Anche Xiaomi potrebbe seguire questa strada, ma sottolineare ulteriormente l'animo "gaming" di un telefono non è semplice, soprattutto in un mercato che consente, anche con dispositivi di gamma media, di giocare a praticamente tutti i titoli disponibili. Insomma, non nascondiamo un certo scetticismo su operazioni di questo tipo, ma meglio attendere ulteriori novità da Xiaomi, almeno per scoprire se i telefoni per giocatori saranno uno dei trend di questo 2018, magari con l'arrivo anche di altri brand, come Asus, che possiedono un background più focalizzato in questo ambito.